laRegione
19.10.21 - 22:24

Credit Suisse dovrà pagare quasi 500 milioni di dollari

Costa caro il caso Mozambico. La Finma impone all‘istituto delle condizioni per le future operazioni con Stati ’deboli’

Ats, a cura de laRegione
credit-suisse-dovra-pagare-quasi-500-milioni-di-dollari
(Ti-Press)

Il caso Mozambico costa caro a Credit Suisse. Per chiuderlo la banca elvetica pagherà quasi 475 milioni di dollari alle autorità americane e britanniche. Lo ha reso noto questa sera la Securities and Exchange Commission (Sec), l’ente federale statunitense preposto alla vigilanza finanziaria. Da parte sua la Finma impone all’istituto condizioni per le nuove operazioni creditizie con Stati finanziariamente deboli.

Credit Suisse ha quindi gravemente violato i requisiti in materia di organizzazione e l’obbligo di comunicazione sancito dalla Legge sul riciclaggio di denaro in relazione a operazioni creditizie del 2013 con imprese statali in Mozambico, annuncia l’Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari (Finma) in una nota diffusa in serata. Un’indagine di vigilanza e un procedimento di “enforcement” avviato a carico del gruppo Credit Suisse si è accertato il ruolo svolto dalla casa madre della banca in relazione a due significative operazioni creditizie delle filiali britanniche di Credit Suisse con imprese statali mozambicane.

Tali crediti, che costituivano circa il 6 per cento del prodotto interno lordo del Mozambico, erano destinati a finanziare soprattutto navi della guardia costiera e una flotta per la pesca del tonno, spiega la Finma. Parte dei fondi sarebbero però finiti nelle tasche di diverse persone sotto forma di tangenti.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
Economia
3 gior
Profondo rosso all’orizzonte per Credit Suisse
Potrebbe raggiungere il miliardo e mezzo di franchi la perdita, ante-imposte, dell’ultimo trimestre dell’istituto di credito
Economia
1 sett
Splendori e miserie della globalizzazione
Il processo d’integrazione internazionale non è forse così malconcio come si dice. Ma si stanno formando nuovi ‘gruppi’ (e l’Ue potrebbe rafforzarsi)
Economia
2 sett
Ftx in bancarotta, trema il mondo delle criptovalute
Dalle stelle alle stalle: per Sam Banked-Fried, il ‘mago di Oz’ delle valute digitali, è il tramonto
Economia
2 sett
La Banca nazionale pensa ulteriori aumenti del tasso guida
Andréa Maechler anticipa le possibili mosse della Bns contro l’inflazione. E ricorda: ‘Il nostro compito non è fare utili’
Economia
2 sett
Costi dei sinistri compensati dall’aumento delle tariffe
Risultati in linea con le attese per Zurich Insurance per i primi nove mesi del 2022. Premi lordi cresciuti dell’8% nel ramo danni e incidenti
Economia
3 sett
Bce e Bank of England, linea dura anche con recessione
Avanti tutta col rialzo dei tassi d’interesse. La Banca centrale inglese li porta al 3%, ai massimi dal 2008.
Economia
3 sett
Elon Musk è ancora l’uomo più ricco al mondo
La posizione nella classifica del fondatore di Tesla e nuovo boss di Twitter nel Billionaires Index è stata confermata. Scivola invece Zuckerberg
Economia
3 sett
Microchip, come l’Europa cerca di risalire sul treno perso
La produzione è nelle mani di un manipolo di Paesi asiatici. Con il Chip Act ora l’Ue getta le basi di una politica industriale dei semiconduttori.
Economia
3 sett
La tesi controcorrente di George Muzinich sull’Italia
Il fondatore di Muzinich & Co. sostiene che ‘il Belpaese ha più di un buon numero da giocare’ e che è ben posizionata rispetto a Germania e Regno Unito
Economia
3 sett
Credit Suisse cancellerà 540 posti in Svizzera entro fine 2022
Il piano di risanamento varato dall’istituto di credito dovrebbe portare alla raccolta di 4 miliardi di franchi tramite l’emissione di nuove azioni
© Regiopress, All rights reserved