laRegione
le bugie dell’iran
07.10.22 - 19:50
Aggiornamento: 20:06

‘Mahsa morta per una malattia, non per le botte’

Teheran tira dritto e parla di suicidio per la sedicenne Sarina. Amnesty e altre Ong controbattono: ‘Uccisa a manganellate’

Ansa, a cura di Red.Estero
mahsa-morta-per-una-malattia-non-per-le-botte
Un cartello con il volto di Mahsa Amini (Keystone)

Non sarebbero state le botte a ucciderla, ma una malattia. La morte di Mahsa Amini sarebbe legata a "un intervento chirurgico per un tumore al cervello subito all’età di 8 anni" e "non a percosse alla testa e agli organi vitali".

A sostenerlo clamorosamente è un rapporto medico seguito all’autopsia effettuata a Teheran sul corpo della 22enne iraniana, arrestata dalla polizia morale perché non indossava correttamente il velo e deceduta dopo tre giorni nell’ospedale dove era arrivata dalla caserma già in coma.

Il documento, pubblicato dalla tv di Stato, arriva a tre settimane dalla morte della giovane che ha scatenato proteste in tutto il Paese duramente represse dalle forze dell’ordine.

Gli altri casi insabbiati

La versione ufficiale sulla morte di Mahsa è stata contestata sui social media da attivisti iraniani e arriva nel giorno in cui la madre di Nika Shakarami, un’adolescente morta dopo aver preso parte alle dimostrazioni, ha dichiarato a Radio Farda che la figlia è stata uccisa dalle forze di sicurezza e non ha perso la vita cadendo da un edificio, come aveva sostenuto invece la magistratura. La denuncia arriva a meno di 24 ore dalle dichiarazioni di Amnesty International e di altre organizzazioni che accusano la polizia iraniana di avere provocato la morte anche di un’altra adolescente, la 16enne Sarina Ismailzadeh, scomparsa il 24 settembre. Per la procura di Alborz, la ragazza si sarebbe "suicidata" lanciandosi dalla finestra di un edificio non lontano dalla casa delle nonna, mentre secondo le Ong la morte è stata provocata da "colpi di manganello alla testa".


Una manifestante a Berlino (Keystone)

Dal 16 settembre le dimostrazioni per Mahsa in Iran non si sono mai fermate e nei giorni scorsi sono state portate avanti soprattutto da universitari e studentesse di scuole superiori di varie città che hanno dimostrato togliendosi il velo. Si sono invece fatti più rari i raduni serali che avevano caratterizzato la protesta nelle prime settimane mentre alcuni attivisti hanno indetto per domani una giornata di mobilitazione a livello nazionale.

Morte almeno 134 persone

Ieri Amnesty International aveva denunciato la morte di almeno 82 persone, tra cui minori, durante duri scontri la scorsa settimana a Zahedan, nel Sud-est del Paese. Secondo la Ong, quello che è stato definito "il venerdì di sangue" ha rappresentato il giorno con il maggiore numero di vittime dall’inizio delle proteste, mentre secondo le autorità iraniane sono 19 le persone che hanno perso la vita a Zahedan. Per Amnesty il bilancio delle vittime in tutto il Paese dall’inizio delle dimostrazioni è arrivato ad almeno 134 persone.

La gestione delle proteste da parte delle forze dell’ordine è stata duramente criticata dal mondo occidentale e oggi i vertici di forze armate e polizia in Iran hanno rinnovato il loro giuramento di fedeltà alla Guida suprema Ali Khamenei, che nei giorni scorsi aveva lodato l’operato della sicurezza durante le dimostrazioni che tra l’altro hanno portato a migliaia di arresti, compreso quello dell’italiana Alessia Piperno, tuttora detenuta nel famigerato carcere di Evin.


Simbolico taglio dei capelli in onore di Mahsa anche a Istanbul (Keystone)

Oggi il portavoce del Ministero degli esteri iraniano Nasser Kanani ha liquidato come "inutile" e "priva di fondamento" la risoluzione adottata ieri dal Parlamento europeo che chiede di sanzionare l’Iran per la violenza delle forze dell’ordine. "Cospiratori e rivoltosi hanno le proprie radici in Europa", ha aggiunto Kanani.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
3 ore
Trovato il corpo della dodicesima vittima della frana di Ischia
Il corpo è in via di identificazione, ma l’identità dell’ultima dispersa è già nota
Confine
4 ore
Luino-P. Ceresio, riapre stasera la strada travolta dalla frana
L’Anas ha deciso che, dalle 18, la statale è percorribile a senso alternato. I lavori di messa in sicurezza dureranno fino al 23 dicembre
Estero
10 ore
L’Indonesia vieta il sesso e la convivenza prima del matrimonio
Gli atti che diventano ora reato potranno essere denunciati solo dal coniuge, dai genitori o dai figli. La legge è valida anche per gli stranieri
Estero
11 ore
La Cina saluta Jiang Zemin. Xi: ‘Un grande marxista e leader’
Il presidente cinese ha chiuso con l’elogio funebre la cerimonia solenne per lo scomparso predecessore
la guerra in ucraina
20 ore
Kiev attacca in Russia: colpite due basi
Missili, morti e blackout provocati dall’esercito del Cremlino. Putin sul ponte in Crimea. Caduto un razzo russo in Moldavia
Estero
20 ore
Scioperi e proteste in Iran, ‘impiccheremo i rivoltosi’
I Pasdaran promettono il pugno di ferro contro i manifestanti. Solidarietà a chi scende in strada in 40 città da parte dei negozianti
Russia
1 gior
‘Price cap’ del petrolio, Mosca fa spallucce
Ribadendo il non riconoscimento da parte della Russia, Dmitry Peskov preannuncia l’imminente risposta del Cremlino
Estero
1 gior
Bruxelles, al via il maxi-processo sugli attentati del 2016
Alla sbarra ci saranno 10 imputati. Negli attacchi morirono 32 persone e ci furono oltre 300 feriti
la guerra in ucraina
1 gior
Bombe russe a Zaporizhzhia, colpito centro oncologico a Kherson
‘Base russa in costruzione a Mariupol’. Putin andrà a fare una visita nel Donbass
Estero
1 gior
Snowden ha preso il passaporto russo
L’esperto informatico, nel 2013, decise di desecretare in autonomia migliaia di documenti top secret del suo Paese, gli Stati Uniti
© Regiopress, All rights reserved