laRegione
il-buono-lo-struzzo-il-cattivo
Il cartello “Stop Putin” davanti all’ambasciata russa a Mosca
03.03.22 - 05:30
Aggiornamento: 17:42

Il buono, lo struzzo, il cattivo

Il pacifismo è un obiettivo irrinunciabile, non un principio monolitico. Bisogna contestualizzare gli eventi e non farsi guidare da istinti e preconcetti

Se è vero che un pessimista non è altro che un ottimista ben informato, è altrettanto vero – almeno oggi, almeno davanti alle notizie che arrivano dall’Ucraina – che un interventista può essere un pacifista che ha visto, letto e soprattutto capito abbastanza da rendersi conto che ci sono momenti in cui non resta che sporcare i propri principi pur di salvarli.

La maggior parte di noi vive nella convinzione che la propria visione del mondo e i propri ideali debbano essere monoliti ficcati nelle nostre teste negli anni della formazione e non più modificabili né barattabili, pena una perdita di purezza che ci renderebbe sgraditi agli altri e a noi stessi. Così stiracchiamo le nostre certezze per preservare l’idea che abbiamo di noi, perché provocare uno scarto – anche minimo, anche momentaneo – potrebbe mettere in disequilibrio l’autonarrazione di una vita intera.

Eppure togliersi anche solo per una volta il paraocchi – che in democrazia, dove ci troviamo, è sempre autoimposto – sarebbe già qualcosa. Che poi quel che vediamo intorno non ci piaccia o non si voglia affrontarlo è un altro discorso.

Rifuggiamo dal pensiero laterale e dal pensiero debole scambiandoli per sintomi di stravaganza e fragilità, eppure il tempo del pensiero forte, delle certezze (la storia lineare, le religioni, il marxismo...), della verità coincidente con un dogma è finito. Ci può credere Putin, simbolo di un mondo autoritario e decadente che sta scomparendo e proprio per questo lotta disperatamente per sopravvivere; non dobbiamo crederci noi, che siamo cresciuti in un Occidente che ci spreme e ci stressa, ma ci dà ancora la libertà di pensare e poi scegliere.


Fiori sopra una bandiera con il simbolo dell’ucraina (Keystone)

Scambiare le sanzioni alla Russia da parte della Svizzera come un’abiura alla propria storica neutralità non è pensiero debole né laterale, anzi, non è proprio un pensiero, ma un riflesso pavloviano. La neutralità è un valore, e anche un ragionamento, non l’istinto di uno struzzo che per paura infila la testa sotto la sabbia.

Lo stesso discorso vale per le critiche ai Paesi europei che inviano armi all’Ucraina invasa. Se l’Ue è nata come grande esperimento pacifista (esperimento riuscito al suo interno, dove nessuno ha mai dichiarato guerra a nessuno), non vuol dire che non possa appoggiare una guerra difensiva proprio per affermare un principio: la guerra non si fa. Stare con l’aggredito e denunciare l’aggressore non è genuflessione dinnanzi alla Nato, è mettersi dalla parte giusta della Storia.

Riconoscere da che parte stare, anche se – potendo scegliere – non vorremmo stare da nessuna parte, è una coercizione e allo stesso tempo esercizio di libertà. Noi ne abbiamo talmente tanta e da tanto tempo da non saperla riconoscere; la vera cartina di tornasole sono le piazze strapiene e la straripante, inattesa solidarietà degli ex Paesi comunisti nei confronti degli ucraini. Luoghi che hanno vissuto i totalitarismi, visto i carri armati russi entrare nelle stesse piazze dove ora c’è la democrazia. Loro potevano scegliere, dopo il crollo dell’Urss, se stare attaccati alla gonnella di Madre Russia, correre da soli o prendere il treno della Nato. Chi ha potuto è salito. Chi non ha potuto (Georgia, Ucraina, Kosovo) lo farebbe di corsa. Ripudiare la guerra altrui solo perché la si osserva da lontano è miserando, oltre che adolescenziale.

E se Putin ci ha trascinati in un mondo adulto, casomai sbaglieremo da professionisti, come diceva Paolo Conte. Ma sporcarsi le mani e gli ideali è ormai inevitabile. Non è neanche la parte più difficile. Quella è guardarsi allo specchio e riconoscere ancora sé stessi e i propri principi, magari stropicciati per scelta propria e non calpestati per imposizione altrui.


Un cargo con armi francesi destinazione Romania e poi Ucraina (Keystone)

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
armi guerra kiev nato neutralità pacifismo russia russiaucraina struzzo svizzera
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
4 ore
Carlo Calenda, il guastatore
L’ego del nipote di uno dei maestri della commedia all’italiana rischia di consegnare l’Italia al centro-destra del trio Meloni-Salvini-Berlusconi
La formica rossa
4 ore
Aló Presidente, il richiamo ‘bolivariano’ di Alessandro Speziali
Se gli aperitivi in salsa elettorale iniziano già a metà agosto, come faremo ad arrivare ‘fit’ ad aprile 2023?
Commento
1 gior
Russia, teatro di uno scontro tra due generazioni
I 70enni, ubriachi di propaganda televisiva, appoggiano l’Operazione militare speciale. I minori di quaranta chiedono l’apertura di trattative con Kiev
Commento
2 gior
L’Ucraina e le ambiguità del Papa
Si sbloccano il viaggio a Kiev, l’incontro con Kirill e forse anche con Putin. Bergoglio doveva fugare alcuni dubbi dopo le sue dichiarazioni stonate
Commento
4 gior
È il carovita, bellezza!
La ricomposizione del potere d’acquisto dei salariati risulta auspicabile e priva di rischi: a trarne beneficio sarebbe tutta l’economia
Commento
5 gior
Orbán il sovranista e la ‘purezza razziale’
‘Non vogliamo diventare un popolo di razza mista’, ha detto l’autocrate ungherese che Meloni saluta come ‘leader dei sovranisti’
il commento
6 gior
Taiwan, sdraiata su una mina
La visita di Nancy Pelosi è la dimostrazione che ogni mossa eclatante non può far bene all’isola, eppure l’immobilità la condurrà allo stesso destino
Locarno75
1 sett
Un Film Festival à la carte: comincia l’avventura
Oggi, in una rassegna, non contano solo i film, ma anche le comparse su più o meno rossi tappeti. Eppure, la selezione di quest’anno è degna di curiosità
Commento
1 sett
Neutralità non è star sopra un albero
Questo primo d’agosto, dopo stranieri e cittadini radical chic, la destra si è trovata un nuovo nemico: quelli che ‘tradiscono’ la neutralità svizzera
il commento
1 sett
Il Covid muta, la Cina no
Su Science i dati che mostrano come la pandemia sia nata nei mercati di Wuhan, ma a Pechino – dove tutto tace – nessuno vuole cambiare regole e abitudini
© Regiopress, All rights reserved