laRegione
michele-bertini-bici-militare-no-grazie
Commento
07.01.20 - 20:120

Michele Bertini, bici militare? No grazie!

Si sarebbe trovato costretto a correre nella sua posizione di vicesindaco con la strada particolarmente in salita

Come non prender atto con un certo rammarico, considerate giovane età, serietà e simpatia, dell’uscita di scena del vicesindaco di Lugano Michele Bertini. Il rumore è quello che fa la porta quando sbatte… Scrive, infatti, chi lascia la scena: ‘Il clima negativo all’interno del partito – soprattutto a Lugano – ha contribuito allo spostamento delle mie priorità’. E lui ha quindi privilegiato l’impegno per la carriera professionale, privata e personale. Come dire: se i rapporti si guastano, ho altro da fare e di certo non casca il mondo sul Ceresio.

Sta di fatto che la sua rapida ascesa alla carica di vicesindaco alle prossime Comunali avrebbe potuto – senza dietro un partito compatto e col rodato Marco Borradori sempre sulla cresta dell’onda e al timone – trasformarsi in un problema. Bertini in aprile si sarebbe trovato costretto a correre nella sua posizione di vicesindaco con la strada particolarmente in salita. E cosa avrebbe fatto se fosse stato ‘degradato’ dalle urne a semplice municipale? Giudici in una situazione quasi analoga abdicò. E la strada in salita è lì da vedere: alle spalle un partito non compatto, scaramucce coi vertici sezionali cittadini e pure cantonali, all’orizzonte validi candidati di lista che gli avrebbero fatto sudare sette camicie.

Plr: in corsa ma senza alleanze!

Ma è anche vero che il Plr di Lugano, da troppo tempo abituato a vincere, da un paio di legislature appare frastornato dalla maggioranza leghista e ora persino assediato dalle congiunzioni altrui: a destra c’è la Lega che corre a braccetto con l’Udc; al centro il Ppd che (col seggio vacante) ragiona su nomi di peso e ha stretto un’alleanza coi Verdi liberali; a sinistra il Ps che andrà alle elezioni di aprile coi Verdi. Ecco dunque che l’unica formazione ‘tradizionale’ che correrà sola soletta sarà il Plr. La sua lista dovrà quindi essere per forza di vera battaglia. Tradotto: gli uscenti (Bertini e Badaracco) hanno poche possibilità di ipotecarla. In un simile contesto, considerate le frizioni che già vi erano state (si sussurra fra lui e Giovanna Viscardi in particolare), Bertini si sarebbe trovato a pedalare in sella alla famosa bicicletta militare. Poi è anche vero che le cronache partitiche del Plr narrano che quando quella bicicletta toccò a Giuseppe Buffi ce la fece alla grande. Bertini, comunque, è giovane, ha tempo. Chissà che, realizzati progetti ai quali in queste condizioni ha preferito accordare la priorità, non torni un domani ad affacciarsi alla politica. Anche perché chi oggi gli fa ombra non è (politicamente) immortale.

TOP NEWS Opinioni
Commento
1 gior
Vitta, il ‘cigno nero’ e una certa idea di rilancio
In questa fase post-pandemica indebitarsi per sostenere la ripresa economica sarebbe il miglior investimento che il cantone possa fare
Commento
1 gior
La libera circolazione e i ‘rivoluzionari’ dell’Udc
Il partito, tradizionalmente ostile alle misure d’accompagnamento, ora si erge a paladino dei diritti dei lavoratori. Con una credibilità a pari a zero.
Commento
2 gior
Niente post per 24ore basta?
Fra odio e fake news, le star boicottano Instagram e facebook!
Commento
2 gior
Naturalizzazioni a Lugano, l’ambiguità della legge
Affidare compiti amministrativi a organi politici genera polemiche e imbarazzo, mentre prosegue lo ‘sciopero’ dei quattro membri leghisti delle Petizioni
Commento
3 gior
Voto ai 16enni: germogli della democrazia!
Si torna a dibattere della possibilità di accordare il diritto di voto ai sedicenni. Idea saggia? O ardita?
Commento
4 gior
Mancherà don Roberto, l’eroe della strada, vicino agli ultimi
Sanno risvegliarci dal torpore dell’impotenza davanti alla miseria altrui. Quando li incontri ti fanno venir voglia di essere una persona migliore
L'analisi
5 gior
Non è un paese per donne
La politica ticinese richiama le immagini di fine Ottocento: solo uomini saldamente al potere
Il ricordo
6 gior
Ciao 'Nene of Daro'
Quella sera ci disse che desiderava dare anche un contributo a chi si stava affacciando alla vita sportiva
Commento
6 gior
Procura, cinque cartellini rossi: genesi da chiarire
Il Gran Consiglio ha stabilito le regole sull'elezione di pp e giudici: vada allora a fondo sulle bocciature pronunciate dal Consiglio della magistratura
Commento
1 sett
Il Lockdown e la sfida climatica
Durante il confinamento la natura si è ripresa i suoi spazi? Non è così semplice. E, spiegano gli esperti, l'impatto sul riscaldamento globale è minimo
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile