laRegione
25.04.22 - 21:38

L’obiettivo degli Usa, ‘indebolire la Russia’

Per il segretario statunitense alla Difesa Lloyd Austin sconfiggere Putin equivale a impedire altre guerre

di Claudio Salvalaggio, Ansa
l-obiettivo-degli-usa-indebolire-la-russia
Keystone
Da sinistra: Lloyd Austin, Volodymyr Zelensky e Antony Blinken

Washington – Gli Stati Uniti credono che l‘Ucraina possa vincere la guerra "se ha l’attrezzatura giusta, il sostegno giusto" e vogliono vedere la Russia "indebolita" al punto che non possa lanciare nuove guerre: uscendo per la prima volta dalle operose retrovie in cui era rimasto finora, il segretario alla Difesa Lloyd Austin delinea quella che è già stata ribattezzata dal suo nome ’dottrina Austin’, fissando l’obiettivo strategico degli Usa nel conflitto ucraino, ossia sconfiggere Vladimir Putin e ridimensionare la sua macchina da guerra. Una strategia che verrà discussa martedì nel summit del Pentagono nella base di Ramstein in Germania, al quale hanno aderito oltre 20 Paesi, tra cui l’Italia.

"Noi crediamo di poter vincere", ha assicurato. "Crediamo che possano vincere, se avranno l’equipaggiamento giusto", si è corretto subito Austin, parlando in una conferenza stampa con il segretario di Stato Antony Blinken al confine tra Polonia e Ucraina dopo il loro viaggio (in treno) a Kiev da Volodymyr Zelensky, il primo di esponenti dell’amministrazione americana dall’inizio della guerra. Poi ha sparato alto: "Noi vogliamo vedere la Russia indebolita a un livello tale che non possa più fare cose come l’invasione dell’Ucraina, ha già perso molte delle sue capacità militari e molte truppe, per essere franchi, e noi non vorremmo che possa ricostruire rapidamente tali capacità". Parole inusualmente forti per un segretario della Difesa americano perché un conto è aiutare Kiev a resistere all’aggressione russa e un altro dichiarare di voler indebolire le capacità militari russe. Gli ha fatto eco il capo della diplomazia Usa: "La strategia che abbiamo messo in atto, ossia massiccio sostegno all’Ucraina, massiccia pressione contro la Russia, solidarietà con oltre 30 Paesi impegnati in questi sforzi, sta avendo veri risultati, con la Russia che sta fallendo nei suoi scopi e l’Ucraina che sta avendo successo".

‘Un’Ucraina indipendente sopravviverà a Putin’

"Un’Ucraina sovrana e indipendente esisterà sulla scena molto più a lungo di Vladimir Putin", ha promesso. Messaggi che hanno irritato lo zar: "L’Occidente sta tentando di spaccare la società russa e distruggere la Russia dall’interno", ha denunciato, sottolineando che "è una strana diplomazia quando i diplomatici chiedono all’Ucraina di vincere la guerra sul campo di battaglia". L’ambasciatore russo a Washington ha mandato anche una nota diplomatica chiedendo che gli Usa mettano fine alla fornitura di armi a Kiev. Ma per tutta risposta Austin ha annunciato un ulteriore stanziamento di aiuti militari per 713 milioni di dollari, di cui 300 per l’Ucraina e il resto a 15 Paesi dell’Europa centro-orientale che hanno fornito aiuti bellici a Kiev e hanno bisogno di ricostituire le loro scorte di armi. Esteso inoltre l’addestramento militare degli ucraini e disco verde alla vendita di munizioni a Kiev per 165 milioni di dollari per "i sistemi di fabbricazione sovietica". Blinken, dal canto suo, ha annunciato il graduale ritorno a partire da "questa settimana" di una presenza diplomatica Usa in Ucraina, probabilmente a Leopoli, con l’intenzione di riaprire l’ambasciata a Kiev nelle prossime settimane. Nel frattempo Joe Biden, rincuorato dalla rielezione di Emmanuel Macron che consolida il fronte occidentale anti Putin, ha nominato con una mossa tardiva Bridget Brink come nuova ambasciatrice a Kiev, una carica vacante da tre anni.

Diplomatica di carriera da 26 anni e attualmente capo missione in Slovacchia, Brink ha una grande esperienza di Europa orientale ed ex Urss, e parla cinque lingue, tra le quali il russo.

Dopo l’incontro di tre ore con Blinken e Austin, Zelensky ha ringraziato personalmente Biden per quella che gli appare come una svolta Usa su tutti i fronti. E si prepara a ricevere giovedì - con un certo scetticismo - il segretario generale dell’Onu Antonio Guterres, dopo la sua tappa a Mosca e - oggi - ad Ankara, dove ha incontrato il presidente Recep Tayyip Erdogan esprimendo il suo sostegno agli sforzi diplomatici della Turchia. I due leader hanno affermato che il loro "obiettivo comune è porre fine alla guerra il prima possibile e creare le condizioni per porre fine alle sofferenze dei civili", anche con la creazione di corridoi umanitari.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
medio oriente
10 ore
Dall’Iran al Libano, la rivolta è donna
In piazza per rivendicare il diritto di non portare il velo oppure a rapinare banche che occultano i loro risparmi: un mondo messo a tacere alza la voce
italia
17 ore
Elezioni: ancora 109 posti in Parlamento da assegnare
Le donne sono la metà degli uomini. Per completare i nomi di deputati e senatori resta da capire cosa sceglieranno i leader che erano in più listini.
Estero
17 ore
‘Plebiscito per l’annessione’. Putin vuole smembrare l’Ucraina
Medvedev torna ad agitare lo spettro dell’atomica. Per i filorussi il 95% avrebbe votato a favore
mar baltico
18 ore
Perdite di gas da Nord Stream. Scambi di accuse: ‘Sabotaggio’
Danni “senza precedenti” nel tratto tra Danimarca e Svezia a 80 metri di profondità. E intanto il prezzo sale
Russia
21 ore
In sette giorni 66’000 russi sono entrati nell’Unione europea
La maggior parte, fuggita dopo la mobilitazione annunciata da Putin, è passata attraverso i valichi di frontiera finlandesi ed estoni
Stati Uniti d'America
21 ore
Elon Musk diventa il più ricco d’America
Scalzato l’ex ceo di Amazon Jeff Bezos. Al terzo posto il fondatore di Microsoft Bill Gates. Fuori dalla top ten Mark Zuckerberg.
inghilterra
22 ore
Ben 27 miliardi di monete dovranno essere sostituite con Cr3
Reso noto il nuovo sigillo dedicato a Carlo III, monogramma che sarà utilizzato su edifici pubblici, documenti, francobolli e invii postali
LA GUERRA IN UCRAINA
1 gior
Un agosto a Kaliningrad
Il mio amore per la Russia non può giustificare l’Operazione militare speciale in Ucraina.
Stati Uniti
1 gior
La Florida si prepara all’uragano Ian
Sono 300mila le persone che sono state evacuate dalle aree più esposte
Giappone
1 gior
Al via i funerali di Stato per Abe (con protesta)
Migliaia le persone che partecipano alla cerimonia funebre, anche se non manca chi si dice contrario ai funerali di Stato per l’ex presidente
© Regiopress, All rights reserved