laRegione
27.04.22 - 05:30

Solduno, dopo il fatto di sangue, per molti le valigie

A tutto cinema, Castelli nuovo direttore artistico a Soletta e Bertoli in campo per la Lex Netflix. Passando da Villa Favorita e dal Comunale

solduno-dopo-il-fatto-di-sangue-per-molti-le-valigie

C’è chi resta, ma c’è anche chi va. E questi ultimi sono parecchi, dall’immobile in via Vallemaggia a Solduno dove la sera del 21 ottobre si è consumato il dramma culminato con il ferimento di una 22enne per mano (armata di fucile) di un sangallese 20enne. Almeno in dieci hanno già fatto le valigie dopo il fatto di sangue. E ad andarsene sono stati anche parecchi dallo stabile di fronte. Nell’edizione odierna vi proponiamo alcune testimonianze di chi ha scelto di partire e di chi, invece, ha comunque deciso di restare.

Il sostegno solido alla cinematografia svizzera è un compito importante che "Confederazione e Cantoni si assumono volentieri, ma che migliorerebbe in maniera tangibile aggiungendovi un piccolo contributo ricavato dagli utili delle piattaforme internazionali che diffondono film e serie via streaming in Svizzera". A dirlo è Manuele Bertoli, che in vista delle votazioni del 15 maggio spezza una lancia a favore della ‘Lex Netflix’.

 

Villa Favorita, una storia lunga diciotto anni. Tanti ne sono infatti trascorsi da quel 10 settembre 2004, data in cui Martino Rossi inoltrava al Consiglio comunale una mozione per l’"apertura al pubblico di accesso e percorso del viale e del parco sulla riva del lago e la valorizzazione degli edifici e del giardino a fini culturali, ricreativi e turistici". Diciotto lunghi anni, densi di rapporti, negoziati, discussioni e silenzi. Il risultato? Una ‘Promenade Favorita’ con solo lievi ritocchi strutturali. Il classico topolino partorito da una montagna, commenta lo stesso estensore della mozione.

A volte ritornano. Come Marco Schällibaum, che a 14 anni di distanza ritrova le redini del Bellinzona. Allora ereditandole da Vladimir Petkovic, partito dal Comunale alla volta di Berna, sponda Young Boys, con i granata freschi di promozione in Super League. Stavolta il testimone lo rileva da Jaean-Michel Aeby, alla vigilia della volata finale per acciuffare il Breitenrain nel campionato di Promotion League.

Buona lettura!

 

Leggi anche:

Solduno, dopo il fatto di sangue fuggi fuggi d’inquilini

Sì al sostegno della cinematografia svizzera

Lugano, quel ‘topolino’ partorito per Villa Favorita

Sei partite e un solo obiettivo: la Challenge League

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved