laRegione
prof-francesi-contro-la-stretta-covid-fermano-la-scuola
La protesta della scuola a Marsiglia (Keystone)
13.01.22 - 21:27

Prof francesi contro la stretta Covid fermano la scuola

Lo sciopero per contestare la linea del presidente Macron a tre mesi dal voto per l’Eliseo

Un primo severo avvertimento per Emmanuel Macron a tre mesi dalle elezioni presidenziali del 2022. Gli insegnanti di Francia hanno massicciamente aderito allo sciopero indetto per oggi dai sindacati per protestare contro la complessità e le innumerevoli modifiche dei protocolli sanitari anti-Covid nelle scuole. Sostenuta da molti presidi e associazioni di genitori, lo sciopero ha fermato, secondo il sindacato scolastico SNUIpp-FSU, circa il 75% dei maestri del sistema primario, con una scuola chiusa su due. Un dato diverso da quello del governo, secondo cui l’adesione è stata del 38,5%. Alle medie e al liceo, si sono invece mobilitati il 62% degli insegnanti, secondo il sindacato delle superiori Snes-FSU. Molto più bassa, al 23,7%, la percentuale fornita dall’esecutivo.

Convocati i sindacati

“Questa mobilitazione di portata storica negli ultimi venti anni non è uno ‘sciopero contro il virus’ ma illustra la crescente esasperazione nelle scuole“, deplora in una nota Snuipp-Fsu, denunciando “condizioni di lavoro che peggiorano” e le "bugie permanenti del ministro dell’Istruzione”, Jean-Michel Blanquer. Bersagliato dalle critiche, quest’ultimo aveva recentemente ammonito che "non si sciopera contro il virus". Intervenendo in parlamento, Blanquer ha anche tentato di difendersi spiegando che "il protocollo è cambiato perché c’è una situazione nuova legata alla variante Omicron che pone problemi specifici. La Francia - ha continuato - può essere fiera di aver mantenuto le scuole aperte”.

Per tentare di venirne a capo, il premier Jean Castex ha deciso di convocare i sindacati assieme allo stesso Blanquer. Mentre il ministro della Salute, Olivier Véran, attualmente positivo al Covid e dunque costretto in isolamento, parteciperà in videoconferenza. Nei giorni scorsi, Macron aveva detto di comprendere “la stanchezza” di insegnanti e genitori per le innumerevoli norme sanitarie ma ha invocato la necessaria “pazienza”, difendendo la scelta di lasciare le scuole in presenza nonostante la nuova ondata della variante Omicron.

I sondaggi

A novanta giorni dal voto, lo sciopero è stato anche l’occasione per le opposizioni di destra e di sinistra di attaccare duramente l’attuale amministrazione a trazione En Marche. Secondo un sondaggio realizzato dall’istituto OpinionWay-Kéa Partners per Les Echos e Radio Classique, Macron continua a risultare in testa alle intenzioni di voto, con il 25% delle preferenze al primo turno del 10 aprile, davanti alla candidata del Rassemblement National, Marine Le Pen (18%) e quella dei Républicains, Valérie Pécresse (17%). Intanto, il Senato dominato dall’opposizione di destra ha approvato nella notte in prima lettura il progetto di legge sul pass vaccinale - equivalente transalpino del super green pass - modificandolo fortemente rispetto al progetto iniziale. Deputati e senatori devono riunirsi in commissione mista paritaria per tentare di raggiungere un compromesso in vista di una definitiva adozione entro metà gennaio come promesso dal governo.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
coronavirus covid emmanuel macron francia sciopero scuola
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Vaticano
3 ore
‘Basta col traffico indiscriminato delle armi!’
Al cordoglio per le vittime in Texas si unisce Papa Bergoglio. ‘Impegniamoci tutti perché tragedie così non possano più accadere’
Stati Uniti
6 ore
Texas, si aggrava il bilancio della sparatoria: 21 i morti
L’ira del presidente Biden: ‘Perché vogliamo vivere con questa carneficina? Perché continuiamo a consentire che questo accada?’
Stati Uniti
14 ore
Texas, spara in una scuola e uccide quindici persone
Tra le vittime quattordici bambini e un insegnante. Morto anche il sospetto autore della strage
terrorismo
16 ore
L’Isis era pronto a uccidere Bush a Dallas
Il piano, che avrebbe dovuto scattare lo scorso anno è stato sventato dall’Fbi. Fermato un iracheno.
Estero
21 ore
Calano le borse e i 50 super-ricchi bruciano il... Pil svizzero
Da inizio anno i più facoltosi del pianeta hanno perso 563 miliardi di dollari. Cifra pari al prodotto interno lordo del nostro Paese
italia
21 ore
Macché eruzione sull’Etna: è solo un fenomeno meteorologico
Il vulcanologo Boris Behncke fa chiarezza: ‘L’assenza di vento fa salire il fumo verticalmente, ingannando chi lo osserva’
Estero
1 gior
Passata la pandemia, le pene capitali tornano a salire
Nel 2021 le esecuzioni censite da Amnesty International sono state 579. In aumento rispetto all’anno precedente, ma in calo sul lungo periodo
Iran
1 gior
Si aggrava il bilancio del crollo dell’edificio in Iran
Almeno dieci i corpi senza vita trovati sotto le macerie del Metropol, nella città sud-occidentale di Abadan
Russia
1 gior
Navalny perde in Appello, confermata la condanna a 9 anni
Il principale oppositore di Putin condannato in un processo ritenuto di matrice palesemente politica. Finirà in un centro detentivo a ‘regime severo’
Estero
1 gior
L’Austria dice addio alle mascherine
Il primo giugno cade l’obbligo di indossare le Ffp2 sui mezzi pubblici e nei supermercati. Sospeso per l’estate l’obbligo di vaccino, mai applicato
© Regiopress, All rights reserved