laRegione
laR
 
05.04.22 - 05:30
Aggiornamento: 09:14

La lezione di Sarajevo

Ci sono le parole e ci sono i fatti e c’è anche un tempo per la complessità, ma non sotto le bombe, oggi come allora

la-lezione-di-sarajevo
Tombe a perdita d’occhio nel cimitero di Bare, a Sarajevo (Keystone)

Se c’è una cosa che ci ha insegnato l’assedio di Sarajevo è che non impariamo mai niente.

E che le parole sono importanti, ma i fatti di più. Sarajevo ci ricorda che la "complessità" di cui tanto si parla oggi – per tutt’altre questioni che poi sono la stessa questione – è un lusso che non ti puoi permettere quando ti ritrovi con le spalle al muro e il nemico alle porte. O sui tetti, che era ancora peggio, perché dentro un mirino che ti inquadra dall’alto sei un bersaglio enorme, mentre chi ti spara è invisibile, eppure ha il potere di ucciderti.

Sarajevo, durante quell’assedio iniziato esattamente trent’anni fa, era la città dei cecchini. Erano appostati tutt’intorno la capitale bosniaca e avevano studiato un’arma che era infinitamente più potente di quelle che tenevano in mano: l’annientamento psicologico. Ai sarajevesi erano negati l’acqua, l’elettricità, il gas, la possibilità di muoversi. Era negato vivere.


Il cartello di una donna bosniaca: ‘Imparate da Sarajevo, salvate Kiev’ (Keystone)

C’è una mappa che a Sarajevo vendono ancora dappertutto (pubblicata qui a pagina 3) e che rende bene l’idea di come fosse accerchiata, strangolata, diventata una trappola da cui era difficile uscire e in cui era facilissimo morire.

Si moriva in coda per l’acqua, attraversando la strada, andando al mercato a vendere o a barattare quel poco che si aveva. Si moriva andando ai funerali, che venivano organizzati di notte o nella nebbia mattutina per cercare di mimetizzarsi con il buio e la foschia. Eppure Sarajevo ha resistito, e lo ha fatto – paradossalmente – proprio perché non c’era più nessuna complessità a cui aderire. Era vivere o morire: semplice. Se non c’è più legna si brucia un mobile, se non c’è più caffè, si beve qualsiasi cosa si possa macinare. Se non c’è più un teatro, lo si crea in uno scantinato: perché anche un teatro può diventare essenziale se il tuo obiettivo è sopravvivere. Non era la fantasia che faceva difetto ai sarajevesi, che – anzi – dovettero industriarsi non poco per venire a capo di albe che dovevano diventare notti con nulla. La complessità delle soluzioni c’era, ma era al servizio di un pensiero basico, primitivo, reale: restare vivi.

Trent’anni dopo esatti la storia scherza con se stessa e infila nell’anniversario di quell’assedio un’altra guerra di aggressori e aggrediti: complessa (se si vuole, per chi vuole) eppure infinitamente semplice. I russi che invadono, gli ucraini che si difendono. Oggi Bucha pare una piccola Srebrenica, Mariupol un’enorme – e auguriamoci meno protratta nel tempo – Sarajevo.

Le fosse comuni, gli assedi, i morti. Diciamo mai più e poi da qualche parte qualcuno ricomincia sempre: ognuno ha una soluzione, più o meno condivisibile, ma l’unica che riconduce ai fatti e non alle opinioni è la soluzione che un popolo aggredito sceglie per sé. Se Sarajevo avesse ceduto sotto i colpi dei serbi avremmo perso una città di inestimabile valore morale, che oggi è simbolo della resistenza umana all’abominio e alla sopraffazione, un luogo che è "misura dell’anima", come scrisse l’assediato Marko Vesovic.


L’ex biblioteca di Sarajevo, bombardata nel 1992 dai serbi, con i colori dell’Ucraina (Keystone)

Mentre una guerra viene vissuta e l’altra ricordata, si è votato proprio in Serbia, dove brilla ancora la stella dell’uomo forte Vucic, un nazionalista che prova a tenere il piede in due scarpe, ma se costretto a scegliere le preferisce Made in Russia. Non a caso nel 2015 a bloccare all’Onu la definizione di ‘genocidio’ per il massacro di Srebrenica fu il veto dei russi. Negavano una parola per negare un fatto, ma il fatto resta. E le ragioni si trovano nei fatti. Oggi come allora.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
La formica rossa
2 ore
A Carnevale ogni firma vale?
Si dice che in amore e in guerra tutto sia lecito, ma vale lo stesso nella democrazia diretta?
IL COMMENTO
3 ore
Il pallone sgonfiato e la guerra della disinformazione
È probabile che il pallone non costituisse una vera minaccia, ma la sua presenza nei cieli americani ha assunto una forte valenza geopolitica
IL COMMENTO
2 gior
I due estremi del cerchio
Le criticità del settore sociosanitario e quelle del socioeducativo sono intrinsecamente legate: la situazione è preoccupante
IL COMMENTO
3 gior
L’Udc, la destra italiana e la politica del dispetto
Su entrambe le sponde della Tresa si moltiplicano l’ostruzionismo ai soccorsi dei migranti e le ‘idee balzane’ circa le pratiche d’asilo
Il commento
4 gior
Minchia signor Zelensky
Perché Sanremo è Sanremo, ma non è e non potrà mai essere soltanto musica. Per fortuna
IL COMMENTO
5 gior
L’altra battaglia nel cuore di Mosca
Gli equilibri di potere decideranno le sorti della guerra quanto il campo. Cani sciolti, militari e Fsb: Putin sa come mettere gli uni contro gli altri
IL COMMENTO
6 gior
Da Guzmán a Messina Denaro
Affinità e (soprattutto) divergenze tra gli arresti dei due supercriminali
il commento
1 sett
Tornato Netanyahu, tornate le stragi
Dietro l’escalation di violenza tra israeliani e palestinesi non si può non vedere l’ombra di ‘Bibi’, appena tornato al potere
La formica rossa
1 sett
‘Guerra bbbrutto’
"Esigere la pace" è la presunta soluzione al conflitto in Ucraina di chi si oppone alla consegna dei carri armati a Kiev
IL COMMENTO
1 sett
Soldi finti, pirati veri
Riflessioni sulle dinamiche che, negli ultimi anni, hanno portato al fallimento della squadra rossoblù
© Regiopress, All rights reserved