laRegione
biden-e-putin-tutto-di-personale
laR
 
23.03.21 - 05:30
Aggiornamento: 17:25

Biden e Putin, tutto di personale

I rancori tra i due uomini più potenti della Terra risalgono a vecchi screzi. Si conoscono, non si piacciono, ma dovranno comunque sedersi al tavolo

La crisi tanto attesa, e causata da vecchie ruggini, è scoppiata come nelle più autorevoli previsioni post-presidenziali Usa. Ora a rischio non vi sono soltanto le relazioni bilaterali tra Russia e Stati Uniti, ma la stessa stabilità internazionale. Mai nella storia un capo della Casa Bianca aveva alzato così tanto i toni, mettendola addirittura sul personale. In un'intervista televisiva Joe Biden è tornato ad affermare, come già fece in passato, che il collega al Cremlino “non ha un’anima”. Conoscere realmente l’interlocutore, secondo il leader Usa, aiuta a capirsi. Putin “pagherà un prezzo” per le interferenze russe nella campagna presidenziale Usa, ha promesso.
La parte più offensiva dal punto di vista personale riguarda semmai la domanda se il presidente statunitense “pensi che Putin sia un assassino”. La risposta breve, dopo aver annuito, è stata “sì, lo penso”. Attenzione, però, perché Biden non ha utilizzato il termine “killer”, rilanciato da tutti i media del mondo. Questioni semantiche o meno, tra russi e americani volano gli stracci. A parte una lunga storia di scortesie più o meno conosciute dal grande pubblico, i Democratici Usa sono ancora irritati per la gelida accoglienza a Barack Obama al vertice G20 di San Pietroburgo nel settembre 2013. Lo stesso Obama nel 2006, quando era ancora senatore e membro della Commissione incaricata di verificare il disarmo nucleare, ricevette in Russia un trattamento poco amichevole.

Lo sgarbo a Obama 

Per otto anni “braccio destro” di Obama, Biden non ha digerito questo modo di fare tra “potenti”, diventato manifesto dopo che, nel 2011, l’allora segretario di Stato Usa Hillary Clinton ricordò a Putin che non poteva essere rieletto presidente, poiché la Costituzione russa prevedeva solo due mandati, da lui già svolti. Quello fu il vero punto di rottura. Putin non prese bene le dichiarazioni della Clinton e le successive manifestazioni anti-Cremlino in Russia nel 2011 – organizzate secondo lui sotto l’influenza del Dipartimento di Stato Usa – vennero interpretate come un'interferenza in questioni interne.
Veniamo ai giorni nostri. Fondamentale è la tempistica. Subito dopo aver capito che Biden sarebbe stato il nuovo presidente, Mosca ha giocato d’anticipo. Tra novembre e i primi venti giorni di gennaio ha risolto alcune questioni pendenti a livello internazionale salvo inciampare in casa nell’inattesa vicenda Navalny, secondo Putin messa in piedi dagli occidentali.
Anche al netto dell’attacco personale di Biden, i russi si aspettavano ora questa situazione. Già martedì scorso i giornalisti stranieri accreditati erano stati invitati, con maggiore enfasi del solito, a un briefing della portavoce del ministero degli Esteri: a breve sarebbe uscito il rapporto dell’intelligence Usa contro Russia e Iran, mentre Putin si preparava a festeggiare – come tutti i 18 marzo negli ultimi 7 anni – il “ritorno” della Crimea alla Russia.
Adesso il Cremlino risponde minimizzando l’accaduto. L’obiettivo dichiarato dalla sua diplomazia è evitare il “degrado” nei rapporti con gli Usa. Pragmatismo, insomma. Anche perché Washington potrebbe creare enormi problemi all’economia federale. D’altronde Mosca sa bene, come per lo Start3 rinnovato alla fine di gennaio, che Biden dovrà comunque trattare con lei sull’arena internazionale.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
guerra fredda joe biden russia stati uniti vladimir putin
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
9 ore
La ricostruzione dell’Ucraina sarà anche un grande affare
La sfida della comunità internazionale: vegliare affinché per il popolo ucraino ci sia un futuro degno, evitando derive già vissute altrove
Commento
1 gior
Conferenza di Lugano: ‘principi’ del domani e guerra di oggi
La Urc2022 si chiude con una ‘Dichiarazione’ che getta le basi del processo di ricostruzione dell’Ucraina. Il risultato non è da disprezzare
Commento
2 gior
Conferenza, assenza & resilienza
Una parola magica, tanti (troppi) Paesi che si sono defilati: resta la sensazione di un’incompiuta, anche perché non si capisce cosa accadrà in Ucraina
Commento
3 gior
L’Urc2022, Cassis e la Storia
C’è stato Marignano, certo, ma ora c’è Mariupol: il Consiglio federale ha avviato de facto una revisione della politica di neutralità
Commento
3 gior
Fedez e la Corte Suprema dentro di noi
Gli scempi in nome dei vecchi valori di una volta sono sotto gli occhi di tutti, ma per ergerci a giudici ci basta che un rapper non conosca Strehler
Commento
5 gior
Passeggiata scolastica e crepe nella collegialità
La rituale gita del Consiglio federale fa dimenticare le dissonanze in seno all’Esecutivo emerse a più riprese negli ultimi tempi
L'analisi
6 gior
L’inflazione segna la fine del paradigma ‘a bassa cilindrata’
Buona parte degli economisti sostiene che i rincari sono determinati dall’eccesso di denaro in circolazione, confondendo l’effetto con la causa
Commento
1 sett
Bisogna sconfiggere Putin, non Dostoevskij
Il ministero ucraino della Cultura ha deciso di censurare musica e letteratura russe. Dimenticando che la cultura non fa la guerra
Commento
1 sett
Wonder Woman e il pianoforte a coda abitano nel Luganese
Un annuncio di lavoro richiede alla babysitter doti linguistiche, gastronomiche, pedagogiche, musicali, antropologiche, mediche e non solo
Commento
1 sett
Dopo aver corso per Totti, ora Tommasi corre per Verona
L’ex calciatore della Roma diventa sindaco alla guida di una lista civica appoggiata dal centro-sinistra. Una figura atipica nella politica italiana
© Regiopress, All rights reserved