laRegione
il-diktat-di-putin-ucraina-neutrale-e-crimea-russa
Keystone
Ucraina neutrale e Crimea russa
28.02.22 - 21:53
ANSA / ATS, a cura di Clara Storti

Il diktat di Putin: ‘Ucraina neutrale e Crimea russa’

Le delegazioni di Mosca e Kiev impegnate nei colloqui (in salita) durati sei ore. Emersi alcuni punti di terreno comune

Si tratta la tregua, ma l’assedio continua. Mentre l’Ucraina rimane sotto i bombardamenti russi, le delegazioni di Kiev e Mosca si sono sedute per sei ore attorno a un tavolo per cercare una possibile via d’uscita al conflitto.

La pretesa di Putin

Colloqui che si annunciavano in salita e non sono riusciti a strappare neppure un cessate il fuoco temporaneo per affrontare l’emergenza umanitaria, sempre più allarmante tra centinaia di migliaia di sfollati e decine di civili uccisi. Ma in fondo al tunnel della guerra in atto e della minaccia nucleare evocata da Vladimir Putin, che ha ribadito di pretendere un’Ucraina "smilitarizzata" e il riconoscimento della sovranità russa sulla Crimea, spunta un bagliore di speranza.

"Abbiamo trovato alcuni punti su cui è possibile trovare un terreno comune", ha fatto sapere la figura chiave della delegazione negoziale inviata dal Cremlino, il magnate Vladimir Medinsky, giunto con le credenziali lasciategli in eredità dal padre, uno degli ‘angeli liquidatori’ dopo il disastro di Chernobyl.

A poca distanza dalla dismessa centrale atomica, le trattative al confine bielorusso, nella ‘casa del pescatore’ sulle rive del fiume Pripyat – così i russi hanno chiamato il luogo dell’incontro, tenuto segreta per ragioni di sicurezza –, hanno messo in evidenza tutta la distanza tra le parti.

‘Colloqui difficili’

I colloqui sono stati "difficili", ha confermato il consigliere della presidenza ucraina Mykhailo Podolyak, e la posizione russa "estremamente faziosa". Eppure, confermano entrambe le delegazioni, "nei prossimi giorni" ci sarà un "second round", stavolta al confine tra Polonia e Bielorussia, dopo il rientro nelle rispettive capitali per consultazioni. La porta, insomma, non è chiusa.

A colloquio telefonico con Macron

Il braccio di ferro nelle trattative si riflette anche nel nuovo confronto tra Putin ed Emmanuel Macron. In un colloquio telefonico di un’ora e mezza, il leader del Cremlino ha dettato al presidente francese e al mondo le sue condizioni per far tacere le armi: la "smilitarizzazione e de-nazificazione" di Kiev, che dovrà assumere "uno status neutrale". Basta armi dall’Occidente, mentre l’adesione alla Nato resta "la linea rossa".

Il riconoscimento della Crimea come territorio russo annesso

Non solo: Mosca vuole il riconoscimento internazionale come territorio russo della Crimea, annessa nel 2014. Non riuscendo a fermare il conflitto, dall’Eliseo è arrivata intanto una richiesta di "cessare l’offensiva" e proteggere la popolazione. E Putin, ha riferito Parigi, si è impegnato a "sospendere tutti gli attacchi contro i civili e le abitazioni". Che però il Cremlino continua a negare, accusando i "nazionalisti" ucraini di usarli come scudi umani.

A Kiev e Kharkiv continuano le esplosioni

A Kiev intanto si continua a morire. Calata la quinta notte di guerra, diverse forti esplosioni hanno ripreso a squassare la capitale, accompagnate dal suono ormai ossessivo delle sirene d’allarme. Nuovi attacchi vengono segnalati anche sui centri abitati di Kharkiv, la seconda città del Paese al confine russo: tutti respinti, secondo fonti ucraine. La Russia denuncia invece bombardamenti nelle zone separatiste del Donbass.

