laRegione
laR
 
19.11.20 - 06:10
Aggiornamento: 16:31

Iniziativa responsabile, controprogetto insostenibile

Responsabilità civile, obbligo di dovuta diligenza, piccole e medie imprese: alcune cose da ricordare al termine di una campagna che ha ‘deragliato’.

iniziativa-responsabile-controprogetto-insostenibile
Keystone

Fa parte del gioco: durante una campagna per una votazione popolare, partigiani del ‘sì’ e del ‘no’ alzano i toni, gonfiano i fatti, affermano questo e sottacciono quello, rifilano a cittadini spesso ignari o disorientati mezze verità o qualche bugia. Non avevamo mai visto però tanti colpi sotto la cintola, né tanta pervicacia nel negare l’evidenza (se non nell’affermare il falso) come nelle ultime settimane. Fotografie manipolate; video ‘fake’ diffamatori sui social media; volantini ingannevoli; e anche una consigliera federale (Karin Keller-Sutter) iperattiva, che azzarda paragoni che non stanno né in cielo né in terra (“Sareste d’accordo se improvvisamente voi doveste essere ritenuti responsabili anche dei miei errori?”, ‘CdT’, 12 novembre) e taccia di neo-colonialista una proposta piuttosto terzomondista. La campagna sull’iniziativa ‘Per imprese responsabili’ è “deragliata” (‘Tages-Anzeiger’).

Ricordiamoci un paio di cose, per restare sui binari. Se un’impresa prenderà sul serio l’obbligo di dovuta diligenza, non avrà nulla da temere. Cioè: la casa madre in Svizzera non dovrà rispondere del comportamento illecito delle società controllate all’estero, qualora dimostri di aver fatto tutto quanto era ragionevole aspettarsi da lei per sorvegliarne l’attività e per porre rimedio a eventuali violazioni dei diritti umani e delle norme ambientali. I contrari all’iniziativa sostengono che si tratti di un’inversione dell’onere della prova, di una sorta di presunzione di colpevolezza. Non lo è. L’onere della prova rimane sempre a carico della parte accusatrice. È invece la ‘prova liberatoria’: qualcosa che esiste da oltre un secolo nel nostro Codice delle obbligazioni. E che va a favore dell’impresa stessa: anche nel caso in cui un tribunale (svizzero) dovesse stabilire un nesso causale tra il danno e l’attività dell’azienda controllata all’estero (e non, come i fautori del ‘no’ vogliono far credere, di qualsiasi fornitore), la casa madre in Svizzera verrà ‘scagionata’ se dimostrerà di essere stata diligente.

Ricordiamoci anche che l’alternativa è ben poca cosa. Sulla dovuta diligenza, il controprogetto contiene sì regole più severe di quelle oggi in vigore a livello di Unione europea. Tuttavia, l’invenzione di Karin Keller-Sutter non è una soluzione sostenibile. Quelle regole (circoscritte ai settori ‘lavoro minorile’ e ‘minerali provenienti da zone di conflitto’) hanno una portata insufficiente. E nell’Ue l’obbligo di rendicontazione (l’altro elemento dell’alternativa soft) si è già dimostrato ampiamente inefficace. Il fatto è che, senza una clausola sulla responsabilità civile, gli strumenti previsti sono destinati a diventare una foglia di fico. Se non peggio: a cosa serviranno, se non a prendersi più facilmente gioco dei concorrenti, norme di comportamento non accompagnate da un mezzo di pressione adeguato (come le cause civili, appunto, che saranno poche comunque: troppo costose, troppo esigenti per la parte accusatrice) che spinga le imprese a rispettarle? Non a caso le 2’500 grandi imprese (Coca-Cola, Philips, ecc.) riunite nella European Brands Association chiedono regole vincolanti, sia in materia di dovuta diligenza che di responsabilità civile.  

Anche l’iniziativa ha le sue pecche. Ad esempio: non s’è ancora capito – malgrado le rassicurazioni dei promotori – quali e quante piccole e medie imprese verrebbero colpite, né come farebbero queste a ottemperare a un obbligo di dovuta diligenza formulato in modo vago ed esteso all’intera catena di approvvigionamento. Ma toccherà semmai al Parlamento fissare i giusti paletti. E anche coloro che oggi parlano a sproposito di processi a valanga, ingerenza negli affari di Stati sovrani e 80mila imprese colpite, sanno bene che il boccino in mano ce l’avranno loro.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
il commento
20 ore
Quel generale senza volto
Arriva l’inverno, con tutti i sottintesi e il peso storico che ha per la Russia, soprattutto durante una guerra
IL COMMENTO
2 gior
Diplomazia in scacco in una guerra che si incancrenisce
Con l’inverno alle porte, non si vede la fine del conflitto in Ucraina. Sia Putin che Zelensky non hanno alcun interesse a sedersi al tavolo negoziale
IL COMMENTO
3 gior
L’amore non è un colpo di pistola
Non lo deve essere nemmeno l’informazione quando affronta il fenomeno della violenza sulle donne (contro cui ricorre oggi la Giornata internazionale)
IL COMMENTO
4 gior
Il centro(sinistra) di Mirante e il pragmatismo che serve al Ps
L’addio dell’economista non stupisce nessuno, ma mette i socialisti davanti al rischio di perdere consensi ed eletti in Gran Consiglio. E la destra ride
IL COMMENTO
5 gior
La realtà artefatta del Qatar
Tracciamo un bilancio dell’inizio del Mondiale dopo i primi tre giorni di partite
IL COMMENTO
6 gior
I guai di Letta (e del Pd)
La spaccatura sulla candidatura di Letizia Moratti alla Regione Lombardia ha fatto partire un nuovo giro di contestazioni contro il segretario del Pd
IL COMMENTO
1 sett
Non perdere una guerra senza vincere la pace
In Ucraina si parla di piccolissimi spiragli per un tavolo negoziale magari favorito dal ‘generale inverno’. In realtà, nulla sembra meno probabile
IL COMMENTO
1 sett
Il partito delle donne e quello degli uomini
Successione di Maurer e Sommaruga: il Ps ha affrontato la questione femminile di petto, l’Udc ha perso un’altra occasione.
IL COMMENTO
1 sett
Cantonali 2023, per Il Centro è un battesimo con nomi forti
La strategia del fu Ppd è stata quella di affidarsi a persone di esperienza capaci di raccogliere schede tra le varie anime del partito: scelta opportuna
IL COMMENTO
1 sett
Finanze cantonali, verso il pareggio e oltre
A questo punto varrebbe la pena interrogarsi sul perché dell’insistenza da parte delle forze borghesi sulla necessità di risanare dei conti già sani
© Regiopress, All rights reserved