laRegione
un-tonno-da-475-milioni-di-dollari-per-credit-suisse
Keystone
laR
 
23.10.21 - 05:30

Un tonno da 475 milioni di dollari per Credit Suisse

Altra tegola sulla reputazione della banca, dopo il crack miliardario della Greensill Capital della scorsa primavera

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Un salasso da 475 milioni di dollari, quello a cui è stato sottoposto Credit Suisse dalle autorità statunitensi e britanniche questa settimana. Una transazione extragiudiziale per risolvere il caso di corruzione e frode da due miliardi di dollari in cui la seconda banca svizzera era coinvolta in Mozambico, mentre la sua controllata negli Usa si è dichiarata colpevole del reato di cospirazione a New York. Insomma, l’ennesimo smacco reputazionale per l’istituto di credito che è alle prese con un difficile riorientamento strategico dopo il caso Greensill Capital che costò – la scorsa primavera – alcuni miliardi di franchi, tra perdita diretta nel fallimentare investimento speculativo e il tracollo della capitalizzazione di Borsa che ne seguì. A oggi l’azione di Credit Suisse è quotata a meno di 10 franchi, tanto che è diventata una facile preda di eventuali acquirenti.

I risvolti del caso Mozambico sono da manuale del truffatore. Le accuse statunitensi e britanniche riguardavano quasi un miliardo di dollari – sui due in totale – frutto in prevalenza di prestiti della Banca mondiale e donazioni di governi stranieri nell’ambito dell’aiuto allo sviluppo, tra cui anche la Svizzera. Questa somma è stata ‘riconfezionata’ – tra il 2013 e il 2016 – in strumenti di debito piazzati sul mercato obbligazionario internazionale con promesse di rendimento stratosferico (8,5% l’anno) dagli esperti della filiale britannica di Credit Suisse. Il ricavato è stato investito in due società pubbliche del Mozambico attive nella pesca del tonno: la ProIndicus Sa ed Empresa Moçambicana de Atum Sa. Gran parte dei proventi sono invece finiti in tangenti spartite fra tre ex banchieri di Credit Suisse e alcuni funzionari del governo del Mozambico. Le imprese si sono rivelate fallimentari tanto da costringere lo stesso Stato a ripianare le perdite. Un furto in grande stile (200 milioni l’illecito profitto) ai danni dei più deboli.

Una figuraccia mondiale per Credit Suisse che si aggiunge alla recente tirata di orecchie, tutta nazionale, della Finma, l’Autorità svizzera di vigilanza sui mercati finanziari, per un altro caso: il pedinamento di suoi ex dirigenti. Dall’indagine è infatti emerso che l’istituto, nel periodo tra il 2016 e il 2019, aveva pianificato sette pedinamenti, gran parte dei quali sono stati poi effettuati. Nel mirino c’erano membri della direzione in Svizzera e altri ex collaboratori, nonché soggetti terzi all’estero. Una vicenda grottesca sorta da una lite di vicinato tra l’ex Ceo Tidjane Thiam e Iqbal Khan, all’epoca capo del settore wealth management di Credit Suisse in procinto di passare, nella stessa funzione, alla concorrente Ubs. Una vicenda imbarazzante, dicevamo, se non fosse che nel frattempo uno dei detective ingaggiati si è suicidato.

Secondo il rapporto della Finma, le modalità di pianificazione e svolgimento dell’attività di pedinamento hanno messo in luce “notevoli carenze” a livello di buon governo d’impresa. Nella maggior parte dei casi sono state prese decisioni in merito ai pedinamenti in modo informale e senza una motivazione plausibile. Inoltre, sono state emesse in modo grossolano e saldate fatture per le spese sostenute. In un caso, una fattura è stata modificata a posteriori per occultare le spese relative a un pedinamento. Insomma, prassi che non si addicono di certo a una società quotata che chiede la fiducia di investitori e risparmiatori diretta da manager molto ben pagati e teoricamente meglio preparati dell’ultimo degli impiegati.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
credit suisse greensill capital mozambico
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
15 ore
L’eterno declino degli Usa
La strage razzista di Buffalo è l’ennesimo, tragico sintomo di un Paese diviso, le cui fratture interne sono speculari alla potenza militare
Commento
1 gior
Il Vescovo di Lugano e il vasetto (vuoto) di marmellata
Il prete del Mendrisiotto, fermato ubriaco e con precedenti accuse di molestie, ci porta a riflettere sul binomio superato di misericordia e giustizia
Commento
1 gior
TiSin, la Lega e l’arte della fuga
I granconsiglieri Aldi e Bignasca abbandonano il sindacato giallo che ha cercato di aggirare la legge sul salario minimo. Eppure molti minimizzavano
Commento
2 gior
Matignon: trent’anni dopo, una donna
Donna, autorevole, di sinistra e di sensibilità ambientale: Élisabeth Borne è la nuova prima ministra francese
Commento
3 gior
Lo Stato e la diligenza del buon padre di famiglia
La retorica della destra è riuscita a fare breccia: il pareggio nei conti pubblici andrà raggiunto entro la fine del 2025
Commento
5 gior
A braccetto con Erdogan, pur di avere ragione
Siamo disposti a tutto pur di confermare le nostre tesi, perfino di accompagnarci a Erdogan che impallina i nuovi ingressi Nato per proprio tornaconto
Commento
5 gior
Stampa, di mordacchia in mordacchia
Giornalismo svizzero, da Berna ulteriori restrizioni. Di questo passo l’articolo costituzionale sulla libertà dei media diventerà lettera morta
Commento
6 gior
Lugano, la sinistra riparta da Schönenberger
Positivo che le critiche dell’ex leader abbiano smosso così le acque: giusta la reazione dei vertici cantonali, a Lugano resta molto da fare
Commento
1 sett
Hansjörg Wyss, l’anti-Blocher che si prese il Chelsea
Il magnate bernese ha deciso d’investire 5 miliardi di franchi per mettere le mani sul gioiello calcistico dell’oligarca russo Roman Abramovich
Commento
1 sett
Decreto Morisoli: dicono ‘contenere’, intendono ‘tagliare’
Nelle attuali circostanze costringere lo Stato a raggiungere l’equilibrio fiscale a breve termine è, a rigor di logica, un’assurdità
© Regiopress, All rights reserved