laRegione
26.04.22 - 22:13

Dal vertice di guerra: ‘L’Ucraina può vincere’

Il segretario Usa alla Difesa Lloyd Austin elogia la resistenza e invita gli alleati a fornire più armi a Kiev

Ansa, a cura de laRegione
dal-vertice-di-guerra-l-ucraina-puo-vincere
Keystone
Il vertice nella base america di Ramstein in Germania

Vertice di guerra nella base aerea Usa di Ramstein, in Germania, dove il Pentagono ha chiamato a raccolta oltre 40 Paesi, Nato e non, per rafforzare la difesa dell’Ucraina a breve e lungo termine, mentre Mosca evoca il rischio di una terza guerra mondiale e rivendica il diritto di attaccare i Paesi Nato se dovesse valere la logica di Londra, secondo cui è legittimo per Kiev colpire le linee di rifornimento di Mosca in territorio russo. "Oggi - ha spiegato il segretario alla difesa Usa Lloyd Austin - siamo qui riuniti, oltre 40 Paesi, per aiutare l’Ucraina a vincere la battaglia contro la Russia. L’Ucraina ha fatto un lavoro straordinario nel difendersi dalla aggressione russa e la battaglia di Kiev entrerà nei libri di storia. Ma ora la situazione sul campo è cambiata, con l’offensiva nel sud e nel Donbass e dobbiamo capire di cosa ha bisogno l’Ucraina per combattere". "L’urgenza della situazione è nota a tutti. E noi possiamo fare di più", ha proseguito, promettendo che gli Stati Uniti "continueranno a muovere mari e monti per potere soddisfare le esigenze di Kiev".

"L‘Ucraina crede di poter vincere la guerra, e a questo crediamo anche tutti noi", ha proseguito, elogiando il "coraggio degli ucraini" e la loro "resistenza che ispira il mondo libero", ricordando che Kiev ha respinto la Russia per 62 giorni, più della battaglia di Iwo Jima e di quella delle Ardenne, durate rispettivamente 36 e 40 giorni. Il vertice di Ramstein ha prodotto un risultato prima ancora di iniziare, con l’annuncio della Germania dell’invio di carri armati del tipo ’Cheetah’, usati per la difesa antiaerea. Joe Biden intanto sta valutando un pacchetto da cinque miliardi di aiuti per fare fronte alla crisi alimentare globale provocata dalla guerra in Ucraina. La proposta avrebbe al Congresso il sostegno bipartisan di repubblicani e democratici. Nel weekend il senatore dem Chris Coons ha guidato una delegazione Usa a Roma per fare il punto con i vertici della Fao sulla situazione in Medio Oriente, Africa e altri Paesi in difficoltà in tutto il mondo.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Confine
3 ore
Il traffico di orologi è la nuova frontiera del contrabbando
Aumentano in frontiera i sequestri di merce con le griffe delle celebrate marche svizzere. L’ultimo qualche giorno fa al valico di Ronago
la guerra in ucraina
20 ore
Biden pronto a parlare con Putin
Conferenza di pace a Parigi il 13 dicembre, l’annuncio durante la visita di Macron a Washington
coronavirus
20 ore
La Cina allenta la morsa, ‘sì all’isolamento a casa’
Aperture di Pechino dopo le proteste, mentre si prepara l’addio a Jiang Zemin
Estero
21 ore
Giallo su sei pacchi bomba in Spagna
Oltre all’ordigno esploso all’ambasciata ucraina a Madrid, ne sono stati notificati altri, pure all’indirizzo del premier Pedro Sánchez. Indagini in corso
la guerra in ucraina
21 ore
“La Nato non entrerà nel conflitto”
Mosca accusa l’Alleanza: ‘Ci fanno la guerra’. Stoltenberg risponde seccamente. Macron spinge per un negoziato: ‘Lo ritengo possibile’
Estero
23 ore
Svezia, vendesi casa... con il proprietario morto sotto il letto
Nessuno in due anni si era accorto del decesso dell’80enne ex padrone di casa, probabilmente a causa del cattivo odore e del disordine degli ambienti
Italia
1 gior
Chat neonazista con foto di abusi e piani di stragi: tre arresti
Nel canale Telegram gestito da due genovesi si programmava un attentato al parlamento italiano. Fra le accuse anche quella di istigazione al suicidio
Italia
1 gior
Maxisequestro di marijuana in provincia di Brescia
Nel mirino della Guardia di Finanza un’azienda che coltivava canapa legalizzata. Ma con Thc superiore al limite: confiscate due tonnellate
Città del Vaticano
1 gior
Congo e Sud Sudan nei piani di viaggio del Papa
Rinviata già a luglio a causa di problemi al ginocchio, la visita in Africa del Pontefice sarà recuperata tra fine gennaio e inizio febbraio
Italia
1 gior
Frana di Casamicciola, individuati altri due corpi
All’appello mancano ancora due persone. E nel pomeriggio è prevista una nuova riunione del Centro Coordinamento Soccorsi
© Regiopress, All rights reserved