laRegione
04.08.21 - 23:08

L’eccezionalità dei soliti discorsi ufficiali d’apertura

In una pausa dalla pioggia, si è tenuta la cerimonia d’inaugurazione della 74ª edizione del Locarno film festival

di Ivo Silvestro
l-eccezionalita-dei-soliti-discorsi-ufficiali-d-apertura

Un ampio ombrellone copre il podio dei relatori, nel chiostro della Magistrale, ma alla fine si è rivelato inutile: la cerimonia di inaugurazione del 74º Locarno film festival si è tenuta all’asciutto, in un momento di tregua delle piogge che hanno caratterizzato questa prima giornata di festival. Eccezionalità meteorologica che si accompagna a un’altra eccezionalità: il ritardo dovuto ai controlli del Certificato Covid in entrata, e chi conosce la puntualità del presidente Marco Solari sa cosa significa.

Pioggia e ritardi, ma questa edizione ha ben altro per restare impressa nella mente dei festivalieri, inclusi i solitamente non memorabili discorsi di benvenuto che, dopo un anno di assenza a causa di una pandemia che ancora non riusciamo a lasciarci del tutto alle spalle, hanno tutto un altro sapore. Come il “che piacere vedervi” del consigliere federale Alain Berset, che da frase di circostanza diventa quasi un manifesto delle manifestazioni in presenza. Il discorso è poi andato avanti con citazioni cinematografiche che confessiamo di non essere riusciti bene a capire, l’augurio che il cinema riesca a “eliminare la pandemia dalla superficie dei nostri pensieri” concludendo con l’invito a godersi un festival “ricco di emozioni condivise”. Ma prendiamo anche l’invito di un altro Alain – il sindaco di Locarno Scherrer – a non perdere l’occasione per guardare “con interesse, intelligenza e cuore” alle proposte del festival che, dopo l’edizione ibrida del 2020, non possiamo più dare per scontate. Chiudiamo la triade politica con il consigliere di Stato Manuele Bertoli e il suo “la cultura torna a incontrare il proprio pubblico”, un incontro di cui hanno bisogno sia il pubblico sia gli operatori culturali.

Si torna in Piazza e in sala, si torna in presenza, ma non è stato scontato tornarci, anzi: è stato un rischio che il presidente Solari si è voluto assumere per il Festival, che non poteva permettersi un’altra non edizione come quella del 2020, e per il pubblico. Con un risultato dantescamente riassunto dal direttore artistico Giona Nazzaro: dimostrare che si può tornare a riveder le stelle, “e noi le stelle le rivediamo, tutti insieme, nel buio della sala qui a Locarno”.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Culture
5 ore
Telmo Pievani, ‘Sconfinare’ nella grande natura
Intervista al filosofo della biologia, sabato primo ottobre a Bellinzona, per guardare al presente col tempo profondo dell’evoluzione
Cinema
10 ore
Addio a ‘Mildred’ di ‘Qualcuno volò sul nido del cuculo’
È morta all’età di 88 anni Louise Fletcher, la Mildred Ratched del film culto di Milos Forman, ruolo che le valse un Oscar
Società
18 ore
Con iPhone 14 si apre una nuova era nelle comunicazioni
L’avvento del nuovo ‘melafonino’ ha creato fermento nel mercato delle offerte di servizi per il pubblico
Culture
1 gior
‘Sergentmagiù, ghe riverem a baita?’
Ricordi e confessioni dentro ‘Il sergente dell’Altopiano’, documentario su Mario Rigoni Stern presentato a Castel San Pietro
Arte
1 gior
Pietro Sarto all’infinito
‘Metamorfosi infinite’ è la mostra che si apre oggi al Museo Villa dei Cedri, dedicata a un artista che ancora si sente ‘un ticinese nel Canton Vaud’
Culture
2 gior
Come sbiancare una sirenetta
Un saggio ricostruisce la storia dell’espressione ‘lavare un etiope’ e ci aiuta a capire la vera dimensione politica del casting del prossimo film Disney
Spettacoli
3 gior
Un Sociale dai temi sociali
Presentata la stagione 22-23: classici, novità, buona musica, le giuste risate, graditi ritorni, due nuove produzioni e un ricordo di Claudio Taddei
Scienze
3 gior
Bye bye estate: nella notte l’equinozio d’autunno
Alle 3.04 i raggi del Sole illumineranno esattamente metà del pianeta, lasciando l’altra metà al buio. Il fenomeno sarà salutato da stelle cadenti
Scienze
3 gior
Covid, nel mondo 40 milioni di disturbi neurologici collegati
Tra le complicazioni che possono insorgere ci sono ictus, problemi cognitivi e di memoria e ansia. Lo indica uno studio statunitense
Culture
3 gior
Bellinzona è pronta a ‘Sconfinare’ (il Festival)
In programma dal 30 settembre al 2 ottobre nella tensostruttura trasparente di Piazza del Sole
© Regiopress, All rights reserved