laRegione
il-lugano-e-quella-coppa-tra-sogno-e-realta
laR
 
12.04.21 - 19:31

Il Lugano e quella Coppa tra sogno e realtà

Alla vigilia del quarto di finale con il Lucerna Renzetti punta tutto sull'ex trofeo Sandoz, Jacobacci frena per non mettere troppa pressione sui suoi

«Tutta la vita la Coppa». Non ha dubbi Angelo Renzetti e non ne avevamo nemmeno noi su quale sarebbe stata la risposta del presidente alla domanda se preferirebbe, dovendo scegliere, che il suo Lugano chiudesse secondo in Super League o che vincesse la Coppa Svizzera. In fondo, in entrambi i casi (così come se dovessero chiudere terzi in campionato) i bianconeri centrerebbero la qualificazione all’Europa Conference League (più precisamente al secondo dei quattro turni preliminari previsti per accedere alla fase a gruppi della nuova competizione dell’Uefa) e l’amore del numero uno del club luganese per l’ex trofeo Sandoz, solo sfiorato nel 2016 con la sconfitta in finale contro lo Zurigo, è cosa nota.

«La Coppa mi ha sempre affascinato in modo particolare, sono partite complicate, da dentro o fuori, grazie alle quali però in tre o quattro impegni puoi essere protagonista e alzare al cielo un trofeo», ci conferma l’imprenditore locarnese alla vigilia del quarto di finale tra il Lugano e il Lucerna dell’ex Fabio Celestini, in programma domani alle 17 a Cornaredo. Un match che come dichiarato dallo stesso Renzetti dopo il successo 1-0 di sabato in campionato sul Losanna, in caso di vittoria “cambierebbe la vita” ai ticinesi… «Mi riferivo più che altro alle prospettive per questo finale di stagione: il successo sui vodesi ci ha permesso di raggiungere quota 40 punti in campionato e anche se alla luce di come sta andando la stagione non possiamo ancora dirci del tutto tranquilli, battere pure il Lucerna rappresenterebbe un bel passo avanti verso i nostri obiettivi e darebbe anche grande slancio alla squadra per lo sprint finale. Pur senza pubblico, giocarci questo quarto di finale in casa rappresenta un bel vantaggio che dobbiamo sfruttare. Poi ci mancherebbe una sola vittoria per arrivare in finale, che a sua volta sarebbe ancora un altro discorso, se non un altro sport. Ma non dobbiamo guardare troppo avanti, sia per quel che riguarda la Coppa sia per il campionato, rischieremmo di farci male da soli, per cui cominciamo a battere il Lucerna e poi vedremo, partita dopo partita».

Certo è che la prospettiva di chiudere la ferita apertasi nel 2016 e mettere in bacheca il primo trofeo della sua gestione, per Renzetti è parecchio allettante… «E penso anche che me lo meriterei. C’è gente che vive ancora adesso su un gol segnato all’Inter o su una coppa vinta, io in dieci-undici anni di attività non ho ancora conquistato trofei, con la Coppa perlomeno qualche anno ci vivrei. Scherzi a parte, ci tengo molto e i ragazzi lo sanno».

Il tecnico: ‘Sul piano fisico di più non possiamo fare, nel gioco invece sì’

A guidare i “ragazzi”, un Maurizio Jacobacci pure lui conscio dell’importanza che la Coppa riveste per il suo presidente e a sua volta desideroso di vedere la sua squadra approdare in semifinale, ma che allo stesso tempo da buon allenatore cerca di tenere la pressione per la sfida con i lucernesi a livelli gestibili… «Vincere significherebbe passare il turno ed essere in semifinale, ma poi servirebbero ancora una vittoria per accedere all’ultimo atto e un’altra per mettere le mani sul trofeo, per cui siamo ancora lontani dall’obiettivo finale – mette in chiaro il tecnico bianconero, che dal canto suo sulla domanda rivolta anche al presidente Renzetti preferisce non sbilanciarsi –. Tra Coppa e campionato, io scelgo entrambi. Abbiamo ancora le possibilità di ottenere le due cose e dobbiamo crederci fino in fondo. Siamo terzi in classifica e cercheremo di difendere questa posizione che è molto importante, ma allo stesso tempo vogliamo andare avanti il più possibile anche in Coppa. Non dobbiamo però metterci troppa pressione addosso, perché la pressione ti frena, mentre noi dobbiamo scendere in campo sereni, convinti e determinati. Ci teniamo tutti a passare il turno ma siamo anche consci che affrontiamo un impegno difficile in una competizione che non ha niente a che vedere con il campionato, contro un avversario ostico che meriterebbe di stare molto più su in classifica (al momento in Super League il Lucerna è terz’ultimo a pari merito con il Vaduz e a +6 sul fanalino di coda Sion, ndr). Hanno il secondo miglior reparto offensivo del campionato (con 49 gol segnati secondo solo ai 53 dello Young Boys, ndr), quando attaccano lo fanno in cinque o sei con elementi molto validi. A parte Sorgic, che non so se sarà ancora infortunato, vi sono Schürpf, Schaub, Ndiaye, Tasar e altri giovani pronti a entrare dalla panchina. E anche a centrocampo hanno gente come Wehrmann e un Ugrinic che va sempre a bersaglio. Poi è chiaro che magari in fase difensiva concedono qualcosa (in campionato le 49 reti incassate rappresentano il peggior bilancio difensivo, ndr) ed è lì che dovremo essere bravi a colpirli».

