laRegione
bastoni-carote-bombe-e-ayatollah
Manifestazione anti-nucleare (Keystone)
L'analisi
13.03.21 - 12:520

Bastoni, carote, bombe e ayatollah

Dopo il pugno duro di Trump, Biden cerca un avvicinamento con l'Iran sul nucleare. L'obiettivo è frenare candidati ultrareazionari nelle elezioni di giugno

Prove di dialogo in Medioriente tra lo scetticismo generale. La novità è che Joe Biden ha cambiato posizione rispetto a quella di Donald Trump, così i diplomatici stanno trattando. Dopo 20 mesi dall’abbandono dell’accordo internazionale sul programma atomico iraniano da parte degli Stati Uniti, ora Washington è disponibile a riaprire una qualche discussione strutturata con Teheran, che, però, prende tempo.

L’obiettivo di Biden è salvare quello che resta di quanto raggiunto nel luglio 2015, quando – dopo anni di negoziati infruttuosi - Usa, Gran Bretagna, Francia, Germania, Cina e Russia riuscirono a far firmare al Paese degli ayatollah un’intesa grazie alla quale si imponevano limiti alle attività nucleari e la visita degli ispettori dell’Aiea in cambio di un allentamento delle sanzioni.

L’Iran ha sempre affermato che il suo programma ha scopi civili, ma i vicini ne dubitano. La comunità internazionale e Israele in particolare non vogliono che Teheran si doti dell’arma atomica. Alle Nazioni Unite, nel 2010, furono approvate pesanti sanzioni anche grazie al voto di Russia e Cina.

Proprio la posizione costruttiva del Cremlino facilitò l’accordo del 2015: l’Iran invia in Russia il materiale nucleare utilizzato, eliminando uno dei problemi maggiori. Basandosi su calcoli degli ultraconservatori israeliani, Trump si rese conto che, comunque, Teheran in pochi anni avrebbe potuto avere la bomba atomica. Così, nel maggio 2018, gli Usa uscirono dall’accordo, pretendendone uno nuovo, in cui inserire anche il programma missilistico balistico e l’impegno formale a uscire dai conflitti regionali. Gli ayatollah risposero di “no”. Risultato? L’introduzione di nuove sanzioni Usa, che hanno peggiorato la crisi economica.

Biden è tornato alla carota. La ragione è semplice: l’accordo del 2015 è in pratica fallito e gli iraniani non rispettano più i limiti definiti alle attività nucleari. Il margine temporale per raggiungere la possibile bomba atomica si è assottigliato.

Vi sono, però, anche fini calcoli politici nella scelta di Biden: a giugno sono previste le presidenziali iraniane. Il moderato Rouhani, favorevole all’intesa, non può più candidarsi. I “duri” del regime vorrebbero che l’accordo saltasse del tutto per meglio giustificare davanti alla popolazione l’attuale grave crisi economica provocata dalle sanzioni. Le proteste di recente sono aumentate con l’elevarsi del tasso di disoccupazione. Biden, in sostanza, spera di sfruttare a proprio favore la presente finestra temporale. I repubblicani Usa sono dubbiosi: temono che concedere altro tempo agli ayatollah o allentare la presa sia un errore.

Israele, preoccupato, osserva gli eventi, mentre i suoi mass media scrivono che il premier Netanyahu, assai vicino a Trump, sia stato uno degli ultimi leader mondiali a essere chiamato da Biden dopo l’insediamento alla Casa bianca. Come per il prolungamento del trattato Start-3 sulla riduzione degli arsenali nucleari, definito nell’arco di pochi giorni alla fine di gennaio, anche in questa partita il rapporto tra Russia e Stati Uniti è centrale per raggiungere un qualche risultato positivo. Nel momento in cui si passa dal litigare sui valori fondamentali al trattare le questioni geostrategiche, è necessario evidenziarlo, il mondo scopre tutta la sua fragilità. Senza Russia e Cina vincere le sfide globali è terribilmente complicato.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
L'ANALISI
19 ore
Scelta intrigante, ma in gioco c’è una fetta di credibilità
A Croci-Torti manca l’esperienza e non l’entusiasmo o la competenza. Quella della nuova dirigenza bianconera è una scommessa che sarebbe disastroso perdere
Commento
19 ore
Putin ha vinto, ma un po’ meno
Il suo partito ha perso forza, ma si impone comunque alle legislative tra abitudine, paura, pressioni e accuse di brogli
Commento
1 gior
Metti la Svizzera nell’‘anglosfera’
Lo strano gioco delle alleanze ha messo la Francia in un angolo. Berna guarda decisa verso Londra e, soprattutto, Washington
Commento
1 gior
A bordocampo uno scaricatore di porto arrossirebbe
La deriva nel linguaggio e nel comportamento del tifo: sui campi di calcio crescono l’aggressività e il turpiloquio facile
Commento
3 gior
Tra spinte gentili e presunte derive autoritarie
L’immunità di gregge è l’obiettivo da raggiungere per buttarsi alle spalle l’incubo Covid. E il pass è uno dei modi. L’altro è l’obbligo vaccinale
Commento
3 gior
Rimborsi per legittima difesa, aridaje
Per colpa di un condizionale mancante bisogna rivotare un’iniziativa che non sta in piedi. Prima i promotori facevano i duri, ora le povere vittime
Commento
4 gior
Più o meno tasse per i super ricchi 
I grandi contribuenti devono essere tassati maggiormente o sgravati? Ci sono due possibili risposte suggerite dalla politica
Commento
4 gior
Schiave invisibili dei trafficanti
Per incastrare i criminali servono testimoni, ma le vittime vanno difese meglio e sostenute, altrimenti nessuno parla
Commento
4 gior
Una sinistra che fa la sinistra, con tutto ciò che ne consegue
Il Piano di rilancio del Ps apre molti interrogativi sui fondi per finanziarlo, a partire dalla questione delle stime. Ma è un bene per il dibattito politico
L'analisi
5 gior
L’illusione del mercato autoregolato
Salario minimo: la vicenda delle tre aziende del Mendrisiotto ripropone la storica contrapposizione tra due visioni dell’economia e della società
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile