laRegione
francia
18.11.21 - 19:52

Nasce il patto centrista per un Macron bis

Il presidente rilancia per le presidenziali 2022. Nei sondaggi avrebbe il 24-25% dei voti al primo turno e risulterebbe vincente in tutti i ballottaggi

Ansa, a cura de laRegione
nasce-il-patto-centrista-per-un-macron-bis
Keystone
Emmanuel Macron

È nata ieri sera, in una cena fra i leader del centro e del centrodestra francese, la “casa comune” dei macroniani, i partiti e i movimenti che – fra centro e centrodestra – si mobiliteranno per la rielezione di Emmanuel Macron alle presidenziali in programma fra 5 mesi. Messo per una volta da parte il troppo abusato, “Republique” o “Republicain”, la nuova entità prenderà il nome evocativo di “Ensemble, Citoyens!”.

Le trattative duravano, sottotraccia, da mesi. Ieri sera, durante una cena dei big della maggioranza presidenziale finita all’una del mattino, è nata la nuova “creatura” politica. Presenti, fra gli altri, il centrista François Bayrou, e l’ex primo ministro Edouard Philippe, attuale sindaco di Le Havre, che poche settimane fa ha dato vita al suo personale movimento, “Horizons”. Il progetto di “casa comune” si era arenato proprio sul rifiuto di Philippe di far confluire la sua sigla in una formazione allargata filo-Macron. Sul versante opposto c’era Bayrou, che puntava a un vero partito di centro democratico, che facesse fra l’altro dimenticare gli insuccessi de La République en Marche. Philippe ha fatto dei passi nella direzione degli altri, ma tenendo il punto del “no” alla fusione.

Alla fine ha ottenuto quello che voleva: “Ensemble, Citoyens!” nascerà come associazione. La forma era la preferita di Philippe, il nome sarebbe stato scelto da Bayrou, che aveva pronto già il logo (per ora top secret). La nuova organizzazione della maggioranza, costruita sui tre big (Edouard Philippe che viene dalla destra, Richard Ferrand ex socialista, e François Bayrou, da sempre centrista) sarà presentata nei giorni a cavallo fra fine novembre e inizio dicembre, proprio prima del congresso della destra dei Républicains, dove circa 150’000 iscritti voteranno il candidato alle presidenziali (favorito Xavier Bertrand).

Intanto, i sondaggi sul prossimo inquilino dell’Eliseo proliferano, nonostante tra i favoriti sia candidata ufficiale, al momento, soltanto Marine Le Pen. Emmanuel Macron è finora stato dato da tutti gli istituti ampiamente in testa, con il 24-25% dei voti al primo turno e poi vincente al ballottaggio contro qualsiasi avversario gli sia di fronte. Il fenomeno Eric Zemmour, il polemista che ruba la scena dell’estrema destra a Marine Le Pen, sembra aver toccato una vetta arrivando a superare la concorrente ma ora un paio di sondaggi lo hanno dato in lieve ribasso. Una ricerca di OpinionWay per Les Echos, diffusa oggi, lo vede addirittura rientrare nei ranghi: sarebbe fuori dal ballottaggio, al 12%, contro un 18-19% di Marine Le Pen.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
LA GUERRA IN UCRAINA
8 ore
Putin parla di accordo, ma attacca gli Usa
Il presidente russo allude a nuove aperture, criticando però il presunto colonialismo occidentale. Incontri diplomatici a Istanbul
Estero
9 ore
Marco Cappato si autodenuncia per aiuto al suicidio
L’attivista italiano ha accompagnato Massimiliano, malato di sclerosi multipla, a morire in Svizzera
Estero
11 ore
Corruzione e riciclaggio scuotono il Parlamento europeo
L’indagine ha coinvolto soprattutto assistenti parlamentari. Sequestrati 600mila euro e attrezzature informatiche e telefoni cellulari
Estero
15 ore
Unesco: ‘Il mondo è sempre meno libero di esprimersi’
La categoria più toccata da querele e azioni giudiziarie? I giornalisti
Kenya
22 ore
Vaga per giorni tra i leoni: salvato un bimbo di 4 anni
Una sorta di ‘favola di Natale in Kenya’. Disperso da fine novembre, il bambino è stato ritrovato miracolosamente salvo
IRAN
1 gior
Teheran manda al patibolo e spara ai genitali
Un ragazzo che ha partecipato alle proteste antigovernative è stato mandato al patibolo. Intanto gli agenti colpiscono le donne mirando alle parti intime
Italia
2 gior
Evade dai domiciliari per ‘badare alle galline’, assolto
Vista la tenuità del fatto, il giudice ha chiuso un occhio, non senza ammonire l’83enne: ‘Mi raccomando, non esca più’
Perù
2 gior
Castillo scioglie il Parlamento, ‘è in atto un golpe’
L’annuncio è stato formulato alcune ore prima dell’inizio di una seduta del Parlamento in cui si sarebbe discussa la destituzione del presidente
Germania
2 gior
Volevano colpire il Bundestag, arrestati 25 terroristi
Tra gli attentatori, appartenenti tutti a un gruppo di estrema destra, anche un principe e un’ex deputata di AfD. Arresti anche in Italia e Austria
italia
2 gior
Giorgia Meloni è la settima donna più potente al mondo
Questo secondo la classifica di ‘Forbes’. Accanto a lei anche Ursula von der Leyen, Christine Lagarde, Kamala Harris e - simbolicamente - Mahsa Amini
© Regiopress, All rights reserved