laRegione
01.01.22 - 17:09

Il primo appello del Papa è per le donne: ‘Basta violenze’

Il Pontefice apre il 2022 con un forte richiamo per fermare i femminicidi: ‘Ferire una donna è oltraggiare Dio’

Ansa, a cura de laRegione
il-primo-appello-del-papa-e-per-le-donne-basta-violenze

Papa Francesco apre il 2022 con un forte appello per fermare i femminicidi: “Mentre le madri donano la vita e le donne custodiscono il mondo, diamoci da fare tutti per promuovere le madri e proteggere le donne. Quanta violenza c’è nei confronti delle donne! Basta! Ferire una donna è oltraggiare Dio”, ha detto nell’omelia della Messa che ha aperto le celebrazioni in Vaticano dell’anno nuovo.

Le donne sanno custodire e per questo “la Chiesa è madre e donna", ha sottolineato il Papa invitando a seguire l’esempio di chi sa tenere insieme e non soffiare sui conflitti. "C’è bisogno di gente in grado di tessere fili di comunione, che contrastino i troppi fili spinati delle divisioni”.

E c’è anche bisogno di pace, ha ribadito nel giorno in cui la Chiesa celebra la sua Giornata Mondiale. Per questo ha ringraziato la Cei e la Comunità di Sant’Egidio per le iniziative messe in campo in questa giornata. “Il mondo cambia e la vita di tutti migliora solo se ci mettiamo a disposizione degli altri, senza aspettare che siano loro a cominciare a farlo. Se diventiamo artigiani di fraternità, potremo ritessere i fili di un mondo lacerato da guerre e violenze", ha detto all’Angelus nel corso del quale ha rivolto anche un pensiero a Sergio Mattarella: "Ricambio di cuore e con gratitudine il saluto del signor presidente della Repubblica italiana Sergio Mattarella e assicuro la mia preghiera per lui e per il popolo italiano”.

Il 2021 in Vaticano si era invece chiuso con un fuoriprogramma del Papa: ha presenziato ai Vespri, con il Te Deum per ringraziare per l’anno appena concluso, ma non ha presieduto la celebrazione, lasciando che a celebrare fosse il cardinale Giovanni Battista Re. Il cambio di programma è stato gestito dal personale della basilica pochi minuti prima della celebrazione con uno spostamento veloce della posizione della sedia del Papa. Il Pontefice ha comunque pronunciato la sua omelia recandosi all’ambone. Francesco sembrava in buona salute anche se camminava con qualche difficoltà come sempre. Dal Vaticano non è arrivata nessuna spiegazione sulle motivazioni di questa scelta. E’ verosimile che il moltiplicarsi degli eventi di questi giorni abbiano indotto il Pontefice a non affaticarsi troppo: non presiedendo la funzione, non ha compiuto alcuni gesti più faticosi, se correlati ai suoi fastidi, quali la processione, la salita delle scale dell’altare, l’inginocchiamento davanti all’esposizione del Santissimo Sacramento. Tutto invece secondo il programma stabilito questa mattina per la prima Messa nella solennità di Maria Santissima Madre di Dio.

Ieri al Te Deum era presente anche il sindaco di Roma Roberto Gualtieri e il Papa, che è anche il vescovo della città, ha invitato ad operare per far sì che la Capitale sia più accogliente: “una città accogliente e fraterna non si riconosce dalla ’facciata’ - ha sottolineato Francesco -, dalle parole, dagli eventi altisonanti. No. Si riconosce dall’attenzione quotidiana, ‘feriale’ a chi fa più fatica”.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Europa
31 min
Crisi energetica: con gasdotto Grecia-Bulgaria nuova era Ue
L’Ue, ha sottolineato la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, ha sostenuto il progetto “sia finanziariamente che politicamente”
Estero
36 min
Falle Nord Stream in zona discarica armi chimiche
Ma è probabile che l’effetto delle perdite di gas sulle armi chimiche sia minimo, poiché sono sepolte a diversi chilometri
Italia
3 ore
Prega sulla tomba del padre per 33 anni, ma non è lui
Al cimitero in Abruzzo. La scoperta da parte di una donna di 61 anni nel momento della traslazione della salma nell’ossario.
Estero
7 ore
‘Rascismo’: il fascismo russo che piace a Putin
L’ideologia del Cremlino ha una robusta matrice intellettuale nella storia del Paese e condensa alcune caratteristiche classiche dell’estrema destra
Estero
22 ore
Il proclama di Putin: ‘Le regioni annesse nostre per sempre’
Al Cremlino in corso la cerimonia di firma dei trattati di annessione alla Russia delle regioni ucraine in cui si son tenuti i referendum-farsa pro Mosca
la guerra in ucraina
1 gior
Quarta falla nel Nord Stream, la Nato in allerta
‘Risponderemo ad attacchi’. Mosca: ‘Non si sa se sarà riavviato’
Estero
1 gior
Putin sfida il mondo e annette i territori ucraini
La firma al Cremlino. Dopo Polonia e Paesi baltici, anche la Finlandia chiude i confini ai russi. L’esodo di chi non vuole andare in guerra prosegue a est
Confine
1 gior
Sacerdote ciadiano trovato morto a Bresso. Era giunto da Locarno
Del religioso si erano perse le tracce da diversi giorni. Il suo corpo senza vita era appeso a una recinzione nei pressi del camposanto
Estero
1 gior
I soldati russi al telefono: ‘Guerra inutile, pretesto falso’
Dalle intercettazioni verificate, tradotte e pubblicate dal Nyt emerge il morale a terra delle truppe e le critiche a Putin per l’invasione dell’Ucraina
Stati Uniti d’America
2 gior
In Florida devastazione e milioni di persone senza elettricità
Gli effetti dell’uragano Ian, uno dei più violenti mai abbattutosi sugli Usa, con venti a 240 chilometri orari
© Regiopress, All rights reserved