In questo quadro, la resistenza di Kiev si fa forte della creazione di un battaglione internazionale, per cui secondo il governo di Volodymyr Zelensky sarebbero già giunte migliaia di richieste di adesione.

Differenze sostanziali nei bilanci delle vittime

L’ultimo bilancio dell’Onu parla di 102 civili morti, tra cui sette bambini, ma le cifre ucraine sono ancora più drammatiche, con almeno 352 civili uccisi, tra cui 14 bambini, e quasi 1.700 feriti.

A livello internazionale, l’isolamento della Russia si fa sempre più pesante. La Turchia ha vietato il transito di tutte le navi militari attraverso gli stretti del Bosforo e dei Dardanelli, da cui si accede al mar Nero.

Nella riunione d’emergenza dell’Assemblea generale dell’Onu, iniziata con un minuto di silenzio, si sono susseguite le condanne, dopo la stretta sui collegamenti, con la chiusura degli spazi aerei occidentali cui Mosca ha risposto oggi con misure di reciprocità.

Pressioni che, insieme all’inasprimento delle sanzioni, stanno infliggendo danni pesanti all’economia russa, che oggi ha vissuto un lunedì nero tra crollo del rublo e fuga degli investitori, spingendo Putin a ordinare una serie di contromisure, mentre la stessa Banca centrale parla di "condizioni cambiate drammaticamente".

Dall’altro lato, l’Ucraina chiede ufficialmente di aderire all’Unione europea, puntando su una procedura accelerata. La prospettiva, commenta l’Alto rappresentante Ue Josep Borell, nell’immediato "non è in agenda". Ma Zelensky non molla, perché oggi, per Kiev, il sogno dell’Europa è il sogno della pace.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
kiev putin russiaucraina
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
14 ore
Salman Rushdie è sulla via della guarigione
Lo ha detto il suo agente, Andrew Wylie, in un comunicato al Washington Post
Estero
16 ore
Si schianta in auto contro Capitol Hill, spara e si suicida
Un uomo si è schiantato contro la Cancellata del Congresso, ha poi esploso alcuni colpi in aria e si è tolto la vita. Nessun altro è rimasto ferito
Estero
16 ore
Spopolamento a Venezia, abitanti sotto la soglia dei 50mila
Il processo sembra inarrestabile. Nel 2002 il capoluogo aveva 64mila residenti.
Estero
16 ore
Dopo Rushdie, minacce su Twitter a Rowling: ‘Tu la prossima’
Il messaggio minaccioso è stato inviato all’autrice della saga di Harry Potter come replica a un tweet. Il profilo dell’autore è poi sparito
Estero
17 ore
In 10mila a ballare contro la mafia a ‘casa’ del boss
Migliaia di giovani hanno partecipato all’evento ‘Musica&Legalità’ a Castelvetrano, paese del boss di Cosa Nostra latitante Matteo Messina Denaro
Estero
18 ore
Troppo pericoloso per il pubblico: abbattuto il tricheco Freya
Il mammifero marino era diventato abitudinario nel fiordo di Oslo e le autorità, dopo una valutazione completa, hanno deciso per l’eutanasia
Estero
20 ore
Costa Concordia, la Cedu conferma la condanna a Schettino
La Corte europea dei diritti umani ha rigettato il ricorso del capitano della nave naufragata contro la condanna a 16 anni di reclusione
Confine
21 ore
Sulla strada per la Valtellina vigilia di Ferragosto di caos
Una frana nella notte ha causato la chiusura della corsia nord della Milano-Lecco-Valtellina, provocando incolonnamenti in direzione di Sondrio
Estero
22 ore
Salman Rushdie staccato dal respiratore e riesce a parlare
Lo scrittore era stato colpito venerdi a New York con dieci coltellate ed era in condizioni gravi
Italia
1 gior
Milano capitale d’Italla delle multe: 102 milioni di incassi
A Napoli soli 27mila euro dagli autovelox. Il record a Melpignano: 5 milioni di incassi (2’300 a cittadino, se rapportato al numero di abitanti)
© Regiopress, All rights reserved