laRegione
06.04.22 - 18:24
Aggiornamento: 19:09

Mantenere alta l’attenzione su ‘cure infermieristiche forti’

A Locarno la prima ‘Walk of care’ per ribadire la necessità di migliorare le condizioni di lavoro

mantenere-alta-l-attenzione-su-cure-infermieristiche-forti
Ti-Press/Samuel Golay
Il corteo in centro città

È andata in scena oggi pomeriggio nel cuore di Locarno la manifestazione "Walk of care". La prima nel suo genere in Ticino. A sfilare per le vie cittadine una cinquantina di persone: infermiere e infermieri, soccorritori, simpatizzanti e altri esponenti del personale curante hanno camminato assieme. Alcuni esibendo striscioni, altri distribuendo volantini e altri ancora esponendo a parole le proprie ragioni. Alla partenza abbiamo sentito alcuni di loro. Marco, infermiere, spiega: «L’obiettivo è mantenere alta l’attenzione sul voto popolare dello scorso mese di novembre, quando più del 60 per cento degli svizzeri hanno approvato l’iniziativa per cure infermieristiche forti. Da allora alcuni interventi ci sono stati, ad esempio con nuovi piani di formazione. Vanno bene, ma non bastano».

‘Aumentare il personale’

«È necessario un aumento del personale – gli fa eco Yvonne Willems Cavalli, presidente dall’associazione nazionale Apn-Ch (ente regolatore, infermiere/a di pratica avanzata) –. Contrariamente a quello che si pensa, ciò non causerebbe una crescita dei costi della sanità. Al contrario. È dimostrato che un numero corretto d’infermieri porta a una riduzione delle complicazioni per i pazienti nel corso della malattia, meno cadute e meno decessi. Inoltre, a nostro avviso, occorrono anche nuovi approcci nella qualità delle cure». Concetti ribaditi pure dal primo interlocutore: «In termini di servizi abbiamo tanto, ma manca il personale per garantire una maggiore qualità».

Iniziativa partita dal basso

«L’iniziativa di portare in Ticino una "Walk of care" è partita dal basso – spiega Enrico Borelli del sindacato Unia –. Si è costituito un gruppo promotore composto da 20-25 persone. Con la camminata si vuole sviluppare una dinamica per favorire l’attenzione e la discussione sulle problematiche del settore, allo scopo di difendere il principio di buone cure grazie a buone condizioni di lavoro». Va detto che buone condizioni di lavoro evitano anche un numero elevato di abbandoni della professione (cosa che oggi avviene) e quindi, automaticamente, un maggior numero d’impiegati che resta nel settore.

Nel volantino distribuito alla popolazione durante la manifestazione sono specificati anche altri concetti importanti. Il voto sull’iniziativa per cure infermieristiche forti rappresenta "un segnale chiaro e un primo passo nella giusta direzione – vi si legge –. Consiglio federale e parlamento devono ora adoperarsi affinché l’iniziativa non venga svuotata di contenuti. È davvero urgente investire massicciamente nella formazione e migliorare le condizioni di lavoro per favorire la qualità delle cure nell’interesse dell’insieme della popolazione. Ma anche per evitare che molte, troppe colleghe abbandonino la professione in quanto esauste e prive di prospettive". E ancora: "riconoscere la professionalità e il lavoro dei curanti equivale a garantire il valore delle cure che ogni individuo merita di avere".

Il sostegno dei soccorritori

Al corteo, che ha attraversato la Piazza Grande, hanno preso parte pure alcuni soccorritori dell’ambulanza: «Il nostro vuol essere un gesto di solidarietà nei confronti dei colleghi – afferma una soccorritrice ausiliaria –. Ma vogliamo anche far capire l’importanza del nostro ruolo, spesso complesso per le diverse sfaccettature: arriviamo per primi e dobbiamo gestire situazioni talvolta difficili, non solo dal punto di vista sanitario».

Va inoltre ricordato che il ruolo del personale curante durante le fasi acute della pandemia di Covid-19 è stato strategico. Una situazione d’emergenza, durata mesi e mesi, che "ha acuito le gravi problematiche che investono le nostre professioni e il nostro settore – si legge sempre nel volantino –. Ritmi di lavoro sempre più serrati, pressioni e stress che hanno superato i livelli di guardia". E gli applausi, per altro meritati, di quei giorni devono ora potersi concretizzare in misure per migliorare la situazione.

La prima "Walk of care" ticinese non resterà un unicum. Sono previste altre iniziative che si inseriscono in un discorso più ampio che mira "a sradicare dal settore sanitario logiche produttive e a considerare le cure come un bene comune e un diritto inalienabile della popolazione, che va garantito a ciascuno di noi e che dovrebbe essere posto al centro della società", recita infine il volantino. Il 12 maggio, giornata mondiale delle infermiere e degli infermieri, saranno previsti altri eventi e un nuovo raduno.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
30 min
Zac, via altri alberi a Bellinzona: perché?
I Verdi insorgono con un’interpellanza al Municipio sui tagli eseguiti lungo i viali Franscini e Motta
Ticino
1 ora
Radar: questa settimana sono in un comune su due
L’elenco delle località dove dal 6 al 12 febbraio verranno eseguiti controlli della velocità
gallery
chiasso
1 ora
Nebiopoli, in seimila al corteo dei bambini
L’appuntamento odierno ha visto sfilare 1’500 allievi delle scuole elementari e dell’infanzia
Locarnese
3 ore
Acqua potabile per tutti: Locarno, Losone e Muralto solidali
Raccolti e devoluti a favore delle popolazioni dell’Africa occidentale oltre 28mila franchi. Serviranno alla realizzazione d’infrastrutture idriche
Luganese
4 ore
Lugano, incendio boschivo sul monte Brè
Il rogo è stato segnalato all’altezza di via Pineta a Brè sopra Lugano verso mezzogiorno
Locarnese
7 ore
Tre milioni di franchi per combattere le neofite invasive
È la richiesta di credito formulata, attraverso il relativo messaggio, dal Municipio di Locarno, per una vera a propria strategia sull’arco di 10 anni
Locarnese
7 ore
Più passeggeri nel 2022 sul trenino bianco-azzurro e i bus
Le Fart hanno conosciuto un incremento dei viaggiatori su gomma e rotaia grazie anche al notevole potenziamento del trasporto pubblico regionale
Luganese
7 ore
A Monteceneri scatta il referendum sull’acquedotto
Partita la raccolta firme contro il credito da 2 milioni per rinnovare ed estendere le condotte sotto alla Cantonale: ‘Non prioritario né necessario’
Locarnese
7 ore
Troppo traffico e troppo rumore in alcune vie di Locarno
Lo sostengono alcuni cittadini che hanno lanciato una petizione per far abbassare la velocità a 30 km/h in via Franzoni, via Varenna e via Vallemaggia
Bellinzonese
7 ore
Si progetta il nuovo ospedale di Bellinzona da 380 milioni
L’Eoc indica una prima fase realizzativa alla Saleggina entro il 2030, seguita da ulteriori sviluppi nel 2050. Cinque piani e, come oggi, 240 posti letto
© Regiopress, All rights reserved