laRegione
l-altruismo-di-chi-parte-e-le-vite-salvate
laR
 
22.04.22 - 05:30
Aggiornamento: 15:59

L’altruismo di chi parte e le vite salvate

Decidere in vita se si vuole donare o meno i propri organi è un fardello in meno che lasciamo a chi resta

Una cosa sola è certa, un giorno lasceremo il nostro corpo. Non ci servirà più. Lo cambieremo (forse) come si toglie un vestito vecchio, per indossarne un altro nuovo. Ci lasceremo indietro tante altre cose. Affetti, soldi, proprietà varie. Le questioni materiali sembrano più facili da regolare, si decide a chi andrà che cosa, e lo si scrive in un testamento. È più difficile pensare che cosa fare del proprio corpo. L’altruismo di chi parte, può salvare la vita a diverse persone. Lo sappiamo, ma fatichiamo comunque a pensare al nostro corpo senza di noi, al nostro cuore che batte in un altro petto, magari di un bambino. Eppure a noi quel cuore non serve più.

Solo il 16% degli svizzeri ha una tessera di donatore di organi, malgrado nei sondaggi il 75% circa del popolo elvetico si dice favorevole a donare i propri organi in caso di morte cerebrale. Qualcosa non torna. Forse il tema è talmente intimo che i sondaggi non riescono a fotografare le reali intenzioni degli svizzeri. Di fatto, quello che succede nelle cure intense degli ospedali, quando un potenziale donatore muore improvvisamente, è che nel 60% dei casi i familiari, sotto shock, decidono di non donare gli organi del loro caro. Forse perché in quei momenti drammatici si prende la decisione che appare meno dolorosa. A onor del vero il Ticino è quasi una mosca bianca in Svizzera, è un cantone tra i più generosi.

C’è comunque uno spirito solidale diffuso, registrato dai sondaggi, che non si concretizza in più organi per le 1’434 persone in lista di attesa. Ogni settimana muoiono fino a due persone aspettando un trapianto.

In Svizzera il tasso di donazione d’organi è più basso rispetto a diversi Paesi europei. Per questo motivo, si vuole cambiare modo di affrontare la questione, passando da un sistema di consenso esplicito a un modello di consenso presunto. Oggi la donazione avviene se l’interessato in vita si è espresso a favore. Se dovesse passare la modifica della legge sui trapianti in votazione il 15 maggio, chi non vuole donare i propri organi dovrà dichiararlo. Sembra un cambiamento da poco, ma non è così. Se oggi la normalità è non donare i propri organi, in futuro il presupposto sarà l’opposto: tutti, in caso di morte cerebrale, diventano potenziali donatori. È un modo per ‘invitare’ gli svizzeri a prendere posizione sul tema e non lasciare i propri parenti a brancolare nel buio. Un fardello che ciascuno dovrebbe regolare, senza scaricarlo sulle spalle di chi resta.

Ben venga dunque un sistema che permetta di fare più luce sul volere delle persone, perché questo è lo scopo, rispettare le intenzioni di chi parte, che troppo spesso nessun parente conosce. E comunque anche col nuovo modello, per chi non si è espresso in vita, sarà la famiglia a decidere.

C’è chi obietta che il silenzio non può valere come un consenso, che sarà difficile riuscire a informare tutti adeguatamente. Infatti chi non vuole donare i propri organi dovrà segnalarlo su un registro nazionale. Lo Stato dovrà fare l’impossibile per informare in modo capillare tenendo conto anche delle minoranze che vivono in Svizzera. Così che ciascuno possa decidere liberamente, seguendo le proprie credenze, prima di arrivare al confine tra vita e morte.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
organi vita vuole donare
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
22 ore
L’Ucraina e le ambiguità del Papa
Si sbloccano il viaggio a Kiev, l’incontro con Kirill e forse anche con Putin. Bergoglio doveva fugare alcuni dubbi dopo le sue dichiarazioni stonate
Commento
2 gior
È il carovita, bellezza!
La ricomposizione del potere d’acquisto dei salariati risulta auspicabile e priva di rischi: a trarne beneficio sarebbe tutta l’economia
Commento
3 gior
Orbán il sovranista e la ‘purezza razziale’
‘Non vogliamo diventare un popolo di razza mista’, ha detto l’autocrate ungherese che Meloni saluta come ‘leader dei sovranisti’
il commento
4 gior
Taiwan, sdraiata su una mina
La visita di Nancy Pelosi è la dimostrazione che ogni mossa eclatante non può far bene all’isola, eppure l’immobilità la condurrà allo stesso destino
Locarno75
5 gior
Un Film Festival à la carte: comincia l’avventura
Oggi, in una rassegna, non contano solo i film, ma anche le comparse su più o meno rossi tappeti. Eppure, la selezione di quest’anno è degna di curiosità
Commento
6 gior
Neutralità non è star sopra un albero
Questo primo d’agosto, dopo stranieri e cittadini radical chic, la destra si è trovata un nuovo nemico: quelli che ‘tradiscono’ la neutralità svizzera
il commento
1 sett
Il Covid muta, la Cina no
Su Science i dati che mostrano come la pandemia sia nata nei mercati di Wuhan, ma a Pechino – dove tutto tace – nessuno vuole cambiare regole e abitudini
Commento
1 sett
Basta un complimento alla ragazza sbagliata e parte la rissa
Settecento procedimenti penali contro minorenni nei primi sei mesi dell’anno è un record. I nuovi volti della violenza giovanile
Commento
1 sett
Quando ‘le mie cose’ ci imponevano i calzoncini
Il ciclo mestruale pare sdoganato dalla recente presa di posizione di alcune sportive preoccupate dal bianco delle loro divise
Commento
1 sett
La Restaurazione dei Gelsomini
Il presidente Saïed ha messo fuori gioco tutti gli avversari politici e ha imposto una Costituzione che cancella la Rivoluzione del 2011
© Regiopress, All rights reserved