laRegione
07.05.22 - 19:00

La Serbia ricorda i giornalisti cinesi morti nei raid Nato

Cerimonia commemorativa oggi a Belgrado. I bombardamenti del 1999 colpirono anche l’ambasciata cinese

Ats, a cura de laRegione
la-serbia-ricorda-i-giornalisti-cinesi-morti-nei-raid-nato
Keystone

In una cerimonia commemorativa oggi a Belgrado sono stati ricordati i tre giornalisti cinesi rimasti uccisi 23 anni fa nel bombardamento Nato dell’ambasciata del loro paese, durante la campagna di raid alleati contro la Serbia di Slobodan Milosevic, che posero fine alla guerra del Kosovo.

"La Serbia non dimenticherà mai, la Serbia non smetterà mai di esigere le responsabilità per i crimini compiuti nell’aggressione della Nato", ha detto il ministro dell’interno Aleksandar Vulin. "Gli aggressori della Nato sapevano contro chi sganciavano bombe, sapevano che bombardavano l’ambasciata cinese, sapevano che in quell’ambasciata c’erano delle persone, gli aggressori Nato sapevano chi uccidevano", ha detto il ministro serbo, noto per le sue posizioni fortemente nazionalpatriottiche e filorusse.

L’aggressione del 1999 contro la Serbia è l’ultimo grande crimine del XX secolo rimasto impunito, ha aggiunto Vulin che ha esaltato al tempo stesso la forte amicizia che lega la Serbia alla Cina.

I bombardamenti Nato contro la Serbia scattarono, su ordine dell’allora segretario generale Javier Solana e senza alcun mandato Onu, la sera del 24 marzo 1999 con i primi cacciabombardieri decollati dalla base alleata di Aviano, nel nordest dell’Italia, e si conclusero il 9 giugno dopo 78 giorni di raid martellanti che colpirono obiettivi militari ma anche civili, causando la morte di almeno 2.500 persone e il ferimento di altre 12 mila. Danni valutati in decine di miliardi di dollari furono provocati alle infrastrutture, strade, ponti, impianti industriali, scuole, ospedali, sedi di giornali, musei, teatri e siti artistici e culturali.

In Kosovo entrarono 40 mila soldati della Nato con la missione Kfor, ancora presente con circa 3.500 uomini. La motivazione addotta dall’Alleanza per l’attacco militare fu quella di porre fine alla catastrofe umanitaria in Kosovo, conseguenza delle repressioni e della pulizia etnica del regime di Milosevic. La Nato per questo è malvista dai serbi, che sono a stragrande maggioranza contrari a una eventuale adesione del loro paese nell’Alleanza.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
7 min
Forte scossa di terremoto nel sud della Turchia
L’epicentro del sisma, di magnitudo 7,9, è stato localizzato nella provincia di Gaziantep, non lontano dal confine con la Siria. Centinaia i morti
Estero
10 ore
‘Dopo i tank ci saranno anche gli aerei’
Kiev torna a invocare i caccia ‘per salvare più vite’, mentre prosegue la feroce battaglia a Bakhmut
Estero
10 ore
Usa, Cina e la crisi del pallone-spia
Mentre gli Stati Uniti lavorano al recupero dei detriti, sull’incidente restano ancora molti punti oscuri
Estero
16 ore
In Iran l’ayatollah concede la grazia a migliaia di prigionieri
Esclusi dal provvedimento gli accusati di ‘spionaggio, contatto con agenti stranieri, omicidio, distruzione e incendio doloso di proprietà di Stato’
Estero
16 ore
In Germania caccia al lupo ‘killer’ della pony di Von der Leyen
L’esemplare Gw950m è ricercato nella regione di Hannover dove è inserito nella lista degli animali da abbattere, ma finora si è dato alla fuga
Estero
19 ore
È morto l’ex presidente del Pakistan Musharraf
Aveva 79 anni ed era malato da tempo. Era salito al potere nel 1999 con un colpo di Stato per poi dimettersi nel 2008 per evitare l’impeachment
Confine
20 ore
Como, malore e infortunio allo stadio durante la stessa partita
Un 23enne è stato colto da arresto cardiaco, mentre un 46enne è caduto procurandosi un trauma facciale. Entrambi sono stati soccorsi e portati in ospedale
Estero
21 ore
‘Almeno 3 i palloni-spia cinesi sopra gli Usa sotto Trump’
Lo ha dichiarato un alto funzionario della difesa statunitense. Ieri è stato abbattuto l’apparecchio avvistato sopra una base americana
Estero
21 ore
Scholz: ‘Kiev non userà armi occidentali per colpire in Russia’
Il cancelliere tedesco rassicura sulle intenzioni della leadership ucraina dopo le dichiarazioni del rappresentante di Zelensky al Parlamento
Estero
21 ore
Sequestra e sevizia una escort costringendola a sniffare coca
Un uomo è stato arrestato a Desio, nei pressi di Monza. A salvare la ragazza, una chiamata ai carabinieri di un’amica che non era riuscita a rintracciarla
© Regiopress, All rights reserved