laRegione
laR
 
16.08.21 - 05:30
Aggiornamento: 13:26

Quando il cinema si fa duro, il festival inizia a giocare

Si è chiusa un'edizione particolare del Locarno film festival, ma le sfide più grandi sono ancora da affrontare

di Ivo Silvestro
quando-il-cinema-si-fa-duro-il-festival-inizia-a-giocare

“Come hai trovato questo festival?”. È una domanda alla quale non si può sfuggire, in questi giorni, e va bene così: testimonia un attaccamento al festival che è prezioso, anche perché non riguarda solo cinefili e appassionati ma un po’ tutti, inclusi quelli che come risposta ascoltano solo un “era meglio prima”. Prima di cosa poi? Del Covid, dell’ultima direzione artistica, del video on demand, della chiusura del Grand Hotel, dell’avvento del sonoro?
Ma è anche una domanda che mette i brividi, a voler cercare di dare una risposta sensata. Così cerchi di cavartela con uno sguardo un po’ allusivo, soprattutto se a farti quella domanda è il barista che ti sta servendo la birra che tanto hai atteso dopo una giornata passata a correre tra una proiezione e un’intervista. “Eh, capisco…” la replica e finalmente puoi allontanarti con l’agognato bicchiere in mano.
Il Locarno film festival è complesso e con oltre duecento film in programma, quasi la metà in prima mondiale, più gli incontri e le conferenze stampa, è impossibile seguire tutto. Ed è impossibile poter dare un giudizio su tutto, dalla Retrospettiva alla Piazza, dai Pardi di domani al Concorso senza dimenticare gli incontri e la Rotonda (la cosiddetta ‘Locarno experience’ non si limita al cinema). Ma ancora più complessi sono i tempi in cui viviamo. Lo si è già detto: questa edizione del Locarno film festival ha su di sé il peso di tante aspettative, quelle “normali” – la prima di un nuovo direttore artistico, i 50 anni di Piazza Grande, l’avvicinamento all’anniversario del 75º – e quelle straordinarie, con la volontà e la necessità di riaffermare una certa di idea di cinema, di cultura, di vivere insieme in un contesto di misure sanitarie e di fruizione audiovisiva sempre più privata e individualizzata. In questo contesto questa 74ª edizione si è difesa bene: nonostante la concorrenza delle piattaforme di streaming e degli altri festival – tutti più ravvicinati a causa dei rinvii primaverili – si è riusciti ad avere buoni film; gli ospiti internazionali e gli incontri non sono mancati; le misure sanitarie hanno imposto controlli, mascherine e prenotazioni, ma va riconosciuto un notevole sforzo per lasciare i festivalieri più liberi possibile. E questo quando non era scontato, soprattutto per un festival di pubblico come è Locarno, riuscire ad avere una manifestazione completa.
Si è difeso bene, il Locarno film festival, ma adesso che l’emergenza lascerà il posto a una (nuova) normalità bisognerà giocare in attacco. Perché – prendiamo a prestito il discorso di Bluto in ‘Animal House’, proiettato in Piazza Grande venerdì sera in onore di John Landis – “when the going gets tough, the tough get going”, quando il gioco si fa duro i duri iniziano a giocare. E in una situazione in cui non si sa quanta gente tornerà al cinema, il gioco è certamente duro, con il rischio che i festival diventino ancora di più una riserva protetta di un’arte non più popolare. La buona notizia è che tra i duri su cui la squadra del festival può contare c’è un nuovo arrivo: Kevin B. Lee, che tra pochi mesi inizierà il suo incarico di ‘Locarno Film Festival Professor for the Future of Cinema and Audiovisual Arts’ all’Università della Svizzera italiana. Nei primi giorni del festival si è presentato, illustrando brevemente il suo approccio e i suoi progetti, mostrando una grande attenzione ai nuovi linguaggi mediali e un profondo rispetto per la ricchezza dell’esperienza cinematografica, cosa che fa ben sperare.
L’edizione numero 75 sarà importante non solo per l’anniversario che in qualche maniera andrà celebrato, ma ancora di più perché dovrà riaffermare il valore e il senso del cinema e di un festival.
“E quindi, come hai trovato questo festival?”. Diverso. E adesso mi bevo la mia birra, ottimista per le prossime edizioni.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
8 ore
Cassa malati, sogno (o chimera) di un pomeriggio autunnale
L’annuncio dei premi 2023 è senz’altro un brutto risveglio. Abbondano le motivazioni che spiegano la stangata, mancano le soluzioni
Commento
1 gior
Con la candidatura di Marchesi, a destra parte la bagarre
Se il presidente Udc verrà eletto in governo, sarà a scapito di un seggio leghista. La Lega dovrà difendersi anche dagli ‘amici’, che però corrono veloce
Commento
1 gior
L’era del tofu merluzzato
Gli italiani disposti a provare qualsiasi cosa pur di vedere un cambiamento. Ma il cambiamento, finché ci saranno Casini e i suoi emuli, pare impossibile
Commento
2 gior
Un’onda nera sull’Italia
L’analisi di Aldo Sofia dopo il voto che ha visto trionfare Giorgia Meloni
Commento
2 gior
Dal ‘sì’ ad Avs 21 segnali chiari alla politica
No a un ulteriore aumento dell’età di pensionamento, no a riforme a scapito delle donne meno abbienti, avanti con quella del secondo pilastro
Commento
4 gior
Zanchi, Bossalini, la malerba e la capacità di rimanere zen
Nella battaglia politica che si combatte attorno al Corpo di polizia di Locarno, la fretta è cattiva consigliera per capodicastero e comandante
La formica rossa
5 gior
Bum! Bal(l)istica elettorale
L’ennesima trovata di Nussbaumer e No Vax assortiti preferisce non prendere le armi, ‘per intanto’
Commento
5 gior
La metamorfosi del franco: da kriptonite ad acquasanta
Di fronte al rialzo dei tassi deciso dalla Bns potremmo ripetere: ‘Jusqu’ici tout va bien’. Ma il problema non sta nella caduta, bensì nell’atterraggio
il commento
6 gior
Il grande ricatto di Putin
Con la mobilitazione parziale la guerra entra in casa di milioni di russi. Washington è convinta che il tempo giocherà contro il leader del Cremlino
Commento
1 sett
Valera è la cosa giusta
Tagliare il traguardo del Puc ha richiesto tempo e coraggio. Anche quello di resistere alle lusinghe delle lobby
© Regiopress, All rights reserved