laRegione
dio-quanto-ti-odio-anche-i-quotidiani-nel-loro-piccolo
'Clicca, clicca, clicca, banna, banna'
Commento
21.11.20 - 06:050
Aggiornamento : 06:50

Dio quanto ti odio (anche i quotidiani nel loro piccolo...)

(...s'incazzano) Il Giornale di Brescia ‘molla’ Facebook. ‘L’ora dei social è al tramonto’, commenta qualcuno. Ma lo dicevano anche del karaoke (maledetto Fiorello).

Mutuiamo il titolo da un vecchio libro di Gino e Michele, un cult dell’umorismo, per titolare di una storia che non fa esattamente ridere e per parlare di un quotidiano che rinuncia alla presenza sui social. Uno in particolare: Facebook. Le reazioni vanno da “Mi dispiace, mi teneva compagnia” a “Mi dispiace, mi teneva informata” a “Mi dispiace, sono un bresciano che vive all’estero” a “Ma siete in terapia intensiva?”, che detto a Brescia, città che sta nuovamente richiamando i suoi medici in pensione per accogliere i malati di altre città, non è esattamente umorismo alla Checco Zalone sui migranti che affogano a Lampedusa (che, anche quello, non è che brillasse poi così tanto).

“Ma siete in terapia intensiva?” è una carezza rispetto alla violenza che si è letta negli ultimi mesi sulla pagina Facebook del Giornale di Brescia, un quotidiano nato nel dopoguerra che ha pensato bene di mettersi in lockdown. Dallo scorso 2 novembre, la pagina esiste sempre ma non viene aggiornata. “Nell’attesa di una generale sanificazione della parola”, scrive la direttrice Nunzia Vallini in un editoriale dello scorso 17 novembre. Parole pesanti che hanno aperto a una discussione almeno nazionale (ne parliamo con lei a pagina 12). Colpa di “troppe parole in libertà, troppi insulti, troppo astio. E troppi profili fake (falsi) che se non generano notizie altrettanto false, si dilettano in manipolazioni neppure tanto dissimulate”.

Dal 2 novembre scorso, il popolo degli odiatori si è dileguato e a commentare l’ultimo post di Vallini sono pressoché solo gli affezionati. I toni più alti sono quelli di chi accusa il giornale di avergliela data vinta. Agli odiatori. “Bastava disattivare i commenti”, scrivono; e il giornale, ‘taggando’ ogni singolo interlocutore, risponde: “Gentile lettore, quella di disattivare i commenti su una pagina è un’opzione che avremmo volentieri considerato, se solo fosse stata prevista da Facebook”. Perché una volta si poteva; prima della progressiva privazione di privacy, prima che il meccanismo primordiale che regge i social – farci gli affari degli altri, che un po’ è anche quello che muove il giornalismo, ma con intenti più nobili – diventasse altro. Non fosse che è in carcere, di come si vincono le elezioni coi social avremmo chiesto a Steve Bannon (Come? L’hanno rilasciato su cauzione di 5 milioni di dollari il giorno dopo?).

Quelli del Giornale di Brescia non sono degli sprovveduti. Sono di Brescia. Sono quadrati. Oggi come oggi, almeno in Italia, per sanificare le pagine web di un quotidiano non basta un social manager, stratega della comunicazione oggi costretto a fare l’omino della disinfestazione, di quelli che ti aprono il cassonetto della tapparella quando hai le api in cucina che ronzano sui piatti sporchi. Oggi, oltre al social manager, a un giornale servirebbero anche uno psichiatra e gli avvocati di O.J. Simpson. “Condivido la scelta. L’ora dei social è al tramonto”, scrive un bresciano sotto l’ultimo post del suo giornale. Frase che a noi tanto ricorda gli inizi degli anni Novanta quando arrivò il karaoke. Prima che il giapponese Daisuke Inoue lo inventasse, nei locali c’era il pianista di pianobar. Gli chiedevi: “La sai quella lì?”, e lui ti accompagnava. Anche in un’altra tonalità, anche se eri stonato. E se eri il pianobarista, ti pagavano profumatamente. Poi arrivò il karaoke e qualcuno disse: “Ma non può durare, vedrai che tra un anno torna la musica dal vivo”.

Maledetti giapponesi. Maledetto Daisuke Inoue. Maledetto Fiorello. “L’ora dei social è al tramonto”, scrivono a Brescia. A noi sembra appena cominciata.


Daisuke Inoue, l'inventore del karaoke (Keystone)

Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
17 ore
Riscaldamento globale, il compromesso del doppio binario
Sul clima il tempo stringe e i piccoli passi possono portare avanti: scioperare per il futuro sì, ma anche sostenere la nuova legge sul Co2
Commento
17 ore
Scozia, il tassello più pregiato del Regno disunito
La Brexit ha dato risposte facili a un problema complesso: per questo sarà difficile dire no a un nuovo referendum scozzese e alla riunificazione dell'Irlanda
Commento
1 gior
Il trionfo forzato dell'indebitamento
Storicamente il debito ha sempre avuto una connotazione negativa, perché opposto a una filosofia politica e morale di liberazione dell’individuo
Commento
3 gior
Una superpotenza chiamata Netanyahu
Primo ministro dal 2009, trova sempre un modo per restare in sella. Gli scontri di questi giorni sono l'occasione di evitare processi e declino
Commento
4 gior
Barcolla, non molla, il pugile bianconero
Il Lugano sogna ancora l'Europa ma sembra essere arrivato a questo finale di stagione con le batterie scariche, per buona pace del 'Prés' Angelo Renzetti
Commento
5 gior
Non è una sinistra per poveri (e Piketty spiega il perché)
Le classi più deboli tenderebbero a votare sempre meno una sinistra impegnata in molte battaglie culturali, ma che non riesce a parlare ai lavoratori
Commento
1 sett
Rotto l’argine della dialettica, Ppd e Plr pensino al futuro
Lo scambio di cortesie tra Dadò e Speziali non è per forza un male. Però entrambi sappiano che protagonista non è il dibattito politico, ma chi fuori soffre
Commento
1 sett
Forse è tardi, per parlare dei brevetti dei vaccini
Sospendere la proprietà intellettuale sui vaccini per il Covid potrebbe non avere gli effetti sperati. Ma ugualmente dovremmo ripensare il sistema dei brevetti
Commento
1 sett
La ‘Corona Diktatur’ degli uomini forti
India e Brasile, due esempi inquietanti che ci dicono che nemmeno le autocrazie riescono a fare meglio nella gestione della pandemia
Commento
1 sett
Trump, quella di Facebook è una censura lecita ma maldestra
La sospensione a tempo indeterminato dell'ex presidente è una sanzione vaga e priva di base normativa. La “corte suprema” del social network chiede chiarezza, probabilmente invano
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile