laRegione
Guerra in ucraina
13.04.22 - 21:26

Si stringe l’assedio russo attorno a Mariupol

Aspri combattimenti nell’acciaieria della città diventata il quartier generale del battaglione Azov. Mosca annuncia la presa del porto

di Cristoforo Spinella, Ansa
si-stringe-l-assedio-russo-attorno-a-mariupol
Keystone
Le truppe russe avanzano

Una battaglia corpo a corpo per Mariupol. Dopo settimane di bombardamenti e assedio che hanno stremato la popolazione, con centomila persone in disperata attesa di un’evacuazione, e dopo gli attacchi dei droni con sospette armi chimiche per "stanare le talpe" nemiche, il conflitto nel luogo simbolo del martirio dell’Ucraina cala sempre più sul terreno, tra scontri a fuoco strada per strada nei meandri arroventati dell’acciaieria Azovstal, il gioiello dell’industria metallurgica della città trasformato nel quartiere generale dei suoi ultimi difensori, i tremila combattenti del battaglione Azov. Mentre si lotta senza sosta, la sfida parallela della propaganda di guerra si consuma sul morale delle truppe. Dopo che i separatisti filo-russi avevano rivendicato il "totale controllo" del porto - negato da Kiev ma riaffermato in serata da Mosca - la Russia ha dipinto un nemico ormai alle corde, piegato e sempre più demoralizzato. Al punto che 1’026 militari ucraini si sarebbero arresi, tra cui 162 ufficiali e 47 soldatesse. Secondo il portavoce della Difesa russa, il maggiore Igor Konashenkov, a cedere le armi sono state le truppe "della 36/ma brigata di marines, nei pressi dell’acciaieria Ilyich", da giorni al centro di un rimpallo via social di appelli disperati e smentite di una resa. E ancora una volta, Kiev ha smentito che abbiano ceduto. L’ufficio del presidente Volodymyr Zelensky ha anzi rivendicato che alcune unità della stessa brigata sarebbero riuscite "con un’azione molto rischiosa" a serrare le fila con il reggimento Azov, raggiungendo i più accreditati difensori della città nel loro fortino.

Il sindaco Bychenco: ‘Almeno 20 mila vittime civili’

A Mariupol la situazione umanitaria è intanto allo stremo. "I russi hanno distrutto gli ospedali e tutta la città. Questo è un genocidio lanciato da un criminale di guerra, Putin, contro la nostra nazione. Finché resisteremo, resisterà anche l’Ucraina", è il grido di dolore e orgoglio del sindaco Vadym Boychenko, che conferma il bilancio di "almeno ventimila" vittime civili e lo sforzo dei russi "di nascondere le prove delle atrocità commesse, utilizzando anche i forni crematori mobili". Dalla città assediata, oltre metà della popolazione rimasta cerca ancora di fuggire. Almeno centomila persone intrappolate, secondo le autorità locali, con scarse prospettive di evacuazione, visto che i corridoi umanitari continuano a restare di fatto bloccati, se non per poche iniziative con mezzi privati. Mentre il segretario generale dell’Onu, Antonio Guterres, ha spiegato come "al momento non ci sia nessuna possibilità di un cessate il fuoco globale", né di una tregua localizzata per far allontanare i civili e portare aiuti in sicurezza. Una speranza potrebbe arrivare dalla Turchia, principale mediatore tra Russia e Ucraina, che ha fatto sapere di essere pronta a mettere "a disposizione navi per l’evacuazione di persone da Mariupol e resta in attesa di una risposta positiva".

‘Deportazioni di massa verso la Russia’

L’offensiva russa continua nel frattempo a puntare sul Donbass, dove continua a bombardare e sta raggruppando le forze per tentare la spallata definitiva e prendere il controllo dell’intero territorio delle regioni di Donetsk e Lugansk. È soprattutto da queste zone che parte della popolazione è già stata "deportata" in Russia, secondo Kiev: oltre mezzo milione di persone, ha denunciato Zelensky, condotte con la forza in regioni remote del Paese, confiscandone documenti e oggetti personali, come i telefoni cellulari, e separando i bambini dai loro genitori per consentire alle famiglie russe di adottarli illegalmente. Se l’obiettivo strategico si concentra a est, Mosca torna a minacciare anche Kiev, da cui le sue truppe si sono ritirate lasciandosi alle spalle i massacri di Bucha e delle altre città satellite. La Difesa di Putin si è detta pronta a colpire i centri di comando nemici, anche nella regione della capitale, se l’esercito ucraino continuerà nei suoi tentativi di attaccare strutture in Russia.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
iran
13 ore
Teheran rilascia il regista Panahi dopo 7 mesi di carcere
Libero il vincitore del Leone d’Oro 2000. Foto scioccanti di un altro attivista durante lo sciopero della fame
la guerra in ucraina
13 ore
Kiev denuncia il capo del gruppo Wagner per crimini di guerra
Prigozhin nel mirino: ‘Non sfuggirà alle sue responsabilità’
la guerra in ucraina
13 ore
Zelensky all’Ue: ‘Negoziati nel 2023’. Dubbi tra i 27
Michel insiste, indispettendo i russi: ‘Il vostro destino è con noi’
stati uniti
13 ore
Pallone-spia cinese sugli Usa, Blinken non va a Pechino
L’ira di Washington. La Cina si scusa: ‘Faceva solo rilievi meteo’
medio oriente
13 ore
La Siria restaura il museo di Palmira distrutto dall’Isis
Ma l’area è oggi una piazzaforte di milizie jihadiste filo-Iran
Cina
18 ore
‘Macché pallone spia: è una sonda per misurazioni meteo’
Pechino si rammarica per l’incidente: ‘Pronti a collaborare per un’adeguata gestione di questa situazione imprevista causata da forza maggiore’
Estero
1 gior
Il pallone aerostatico sorvola una base con missili nucleari
Gli Stati Uniti si dicono ‘molto sicuri’: ‘Si tratta di una spia cinese’. Ma per questioni di sicurezza non sarà abbattuto
oceania
1 gior
L’Australia non vuole Re Carlo sulle sue banconote
L’erede di Elisabetta non apparirà sui nuovi 5 dollari. Al suo posto una figura per onorare la cultura aborigena
asia
1 gior
Gli Usa sbarcano nelle Filippine, accordo anti-Cina
Altre 4 basi per la difesa a Taiwan, la vigilia dell’incontro Blinken-Xi si fa tesa
economia
1 gior
La Bce alza i tassi di mezzo punto
La mossa della Banca centrale europea fa seguito a quella della Fed, che aveva appena fissato un rialzo dello 0,25%
© Regiopress, All rights reserved