laRegione
Svizzera
Turchia
18:00
 
Italia
Galles
18:00
 
BRENGLE M. (USA)
GOLUBIC V. (SUI)
17:45
 
SAMSONOVA L. (RUS)
2
BENCIC B. (SUI)
1
fine
(1-6 : 6-1 : 6-3)
barcolla-non-molla-il-pugile-bianconero
Commento
 
11.05.21 - 05:300
Aggiornamento : 15:05

Barcolla, non molla, il pugile bianconero

Il Lugano sogna ancora l'Europa ma sembra essere arrivato a questo finale di stagione con le batterie scariche, per buona pace del 'Prés' Angelo Renzetti

Un pugile che barcolla. Stanco, stremato da un match infinito, durante il quale le ha soprattutto suonate all’avversario, ma per farlo ha dovuto tenere per quasi tutti i round la tensione e la concentrazione al massimo, forse ben al di là dei propri limiti tecnici e mentali. E ora oltre alle energie fisiche, sono anche quelle nella testa a mancare. Lui però non vuole mollare, sarebbe un peccato dopo tutti gli sforzi compiuti per arrivare fin lì, così a ogni ripresa torna sul ring con la volontà di provarci. Tale velleità si scontra con la realtà al primo pugno dell’avversario, che lo manda al tappeto e gli toglie praticamente ogni capacità di reazione, ma lui viene nuovamente trascinato verso l’alto da un orgoglio che gli sussurra di rialzarsi e di provare ad assestare a sua volta quel colpo decisivo che da qualche parte dentro di sé (forse) ha ancora e che potrebbe fare la differenza, perché in fondo a quell’avversario ancora così vicino, non è mai stato davvero inferiore. Anzi.

Ora, al posto del pugile mettete l’Fc Lugano, del ring un campo da calcio, dell’incontro di boxe la Super League e dei round le sue 36 giornate. Quando il suono dell’ultima campana è ormai vicino – mancano tre partite al termine del campionato – Sabbatini e compagni stanno attraversando a livello di risultati il momento più difficile di una stagione che li ha visti viaggiare a lungo al massimo delle proprie potenzialità, se non oltre. A livello di risultati, sì, perché se è vero che mai in questa annata i sottocenerini avevano perso tre partite consecutive (5 sconfitte negli ultimi 6 impegni, Coppa compresa), in realtà il vero momento delicato della stagione bianconera è stato tra dicembre e febbraio, quando in quattordici match era arrivata una sola vittoria (5 i ko e 8 i pareggi). Lì infatti in gioco c’era ancora una salvezza ora invece praticamente acquisita e il cui valore non si può nemmeno lontanamente paragonare a un secondo turno preliminare della terza competizione per club europea, ossia dove si ritroveranno il secondo e il terzo della Super League.

Ecco perché in fondo ai “pugili” bianconeri si può concedere il calo fisico e mentale arrivato come un montante ben assestato nel finale di un’altra intensa annata, la seconda di fila appesantita dal Covid. Più che le sconfitte in sé, il modo in cui sono maturate parla piuttosto chiaro: i giocatori bianconeri hanno finito la benzina. Un peccato certo, ma era quasi inevitabile e anche il presidente Renzetti dovrebbe accettarlo invece di scaricare sull’allenatore la frustrazione di veder rovinato sul più bello quello che avrebbe potuto essere un capolavoro, ma che resterà comunque un'opera degna di nota. Forse a sua volta provato dalla lunga stagione e dalla “solita” possibile cessione societaria, il numero uno del club ha criticato l’assenza di gioco della squadra, dimenticandosi che senza il pragmatismo e l’identità precisa con cui Jacobacci ha forgiato un gruppo valido ma che rimane pur sempre figlio di uno dei budget più ristretti della Super League (palese ad esempio la mancanza di un vero bomber), probabilmente ora al posto di Sion o Vaduz a lottare per la sopravvivenza ci sarebbe il suo Lugano.

Eppure lui, il Près, sarebbe il primo a dover capire, in fondo il ruolo del pugile che messo alle corde barcolla ma non molla, lo sta ricoprendo ormai da oltre dieci anni.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
1 gior
L’importanza di chiamarsi Orbán
Il premier ungherese apparecchia la giornata perfetta, per lui, tra leggi omofobe e sfida calcistica al Portogallo. A tradirlo sarà sempre Orbán
Gallery
Commento
2 gior
Cercasi maturità, prima che talento e qualità
In seno alla Nazionale spuntano accenni di leggerezza e superficialità. La fragilità tecnica era ipotizzabile, tuttavia manca qualcosa a livello di atteggiamento
Commento
3 gior
Due passi a Lugano, dal Macello a Cornaredo
Il Macello trasmette la grande tristezza di un'esperienza soffocata. Cornaredo, con i campi deserti, è un limbo di città, con tanto verde transennato
La formica rossa
3 gior
Biden, Putin e un giro a bordo della DeLorean
Viaggio nel passato: se avessimo fatto vedere a Reagan e a Gorbaciov la foto dell’incontro di ieri forse il mondo di oggi sarebbe tutt’altro luogo
Commento
4 gior
La piccola Guerra Fredda di Biden e Putin
Biden e Putin a Ginevra, uno davanti all'altro eppure lontanissimi, tra interessi internazionali e insulti personali
Commento
4 gior
L'‘offensiva liberale’ abbia al centro anche la persona
Domani in comitato cantonale il Plr parlerà del progetto di rilancio, in cui Speziali si gioca molto tra tante aspettative e bisogni della popolazione
Commento
5 gior
Realpolitik alla ginevrina
Biden e Putin verso un summit che non fa presagire nulla di buono. Ma il precedente Reagan-Gorbaciov, in piena Guerra fredda, può farci sperare.
Commento
5 gior
Eriksen e le gazzette del voyeur
La tragedia sfiorata in campo del giocatore danese ha fatto dare il peggio a pagine social e media internazionali, che hanno preferito la morbosità alla cronaca
Commento
5 gior
L’arduo compito del successore di Petra Gössi
La presidente del Plr rassegna le dimissioni. La svittese lascia con un bilancio in chiaroscuro un partito che si trova di nuovo in una spirale discendente.
Commento
6 gior
Il clima, i pesticidi e una domenica ironicamente tragica
La fossa alla legge sul CO2 è stata scavata nelle zone rurali, da chi in nome della sopravvivenza dell’agricoltura si è battuto contro le due iniziative
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile