laRegione
Serbia
25.09.22 - 16:55
Aggiornamento: 22:18

‘Non accetteremo l’esito dei referendum in Donbass’

Dopo la Turchia, anche il Paese balcanico prende le distanze dalle strategie di Mosca

Ats, a cura di Red.Web
non-accetteremo-l-esito-dei-referendum-in-donbass
Keystone

La Serbia non accetterà il risultato dei referendum in corso nelle regioni ucraine sotto controllo russo. Lo ha detto il ministro degli Esteri Nikola Selakovic.

Parlando oggi in una conferenza stampa al suo ritorno dall’Assemblea generale dell’Onu, dove ha affiancato il presidente Aleksandar Vucic. Il ministro ha precisato che Belgrado non può accettare l’esito di tali consultazioni per due ragioni. Primo, la stretta osservanza da parte della Serbia dei principi del diritto internazionale e della Carta delle Nazioni Unite. Secondo, ciò sarebbe contrario agli interessi nazionali della Serbia, è contrario alla sua politica di rispetto della sovranità e integrità territoriale degli Stati, di rispetto del principio della inviolabilità dei confini.

Selakovic si è poi riferito alle critiche relative a un accordo di collaborazione fra i due ministeri degli Esteri serbo e russo, da lui firmato a New York con il collega russo Serghiei Lavròv. Le critiche, ha osservato, arrivano da coloro che non conoscono i contenuti di tale documento, e che prendono ciò come pretesto per attaccare la Serbia. "Tale accordo si firma dal 1996 e si tratta di un documento tecnico, senza alcuna connotazione sulla politica di sicurezza. Esso riguarda le consultazioni sui rapporti bilaterali e l’attività multilaterale. Noi ci consultiamo con tutti, anche con quelli con i quali le nostre posizioni sono del tutto opposte". L’altro ieri Selakovic, a margine dell’Assemblea generale dell’Onu, ha firmato con Lavròv un Piano di consultazioni fra i rispettivi ministeri degli Esteri per il periodo 2023-2024.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
coronavirus
5 min
La Cina allenta la morsa, ‘sì all’isolamento a casa’
Aperture di Pechino dopo le proteste, mentre si prepara l’addio a Jiang Zemin
spagna
18 min
Giallo su 6 pacchi bomba, uno anche a Sánchez
Il fil rouge pare la guerra in Ucraina, ma si segue la pista locale
Estero
37 min
Giallo su sei pacchi bomba in Spagna
Oltre all’ordigno esploso all’ambasciata ucraina a Madrid, ne sono stati notificati altri, pure all’indirizzo del premier Pedro Sánchez. Indagini in corso
la guerra in ucraina
40 min
“La Nato non entrerà nel conflitto”
Mosca accusa l’Alleanza: ‘Ci fanno la guerra’. Stoltenberg risponde seccamente. Macron spinge per un negoziato: ‘Lo ritengo possibile’
Estero
2 ore
Svezia, vendesi casa... con il proprietario morto sotto il letto
Nessuno in due anni si era accorto del decesso dell’80enne ex padrone di casa, probabilmente a causa del cattivo odore e del disordine degli ambienti
Italia
5 ore
Chat neonazista con foto di abusi e piani di stragi: tre arresti
Nel canale Telegram gestito da due genovesi si programmava un attentato al parlamento italiano. Fra le accuse anche quella di istigazione al suicidio
Italia
6 ore
Maxisequestro di marijuana in provincia di Brescia
Nel mirino della Guardia di Finanza un’azienda che coltivava canapa legalizzata. Ma con Thc superiore al limite: confiscate due tonnellate
Città del Vaticano
7 ore
Congo e Sud Sudan nei piani di viaggio del Papa
Rinviata già a luglio a causa di problemi al ginocchio, la visita in Africa del Pontefice sarà recuperata tra fine gennaio e inizio febbraio
Italia
9 ore
Frana di Casamicciola, individuati altri due corpi
All’appello mancano ancora due persone. E nel pomeriggio è prevista una nuova riunione del Centro Coordinamento Soccorsi
Confine
9 ore
Falsi test positivi per il green pass, 11 indagati a Varese
I tamponi venivano effettuati da due infermieri conniventi all’esterno di una farmacia estranea alla vicenda. Costo totale: 500 euro
© Regiopress, All rights reserved