La sfida contro Schürpf e compagni potrebbe decidersi anche oltre il novantesimo e a maggior ragione a fare la differenza potrebbero essere le energie rimaste nelle gambe alle due squadre, entrambe reduci da incontri dispendiosi (sabato il Lucerna è stato superato 4-3 in casa dal Basilea, ndr)... «Ieri i giocatori erano ancora stanchi per il match di sabato. Chi ha giocato contro i losannesi ha svolto un allenamento defaticante, mentre gli altri hanno lavorato in una seduta breve. Mi auguro che per domani le batterie possano essere ricaricate completamente. In ogni caso schiereremo la miglior formazione possibile, come detto ci teniamo ad arrivare in semifinale e vogliamo mettere in campo tutte le forze che possano permettercelo, come se fosse un big match di campionato. Spero che basterà, perché più di quanto fatto ad esempio contro il Losanna, sul piano fisico la squadra non può dare. Dal punto di vista del gioco invece qualcosa di meglio si può e si deve sempre fare, ma bisogna veramente apprezzare quello che la squadra ha saputo fare fino a oggi in campionato e mi auguro che questa mentalità possa essere trasferita anche alla Coppa. In fondo, a maggior ragione in questa competizione l’importante è passare il turno, poi se lo faremo anche attraverso il bel gioco ben venga, ma prima di tutto dovremo essere concreti, solidi e robusti».

Osigwe confermato tra i pali

Una solidità che il Lugano ha dimostrato di saper mantenere anche variando formazione e interpreti, con ad esempio Sebastian Osigwe che si è sempre fatto trovare pronto quando chiamato in causa (anche domani il 27enne sostituirà tra i pali l’infortunato Baumann, che dovrebbe rimanere ai box per una decina di giorni circa) e il modulo a due punte con Bottani trequartista che si è rivelato una valida alternativa a quello con un singolo attaccante… «Giocare con due attaccanti può darti maggiori soluzioni in avanti e ulteriori possibilità di passaggio per Bottani e i centrocampisti che vengono dalle retrovie. Il baricentro della squadra può restare più alto anche se bisogna mantenere il giusto equilibrio tra le due fasi. Contro il Losanna non siamo stati abbastanza bravi nel finale quando recuperavamo palla, avremmo dovuto gestirla meglio e farla girare per costringerli a difendere. Questo sarà importante con il Lucerna: verticalizzando quando è possibile e quando non lo è mantenere il possesso per far correre l’avversario. Allo stesso modo però dovremo alzare il baricentro e provare a metterli in difficoltà, perché in Coppa il pareggio non esiste, si deve cercare di vincere per forza di cose».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
angelo renzetti coppa svizzera fc lugano
Potrebbe interessarti anche
CALCIO
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
Tennis
19 ore
Wawrinka contro Murray come prima portata a Cincinnati
Sfida dal sapore nostalgico all’Atp 1000 a stelle e strisce, tra il vodese (Atp 3222) e lo scozzese, numero 48 delle gerarchie
Nuoto
1 gior
Noè Ponti davanti a tutti nelle qualificazioni
Il locarnese vola in semifinale dei 100 m delfino con il miglior tempo e nuovo primato nazionale: 51"56
il ritratto
1 gior
Serena Williams, il tennis corpo a corpo
Lascia dopo 23 Slam. Il suo fisico massiccio ed esplosivo è sempre stato al centro dell’attenzione, mostrando il razzismo di chi la criticava
calcio
1 gior
Bellinzona in letargo, l’Aarau ne approfitta
Brutta prestazione e seconda sconfitta stagionale per i granata, mai realmente in partita contro gli argoviesi: uno 0-4 che non fa una grinza.
hockey
1 gior
L’Ambrì ne fa sei ai Rockets
L’amichevole di Biasca finisce sull’1-6, in gol i nuovi acquisti Hofer, Zündel, Shore e Chlapik e per i biaschesi di Bennett
nuoto
1 gior
Roman Mityukov migliora il suo record nei 200 dorso
Il 22enne migliora il suo stesso primato e si qualifica per la finale con il primo tempo assoluto. Ugolkova ottava nei 100 stile libero
Altri sport
1 gior
Ducarroz soltanto quinta
Due sbavature tengono la ginevrina fuori dal podio continentale
ATLETICA
2 gior
Crouser e Lavillenie al Galà dei Castelli
Altri due nomi importanti si aggiungono alla lista dei presenti al meeting del prossimo 12 settembre. Il pesista Usa è fresco di titolo mondiale a Eugene
HOCKEY
2 gior
Seconda sconfitta per la Svizzera U20
Ai Mondiali di Edmonton i giovani rossocrociati sono stati battuti 7-1 dagli Stati Uniti. Quarti di finale appesi alle sfide con Germania e Austria
NUOTO
2 gior
Mityukov, Ugolkova e Mamié in semifinale agli Europei
La ticinese ha ottenuto il 13º tempo nei 50 rana. Non ce l’hanno fatta, invece, Julia Ullmann (50 rana) e la staffetta 4x100 quattro stili mista
© Regiopress, All rights reserved