laRegione
infantino-e-il-mondiale-di-halley
Keystone
La cosa triste è che i maggiori oppositori di Infantino sono quelli come Infantino
laR
 
24.12.21 - 05:30

Infantino e il Mondiale di Halley

Alla fine il presidente della Fifa è solo un imbonitore come tanti altri, che però vende il prodotto più popolare del mondo

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Viviamo in tempi accelerati, bulimici, moltiplicati. Mandavamo e ricevevamo sì e no 5 sms al giorno (anche perché li pagavamo), ora siamo inondati di notifiche 24 ore su 24. Il cibo si fotografava solo ai matrimoni e ai compleanni, ora se non esibisci online il piatto che hai davanti arrivano altre notifiche per chiederti come mai non hai mangiato. I giorni di festa erano una dozzina, sempre quelli, oggi – volendo – c’è sempre un motivo per festeggiare: da Halloween alla giornata internazionale della mangusta materica malgascia mancina mucillaginosa.

C’è l’app che accelera i messaggi vocali e il servizio streaming che ti fa vedere le serie tv a doppia velocità: le stesse serie tv che prima venivano centellinate, puntata dopo puntata, trasmesse una volta a settimana, e che ora ci vengono sbattute addosso tutte insieme. Ci autoconvinciamo che la soluzione sia vederle il più velocemente possibile: una specie di presa in ostaggio di noi stessi, una pratica che ci ha costretto a trovarle un nome inglese (binge watching) per renderla accettabile ai nostri stessi occhi.

C’è il robot per pulire prima e quello per cucinare in fretta. Così guadagniamo tempo per poter fare più cose. Il fatto che poi le facciamo tutte male viene considerato, chissà perché, un dettaglio.

Il Covid, si diceva, ci avrebbe insegnato a rallentare, a pensare meno al denaro, meno alla moltiplicazione di viaggi insensati e amicizie fittizie, a quella smania di voler accumulare futili esperienze, non per le esperienze in sé, ma per riempire vuoti, dentro e sui profili social.

In prima fila tra chi attraversa la pandemia con la stessa noncuranza di chi – di notte – si alza dal letto e va in bagno con la luce spenta c’è la Fifa. Il suo presidente, lo svizzero Gianni Infantino, si è messo in testa di far giocare il Mondiale di calcio ogni due anni: sfidando la tradizione (che lo vuole ogni quattro dal 1930), le nostre abitudini, il concetto di evento (amplificato proprio dal mix di eccezionalità e ritualità) e i calendari intasati delle leghe nazionali e delle federazioni continentali.

In un calcio con troppe partite, Infantino ha trovato una di quelle soluzioni contro-intuitive che in quei film in cui il protagonista rischia la vita sembrano una genialata, ma che nella vita reale non funzionano mai. La soluzione di Infantino è giocare ancora più partite, aggiungere squadre (dovrebbero essere 48, e chissà, forse così, riusciranno finalmente a qualificarsi anche il Liechtenstein o l’Italia), guadagnare più soldi: 4 miliardi, dice. E lo dice con un sorriso largo, guardandoci negli occhi, come se quei soldi conoscessero già la strada per arrivare al nostro Iban.

Alla fine Infantino è solo un imbonitore come tanti altri, stile pentole sul bus, che però vende il prodotto più popolare del mondo. Lo svilisce, lo svaluta, lo scarnifica e lo sottovaluta pure, sopravvalutandolo. Ovvero: pensa che aumentare le partite sia un modo matematico per aumentare gloria, fan e incassi. Non è detto che sia così, perché la gente prima o poi si stufa: non del calcio, che troverà un modo di sopravvivere a sé stesso, ma del baraccone intorno. E il baraccone è suo.

La cosa triste è che i maggiori oppositori di Infantino sono quelli come Infantino: le leghe nazionali, le società – che venderebbero l’anima alla Superlega, o anche al diavolo, se l’affare assicurasse una plusvalenza – e l’Uefa, che aumenta partite, ingigantisce coppe, inventa coppette e poi sbaglia i sorteggi. Per loro, la Fifa deve giocare meno perché devono giocare di più loro.

Ecco, se qualcuno deve proprio mettersi a capo di questa battaglia, che siano i calciatori (spremuti nel fisico) o il pubblico (spremuto nelle tasche), non la Juventus o il Real Madrid di turno, ingordi quanto e più della Fifa, i primi a non capire quanto la rarità sia un valore, e che il bello di un Real-Juve stava proprio nel fatto che era un evento raro, non scontato; renderlo ovvio, ripetuto e prevedibile è il primo passo per fargli perdere la sua aura. E così il Mondiale.

Il Maracanazo del 1950, la stella nascente di Pelé nel 1958, Italia-Germania dell’Azteca, l’Olanda bella e perdente degli anni Settanta, Maradona in Messico, il rigore di Baggio verso il cielo di Pasadena, la finale di Zidane e quella di Ronaldo non sarebbero storie e ricordi così nitidi se si accavallassero, se non avessero quattro anni di attesa e altri quattro di tempo per sedimentarsi.

La cometa di Halley passa una volta ogni settant’anni e se la ricordano tutti. Ora (astenersi astronomi) ditemi, così, su due piedi, il nome di un’altra cometa.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
cometa halley fifa gianni infantino mondiale calcio
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
7 ore
Putin e l’effetto boomerang
Cremlino rassegnato all’allargamento dell’Alleanza atlantica a Svezia e Finlandia. E l’Ucraina ora è dotata di armi pesanti occidentali
sguardo a nord
1 gior
I bastian contrari
Commento
1 gior
È tornato il Wef di lotta e di governo
Dalle tematiche care ai ‘no-global’ fino alle proposte per riformare un sistema economico che ha mostrato tutti i suoi limiti
il commento
2 gior
Putin e l’arma della grande fame
Bloccare il grano e le navi che lo trasportano, affamando l’Ucraina e le nazioni sottosviluppate. Così Mosca prova a far svoltare la guerra in suo favore
Commento
4 gior
Viaggio nell’arena (flatulente) della Rai
La decisione del direttore generale della tv di Stato italiana di separare i talk show dall’informazione ha sollevato una mezza rivolta
L’ANALISI
4 gior
Non è la panacea, ma proviamoci
La Sfl ha approvato il nuovo format della Super League: 12 squadre e playoff
Commento
5 gior
Il disagio psichico e il circo Barnum dei social
Un tempo erano donne barbute e nani ad attrarre la gente nei circhi, oggi il disagio psichico esposto impietosamente attira i click degli utenti del web
Commento
5 gior
Schröder, poltrone come matrioske
I tedeschi gli chiedono di mollare i suoi incarichi russi e lui ne fa spuntare altri. Il vizio tropical-mediterraneo della sedia incollata non ha confini
Commento
6 gior
L’eterno declino degli Usa
La strage razzista di Buffalo è l’ennesimo, tragico sintomo di un Paese diviso, le cui fratture interne sono speculari alla potenza militare
Commento
6 gior
Il Vescovo di Lugano e il vasetto (vuoto) di marmellata
Il prete del Mendrisiotto, fermato ubriaco e con precedenti accuse di molestie, ci porta a riflettere sul binomio superato di misericordia e giustizia
© Regiopress, All rights reserved