laRegione
18.06.21 - 21:04

Regionali in Francia: Le Pen avanza nei sondaggi

domenica le prove generali delle Presidenziali del 2022. Macron spera di guadagnare consensi dopo l'uscita dal lockdown. Prevista un'astinenza record

Ansa, a cura de laRegione
regionali-in-francia-le-pen-avanza-nei-sondaggi
Marine Le Pen (Keystone)

Sarà una prova generale delle presidenziali del 2022 quella di domenica prossima per i francesi, chiamati alle urne con 3 mesi di ritardo - causa Covid - per le elezioni regionali e dipartimentali. I sondaggi danno il Rassemblement National di Marine Le Pen in grado di conquistare diversi territori, mentre La République en Marche di Emmanuel Macron gioca la carta della gestione positiva dell'ultima fase della pandemia, con l'allentamento anticipato delle regole sanitarie.

Si teme un astensionismo record, dopo che già nel 2010 e nel 2015 più di un francese su due non aveva votato per queste stesse elezioni. Tutta sorrisi, in gran forma e proiettata verso un nuovo duello con Macron per l'Eliseo, Marine Le Pen si è fatta riprendere dalle telecamere mentre distribuiva volantini in un mercato nel Var, la regione di Marsiglia, un territorio dove quasi certamente vincerà l'estrema destra. Sorrisi, applausi e incoraggiamenti anche da commercianti e abitanti del quartiere per Le Pen, impegnata a sostenere Thierry Mariani che di questa campagna elettorale è stato un po' il protagonista. Passato dalle file dei Républicains a quelle del Rn, è capolista del partito nella maxiregione Provenza-Alpi-Costa azzurra, che tutti i sondaggi danno in mano al partito di Le Pen.

Lo slogan di Mitterrand

La leader, impegnata in una campagna dai toni moderati con l'obiettivo di sdoganarsi agli occhi degli elettori della destra repubblicana e del centro, ha ripetuto ancora una volta il suo slogan, ricalcato addirittura su quello del primo presidente socialista, François Mitterrand: "Noi siamo la forza tranquilla".

L'avversario da battere è Renaud Muselier, presidente della regione uscente e capolista dei Républicains, che avrà l'appoggio anche del partito di Macron in funzione anti-Rn. Se la strategia di Marine Le Pen si affermerà, addirittura 6 regioni su 13 - un record in Francia - vedrebbero in testa il suo partito fin da domenica, in attesa dei ballottaggi della settimana dopo. Per il 51% dei francesi intervistati per un sondaggio, una vittoria alle regionali del Rassemblement National non rappresenterebbe "un pericolo per la democrazia". Emmanuel Macron guarda a queste elezioni con grande apprensione, dal momento che i sondaggi per le presidenziali danno la sua avversaria pericolosamente vicina anche al secondo turno.

Per i sostenitori del partito della maggioranza di governo, ma anche per i suoi oppositori, una lettura dei risultati elettorali non sarà tuttavia agevole, poiché la République en Marche non esisteva nello scrutinio precedente (2015) e non ha candidati uscenti nelle regioni. Non ne dovrebbe conquistare direttamente neppure una, ma alleanze e desistenze lo faranno essere comunque alleato di possibili vincitori.

L'estrema destra dovrebbe quindi vincere strappando regioni alla destra dei Républicains, che ne governano attualmente la maggior parte. Il partito sembra lacerato non soltanto dalla defezione di Mariani a vantaggio di Marine Le Pen ma anche dalle tante alleanze con il partito di Macron. Poche chances, alla vigilia, per una gauche che continua a essere divisa fra ecologisti, socialisti e radicali de La France Insoumise.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
coronavirus
6 ore
L’Oms: ‘Il 90% della popolazione mondiale è immune’
‘Vicini alla fine, ma serve ancora cautela’. Ancora test, sequenziamento e vaccini per evitare nuove varianti
russia
7 ore
Putin: negoziati (forse) sì, ritiro no
La Casa Bianca: ‘Spetta a Kiev decidere’. Telefonata Berlino-Mosca
grecia
8 ore
Attacco ad Atene alla diplomatica Susanna Schlein
La ticinese, sorella della politica del Pd Elly, si è salvata per puro caso da un attentato: in fiamme la sua auto
Confine
9 ore
Truffa anziani in Valtellina, arrestata una 70enne ticinese
Il fermo alla dogana di Chiasso Brogeda. La donna è sospettata di aver messo a segno numerosi colpi in diverse province del Nord Italia
Confine
14 ore
Il traffico di orologi è la nuova frontiera del contrabbando
Aumentano in frontiera i sequestri di merce con le griffe delle celebrate marche svizzere. L’ultimo qualche giorno fa al valico di Ronago
la guerra in ucraina
1 gior
Biden pronto a parlare con Putin
Conferenza di pace a Parigi il 13 dicembre, l’annuncio durante la visita di Macron a Washington
coronavirus
1 gior
La Cina allenta la morsa, ‘sì all’isolamento a casa’
Aperture di Pechino dopo le proteste, mentre si prepara l’addio a Jiang Zemin
Estero
1 gior
Giallo su sei pacchi bomba in Spagna
Oltre all’ordigno esploso all’ambasciata ucraina a Madrid, ne sono stati notificati altri, pure all’indirizzo del premier Pedro Sánchez. Indagini in corso
la guerra in ucraina
1 gior
“La Nato non entrerà nel conflitto”
Mosca accusa l’Alleanza: ‘Ci fanno la guerra’. Stoltenberg risponde seccamente. Macron spinge per un negoziato: ‘Lo ritengo possibile’
Estero
1 gior
Svezia, vendesi casa... con il proprietario morto sotto il letto
Nessuno in due anni si era accorto del decesso dell’80enne ex padrone di casa, probabilmente a causa del cattivo odore e del disordine degli ambienti
© Regiopress, All rights reserved