laRegione
poveri-infermieri-eroi-usa-e-getta
Ti-Press
laR
 
24.11.21 - 05:30
Aggiornamento : 18:53

Poveri infermieri, eroi usa e getta

Investire nella formazione senza migliorare le condizioni di lavoro è come versare acqua in una brocca bucata

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Le cifre sono allarmanti. Stando all’Osservatorio svizzero della salute, in Svizzera mancheranno 65’000 infermieri e infermiere entro il 2030. Già oggi questo settore registra 11mila posti vacanti. Senza il personale reclutato massicciamente in Italia, gli ospedali ticinesi chiuderebbero; la pandemia ci ha mostrato che cosa significa, per un settore così delicato, dipendere dal frontalierato. Abbiamo rischiato la paralisi delle strutture sanitarie. A migliaia di infermiere/i abbiamo chiesto di rischiare la loro vita nei reparti Covid, continuiamo a chiedere loro di lavorare senza tregua, dando il massimo e oltre, andando avanti mese dopo mese annaspando tra l’ansia di non sapere e troppi morti. Dietro a questi camici, ci sono mamme e papà, sorelle e fratelli, figlie e figli. Tante persone che fanno salti mortali tra famiglia e lavoro, bruciando in pochi anni l’entusiasmo per una professione scelta per vocazione. Una passione che si spegne dopo il violento ‘scontro’ con una realtà fatta di troppe ore supplementari, di continua pressione al risparmio, di turni spossanti, di orari irregolari, di tempi di recupero troppo corti per ritrovare le forze, di frustrazione per il poco tempo da dedicare ai pazienti, a tal punto che alla fine di una giornata di lavoro molti tornano a casa delusi e con la coscienza sporca, consapevoli di non aver potuto fare il possibile per i malati. Alla lunga tutto ciò è davvero logorante.

Così ha spiegato su questo giornale Yvonne Ribi, la segretaria generale dell’Associazione svizzera infermiere. Quando si bussa alla porta dei datori di lavoro, la risposta è sempre la stessa: «Non ci sono soldi da investire in nuovo personale». Davanti a questi muri di gomma e davanti a tanta fatica, il 46% degli infermieri getta la spugna. Altro che eroi, piuttosto persone usa e getta. Quasi uno su due lascia la professione. Il Covid ha peggiorato una situazione già al limite.

A che cosa serve investire nella formazione di personale qualificato se poi questo scappa? È come versare dell’acqua in una brocca bucata. Sarebbero tanti soldi pubblici buttati via. È proprio questo il nocciolo della questione della votazione del 28 novembre per cure infermieristiche forti.

La categoria chiede alla Confederazione con l’iniziativa di migliorare le condizioni di lavoro e che venga iscritto un regolamento sui salari nella Costituzione federale. A loro non basta l’iniezione di un miliardo di franchi (come propone il controprogetto avallato dal Parlamento) nella formazione, perché molti di questi professionisti, dopo qualche anno di super lavoro, rischiano di scappare a gambe levate. Un terzo lascia infatti nei primi anni perdendo in corsia l’idealismo iniziale che lo aveva motivato verso la professione.

La popolazione ha riconosciuto il loro lavoro, li ha applauditi come eroi, ma la politica non sta facendo abbastanza e dovrà rifare i compiti, perché l’iniziativa è data vincente dai sondaggi. È vero che ogni concessione va misurata, per non far salire i costi della salute (già esorbitanti) e i premi di cassa malati.

Ma qui stiamo parlando di professionisti, mai ascoltati, che si prendono cura di altre persone in un momento di estrema fragilità. Mettiamoli in condizione di fare il loro lavoro con dignità, se rispettiamo le loro esigenze faranno meno errori, ci saranno meno riospedalizzazioni, meno morti e alla fine anche meno costi.

Leggi anche:

Carenza di infermieri al centro della contesa

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
consiglio federale infermieri votazione federale
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
14 ore
L’eterno declino degli Usa
La strage razzista di Buffalo è l’ennesimo, tragico sintomo di un Paese diviso, le cui fratture interne sono speculari alla potenza militare
Commento
1 gior
Il Vescovo di Lugano e il vasetto (vuoto) di marmellata
Il prete del Mendrisiotto, fermato ubriaco e con precedenti accuse di molestie, ci porta a riflettere sul binomio superato di misericordia e giustizia
Commento
1 gior
TiSin, la Lega e l’arte della fuga
I granconsiglieri Aldi e Bignasca abbandonano il sindacato giallo che ha cercato di aggirare la legge sul salario minimo. Eppure molti minimizzavano
Commento
2 gior
Matignon: trent’anni dopo, una donna
Donna, autorevole, di sinistra e di sensibilità ambientale: Élisabeth Borne è la nuova prima ministra francese
Commento
3 gior
Lo Stato e la diligenza del buon padre di famiglia
La retorica della destra è riuscita a fare breccia: il pareggio nei conti pubblici andrà raggiunto entro la fine del 2025
Commento
5 gior
A braccetto con Erdogan, pur di avere ragione
Siamo disposti a tutto pur di confermare le nostre tesi, perfino di accompagnarci a Erdogan che impallina i nuovi ingressi Nato per proprio tornaconto
Commento
5 gior
Stampa, di mordacchia in mordacchia
Giornalismo svizzero, da Berna ulteriori restrizioni. Di questo passo l’articolo costituzionale sulla libertà dei media diventerà lettera morta
Commento
6 gior
Lugano, la sinistra riparta da Schönenberger
Positivo che le critiche dell’ex leader abbiano smosso così le acque: giusta la reazione dei vertici cantonali, a Lugano resta molto da fare
Commento
1 sett
Hansjörg Wyss, l’anti-Blocher che si prese il Chelsea
Il magnate bernese ha deciso d’investire 5 miliardi di franchi per mettere le mani sul gioiello calcistico dell’oligarca russo Roman Abramovich
Commento
1 sett
Decreto Morisoli: dicono ‘contenere’, intendono ‘tagliare’
Nelle attuali circostanze costringere lo Stato a raggiungere l’equilibrio fiscale a breve termine è, a rigor di logica, un’assurdità
© Regiopress, All rights reserved