laRegione
draghi-l-anti-italiano-che-non-ti-aspetti
(Keystone)
laR
 
18.02.21 - 06:00

Draghi, l’anti-italiano che non ti aspetti

Un discorso non in burocratese, un appello all'unità e uno schiaffo alla gerontocrazia e all'immobilismo, così ha esordito in Senato il nuovo premier

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Prima di Mario Draghi l’anti-italiano avevamo visto sfilare come presidente del Consiglio tutte le sfumature dell’arci-italiano: l’avvocato di provincia sbarcato nella capitale (Conte) e il caposcout iperattivo che ha sempre ragione (Renzi), il compagno secchione che ti passa i compiti (Letta) e quello che quando riguardi la foto di classe ti chiedi come si chiamava (ma sì dai, quello là, Gentilini, Gentiletti, com’era più? Gentiloni), il sacerdote di paese che gioca a briscola e beve vino (Prodi). E poi Berlusconi, che vabbè, è Berlusconi. Somigliavano e somigliano tutti a qualcuno che conosciamo.

Poi ieri è sbarcato in Parlamento questo marziano della porta accanto, osannato dai più con aneddoti in stile “vita e miracoli di”, a metà tra il santo e il supereroe (quella volta che Draghi moltiplicò i pani, i pesci e le banconote da 50 euro, quella volta che fece la lavatrice e alla fine i calzini non erano spaiati, quella volta che trovò un centro di gravità permanente e lo restituì a Battiato...) e salutato da altri come l’incarnazione del Male: ecco l’eurocrate, il servo della Merkel, l’uomo delle banche, quello messo lì dai poteri forti per far fallire l’Italia…

Ma senza voler proseguire nel processo di beatificazione, si può almeno dire che c’è anti-italiano e anti-italiano: c’è quello che va contro gli interessi della sua stessa nazione (e sarebbe da escludere) e quello che va contro le consuetudini, scardinando vizi, virtù e certezze di un Paese finora sempre uguale a sé stesso, che lo governasse Pulcinella o Belzebù.

Draghi, con il suo discorso in Senato prima del voto di fiducia, ha messo come priorità tutte quelle cose che chi era arrivato prima di lui aveva sempre ignorato o infilato nella lista degli eccetera, eccetera. Scuola, ambiente, innovazione e parità di genere non sono stati citati distrattamente, ma posti come obiettivi primari, non solo per avere un futuro, ma per averne anche uno degno (“Spesso mi sono chiesto se noi, e mi riferisco prima di tutto alla mia generazione, abbiamo fatto e stiamo facendo per loro tutto quello che i nostri nonni e padri fecero per noi, sacrificandosi oltre misura… per promuovere al meglio il capitale umano, la formazione, la scuola, l’università e la cultura. Una domanda alla quale dobbiamo dare risposte concrete e urgenti quando deludiamo i nostri giovani costringendoli a emigrare da un Paese che troppo spesso non sa valutare il merito e non ha ancora realizzato una effettiva parità di genere. Ogni spreco oggi è un torto che facciamo alle prossime generazioni, una sottrazione dei loro diritti”).

Draghi è entrato in aula e ha parlato di fisco e tasse prima di chiedere il voto ai politici, spericolato come un aspirante fidanzato che alla prima cena dai genitori di lei dice al padre che ci si è messo assieme per portarsela a letto.

Insomma, via le maschere, via quei cerimoniali dialettici che fanno della politica italiana una palude da cui non si cerca di scappare, ma dove – al contrario – ci si crogiola benissimo restando in ammollo. Perché se dalle sabbie mobili non puoi liberarti con poco sforzo, tanto vale fare i fanghi finché non si affonda. Questo è l’andazzo comune, insito nei vecchi, pachidermici partiti come il Pd, che ha afflitto anche chi nella palude inizialmente schiamazzava e non ci voleva stare, come i Cinquestelle.

Draghi, infine, si è liberato del burocratese parlando un italiano comprensibile a tutti, facendo un discorso che sapeva sarebbe finito non solo sugli scranni del Parlamento, ma in ogni salotto e ufficio. Via i tecnicismi e spazio perfino a virtuosismi carichi di significato, come la frase simbolo del suo discorso: “Senza l’Italia non c’è l’Europa. Ma, fuori dall’Europa c’è meno Italia. Non c’è sovranità nella solitudine. C’è solo l’inganno di ciò che siamo, nell’oblio di ciò che siamo stati e nella negazione di quello che potremmo essere”. Un appello all’unità, un discorso alla nazione che è anche un richiamo agli italiani, uno a uno: alla loro capacità di mettersi in gioco, collaborare. Qualcosa di infinitamente più solido e duraturo del cantare in coro dai balconi. Perché fare tutto da soli a volte è o sembra più facile, ma equivale a negarsi, chiudersi, perdersi le mille possibilità che il mondo ci offre per continuare a essere noi stessi in modi che nemmeno possiamo immaginare.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
discorso governo italia mario draghi senato
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
14 ore
L’eterno declino degli Usa
La strage razzista di Buffalo è l’ennesimo, tragico sintomo di un Paese diviso, le cui fratture interne sono speculari alla potenza militare
Commento
1 gior
Il Vescovo di Lugano e il vasetto (vuoto) di marmellata
Il prete del Mendrisiotto, fermato ubriaco e con precedenti accuse di molestie, ci porta a riflettere sul binomio superato di misericordia e giustizia
Commento
1 gior
TiSin, la Lega e l’arte della fuga
I granconsiglieri Aldi e Bignasca abbandonano il sindacato giallo che ha cercato di aggirare la legge sul salario minimo. Eppure molti minimizzavano
Commento
2 gior
Matignon: trent’anni dopo, una donna
Donna, autorevole, di sinistra e di sensibilità ambientale: Élisabeth Borne è la nuova prima ministra francese
Commento
3 gior
Lo Stato e la diligenza del buon padre di famiglia
La retorica della destra è riuscita a fare breccia: il pareggio nei conti pubblici andrà raggiunto entro la fine del 2025
Commento
5 gior
A braccetto con Erdogan, pur di avere ragione
Siamo disposti a tutto pur di confermare le nostre tesi, perfino di accompagnarci a Erdogan che impallina i nuovi ingressi Nato per proprio tornaconto
Commento
5 gior
Stampa, di mordacchia in mordacchia
Giornalismo svizzero, da Berna ulteriori restrizioni. Di questo passo l’articolo costituzionale sulla libertà dei media diventerà lettera morta
Commento
6 gior
Lugano, la sinistra riparta da Schönenberger
Positivo che le critiche dell’ex leader abbiano smosso così le acque: giusta la reazione dei vertici cantonali, a Lugano resta molto da fare
Commento
1 sett
Hansjörg Wyss, l’anti-Blocher che si prese il Chelsea
Il magnate bernese ha deciso d’investire 5 miliardi di franchi per mettere le mani sul gioiello calcistico dell’oligarca russo Roman Abramovich
Commento
1 sett
Decreto Morisoli: dicono ‘contenere’, intendono ‘tagliare’
Nelle attuali circostanze costringere lo Stato a raggiungere l’equilibrio fiscale a breve termine è, a rigor di logica, un’assurdità
© Regiopress, All rights reserved