laRegione
usa-russia-un-secolo-di-incontri-storici
Reagan e Gorbaciov a Ginevra nel 1985 (Keystone)
15.06.21 - 22:53
Ansa, a cura de laRegione

Usa-Russia, un secolo di incontri storici

Da Yalta e Potsdam insieme ai britannici fino a Reykjavik, nel 1986, che pose le basi del disarmo nucleare con i sovietici. Tra svolte e litigi

Il summit di domani a Ginevra tra Putin e Biden si svolge in un momento di grande tensione tra Russia e Usa. Nei passati decenni le relazioni tra Mosca e Washington hanno attraversato periodi di scontro e altri di maggiore comprensione. I vertici tra i leader della Casa Bianca e quelli del Cremlino hanno inevitabilmente seguito questo andamento, segnando a volte intese storiche.

Da Yalta in poi

Sul finire della Seconda guerra mondiale, i leader di Urss, Usa e Gran Bretagna si vedono a Yalta e a Potsdam. Inizia così la spartizione del mondo in due blocchi dopo la sconfitta del nazismo. Una cortina di ferro cala sull'Europa e per 14 anni i leader di Mosca e Washington non si incontrano.

Bisogna aspettare il 1959 perché Krusciov diventi il primo segretario del Pcus ad andare negli Usa. Due anni dopo, nel giugno del 1961, Krusciov incontra Kennedy a Vienna. A dominare i colloqui è la situazione a Berlino, dove la Germania Est non è in grado di fermare l'esodo verso Ovest. Da lì a poco sarà eretto il Muro di Berlino e inizierà la crisi dei missili di Cuba, che farà temere un conflitto armato tra le due superpotenze.

Gli anni Settanta

I rapporti tra Urss e Usa restano difficili anche negli anni a venire, ma tra il 1970 e il 1974 Nixon e Brezhnev si incontrano due volte a Mosca e una a Washington e concordano due intese per limitare le testate nucleari. Con l'ascesa al potere del padre della perestrojka, Gorbaciov, comincia un periodo di distensione e si mette gradualmente fine alla Guerra Fredda. Storico è il summit di Reykjavik del 1986, che pone alcune basi per futuri accordi sul disarmo nucleare. Preceduto da quello del 1985, proprio a Ginevra.

L'Urss però crolla pochi anni dopo e negli anni '90 Eltsin è il presidente di una neonata Federazione Russa economicamente instabile. Nel loro primo incontro, nel 1993 a Vancouver, lui e Bill Clinton rilasciano una dichiarazione congiunta sulla promozione della democrazia.

Ma il 31 dicembre del 1999 Eltsin consegna le chiavi del Cremlino a Putin, il cui potere presto diventa quasi illimitato e di certo poco democratico. George W. Bush parla con l'ex ufficiale del Kgb in Slovenia nel 2001: "L'ho guardato negli occhi e ho visto la sua anima", dice, definendo Putin "un uomo diretto, che ispira fiducia". I rapporti tra Russia e Usa si fanno però sempre più freddi.

Obama e Medvedev

Obama inizialmente cerca di instaurare un dialogo con l'allora presidente Medvedev e nel 2009 la segretaria di Stato Usa Hillary Clinton incontra il ministro degli Esteri russo Lavrov portando con sé un pulsante rosso con la scritta 'Reset'. Non cambia però molto e nel 2014 l'annessione russa della Crimea e la guerra in Ucraina fanno sprofondare ancora di più le relazioni tra Mosca e Occidente.

La Russia viene anche accusata di interferenze per favorire Trump alle presidenziali del 2016. In un summit a Helsinki con Putin nel 2018 è però lo stesso Trump a difendere di fatto il Cremlino contraddicendo la propria intelligence, salvo poi dire di essere stato frainteso. Con Biden presidente, Putin pare aver trovato un interlocutore più tosto alla Casa Bianca.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
guerra fredda mikhail gorbaciov reykjavik ronald reagan russia usa yalta
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
il reportage
1 ora
Viaggio in Abkhazia, lo Stato separatista che non esiste
Vodka, pistole, autisti sbadati, ambasciatori ufficiosi, ministri con giacche troppo larghe, il fantasma di Stalin, frontiere immaginarie e dogane reali
Estero
9 ore
Esplosioni in Crimea. Kiev rivendica l’attacco
Mosca parla di incidente in un deposito di munizioni, ma fonti militari ucraine confermano che c’è la loro mano: ‘È solo l’inizio’
Estero
9 ore
Stop ai visti turistici ai russi nei Paesi Baltici
Kiev chiede lo stesso agli altri Paesi occidentali. Mosca taglia anche il petrolio
pacfico
10 ore
Pechino: la linea mediana non esiste. Taiwan teme l’invasione
Altissima tensione dopo la visita della speaker della Camera americana Nancy Pelosi. Pechino prepara l’artiglieria nel Mar Giallo
Estero
11 ore
Trump contro l‘Fbi: ’Io vittima di un nuovo Watergate’
L’ex presidente si scaglia contro l’agenzia governativa dopo il blitz nella sua residenza di Mar-a-Lago. Nancy Pelosi: nessuno è al di sopra della legge
Estero
12 ore
Oggi giornata mondiale del leone: in Africa ne restano 30’000
Le popolazioni di leone presenti in Africa hanno perso il 90% del loro areale originario e la riduzione non sembra arrestarsi
Estero
14 ore
La caccia al tesoro dei Paperoni Usa in Groenlandia
Gates, Bezos, Bloomberg finanziano la ricerca di cobalto e nichel sull’isola
Confine
14 ore
Trenord aumenta il prezzo dei biglietti
Sono coinvolte anche le linee transfrontaliere con il Ticino. La ragione è l’adeguamento all’inflazione
Estero
17 ore
Identificati 250 siti web di fake news sulla guerra in Ucraina
Diffondono attivamente disinformazione russa, indica NewsGuard. Circa la metà sono in inglese, mentre altri sono in francese, tedesco o italiano
Estero
22 ore
Trump: la tenuta di Mar-a-Lago perquisita dall’Fbi
L’operazione sarebbe legata alla ricerca di alcuni documenti riservati che l’ex presidente avrebbe portato via dalla Casa Bianca
© Regiopress, All rights reserved