laRegione
credit-suisse-un-secondo-trimestre-in-caduta
La sede centrale a Paradeplatz, Zurigo (foto Wikimedia)
Economia
29.07.21 - 07:430
Aggiornamento : 14:12

Credit Suisse, un secondo trimestre in caduta

Il secondo istituto finanziario svizzero paga le conseguenze del caso Archegos e Greensill

Il numero due bancario elvetico Credit Suisse ha subito anche nel secondo trimestre le conseguenze del caso Archegos: l'utile netto si è attestato a 253 milioni di franchi, in calo del 78% rispetto agli 1,2 miliardi dello stesso periodo del 2020. Sono diminuiti i proventi e nell'amministrazione patrimoniale si sono registrati deflussi. La borsa non ha gradito.

Il risultato ante-imposte si è contratto su base annua del 48% a 813 milioni, ha indicato oggi la società. Sui conti trimestrali hanno pesato altri 594 milioni di perdite legate al fondo americano Archegos. Il collasso dell'hedge fund del finanziere newyorkese di origine coreana Bill Hwang aveva già inciso negativamente per 4,4 miliardi di franchi nella prima parte dell'anno: complessivamente quindi la vicenda sta costando all'istituto 5,0 miliardi di franchi.

Notizie non entusiasmanti giungono anche sul fronte dell'attività corrente: nonostante il buon andamento dei mercati finanziari il trimestre si è chiuso con proventi in calo del 18% a 5,1 miliardi di franchi. La banca ha anche registrato un leggero deflusso netto di denaro fresco, pari a 4,7 miliardi di franchi. I soldi hanno preso il largo soprattutto nella regione Asia-Pacifico, mentre in Svizzera si è osservato il movimento opposto. Complessivamente, vale a dire includendo l'aumento di valore dei portafogli dei clienti dovuto all'andamento dei mercati azionari, gli attivi in gestione sono passati da 1600 miliardi a fine marzo a 1630 miliardi a fine giugno.

A livello di redditività i dati pubblicati oggi sono inferiori alla media di quanto si aspettassero gli analisti, che avevano peraltro opinioni assai divergenti in materia. I ricavi sono più o meno in linea con le stime.

Il caso Archegos sembra ormai chiuso per la banca, almeno dal profilo finanziario: la banca ha fatto sapere di aver liquidato tutte le posizioni rimanenti all'inizio di giugno. Sono state inoltre adottate misure appropriate relative al personale: 23 dipendenti sono stati puniti con il licenziamento o con penalità monetarie per un totale di circa 70 milioni di dollari, attraverso la cancellazione di bonus e la restituzione di compensi ricevuti.

Durante la revisione in corso della strategia commerciale del gruppo Credit Suisse intende inoltre avere un approccio al rischio maggiormente conservativo. Nei prossimi mesi verrà sviluppata una "visione a lungo termine per la banca", che servirà come bussola nei prossimi anni, ha affermato il Ceo Thomas Gottstein, citato in un comunicato.

Gli investitori non hanno gradito le novità odierne: sulla piazza di Zurigo il titolo della società nel primo quarto d'ora di contrattazione è arrivato a perdere oltre il 5% a 8,79 franchi per poi risollevarsi parzialmente. A metà giornata era in rosso di oltre il 3%. Il valore dell'azione non è lontano dagli 8,72 franchi che rappresentano il minimo del 2020, stabilito una decina di giorni or sono. Credit Suisse è il titolo SMI con la performance di gran lunga peggiore quest'anno: dall'inizio gennaio ha perso il 21% del suo valore.

Credit Suisse - la ragione sociale del gruppo risale al 1997 - venne fondata nel 1856 a Zurigo quale Schweizeriche Kreditanstalt (Credito Svizzero, CS) da Alfred Escher (1819-1882), l'imprenditore che come noto ebbe un ruolo di primissimo piano anche nella costituzione di altri pilastri epocali elvetici quali il Politecnico federale e la ferrovia del San Gottardo. Il nome CS è anche legato a uno dei più grandi scandali bancari della Confederazione, quello che interessò la filiale di Chiasso - riciclaggio di capitali in fuga dall'Italia - e che scoppiò nel 1977, con ripercussioni sull'intero settore elvetico. Oggi Credit Suisse è una realtà mondiale con quasi 49'000 dipendenti.

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
Economia
2 ore
La Banca nazionale svizzera non cambia rotta
Invariata la politica monetaria espansiva. Tassi fermi al -0,75%. Il presidente Jordan sul caso Evergrande: né allarmismo, né sottovalutazione
Economia
3 ore
Gam chiude alcuni fondi proposti dalla succursale di Lugano
A causa della chiusura dei fondi, giudicati troppo piccoli per una gestione efficiente o con poche prospettive di crescita, 17 dipendenti lasceranno la società
Economia
1 gior
Continua il buon momento dell’edilizia
Per il Bak Economics di Basilea l’attività dovrebbe aumentare dello 0,4% quest’anno e dello 0,6% nel prossimo
Economia
1 gior
Quando una firma digitale errata fa perdere miliardi
Il costruttore ferroviario turgoviese Stadler Rail si è visto annullare una commessa per un errore formale dal Tribunale amministrativo di Vienna
Economia
1 sett
Il forum economico torna a Davos dal 17 al 21 gennaio
Quest’anno il Wef è stato annullato a causa della pandemia. ‘Sarà il primo evento di leadership globale a stabilire l’agenda per una ripresa sostenibile’
Economia
1 sett
In Svizzera la disoccupazione Ilo è al 5%, più che in Germania
Il dato tiene conto delle persone che non hanno un impiego, hanno cercato lavoro nelle quattro settimane precedenti e sono disponibili a lavorare
Economia
1 sett
Per il Credit Suisse l’inflazione è solo temporanea
Secondo gli economisti del secondo istituto finanziario svizzero la ripresa è robusta e senza timori inflativi. Il Pil dovrebbe crescere del 3,5% quest’anno
Economia
1 sett
Helvetia: entro il 2022 andranno persi 140 posti di lavoro
Il Ceo ha chiarito che una gran parte del taglio degli impieghi avverrà tramite fluttuazione naturale del personale o prepensionamento di alcuni dipendenti
Economia
1 sett
Helvetia torna in zona utili nel primo semestre
Stando ai dati diffusi oggi la società assicurativa ha realizzato un risultato positivo per 262 milioni di franchi
Economia
1 sett
Fed e Bce, prospettive capovolte
Se l’economia ricomincia a correre è perfettamente logico ridurre le misure d’emergenza e ricalibrare gli stimoli monetari
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile