laRegione
francia-emmanuel-macron-e-marine-le-pen-al-ballottaggio
Keystone
Stesso risultato di 5 anni fa
10.04.22 - 20:23
Aggiornamento: 22:30
Ats, a cura de laRegione

Francia, Emmanuel Macron e Marine Le Pen al ballottaggio

Il presidente uscente in testa dopo il primo turno delle presidenziali, tallonato dalla candidata di estrema destra. Alla deriva Eric Zemmour

Non sembra cambiato niente rispetto al 2017, per ora. Ma che il ballottaggio del 24 aprile abbia lo stesso esito non è assolutamente detto. Esattamente come cinque anni fa le due foto proiettate dai canali televisivi francesi alle 20 spaccate hanno sancito che la corsa per la presidenza della Repubblica francese è storia tra Emmanuel Macron e Marine Le Pen. E mai come stavolta la partita è tutta da giocare. Perché sì, Macron ha fatto il pieno di voti ottenendo, con circa il 28%, quattro punti percentuali in più rispetto al vittorioso 2017. E ha pure tenuto a distanza lo spauracchio Le Pen, ferma al 23%. Ma se il presidente uscente può contare sul sostegno di buona parte della destra e della sinistra, i calcoli degli analisti dicono che su Marine Le Pen convergerà almeno il 7% dei voti in più rispetto a quelli che prese nella sfida di cinque anni fa: quelli di un Eric Zemmour andato alla deriva, che stasera ha esortato i suoi sostenitori a votare per lei.

Spicca invece il trionfo popolare di Jean-Luc Mélenchon, il tribuno della ‘gauche radicale’, salito per la prima volta oltre il 20% piazzandosi al terzo posto. E, soprattutto, spazzando via i fantasmi di chi considerava possibile che non pochi suoi seguaci votassero Le Pen in funzione anti-Macron: "Neppure un voto deve andare a Marine Le Pen!", ha gridato dal palco per quattro volte, entusiasmando i suoi sostenitori.

Atmosfera opposta in casa del polemista di estrema destra, Eric Zemmour, crollato al 7% dopo sondaggi lusinghieri. Ha pagato le sue affermazioni filorusse, ma soprattutto ha perso la scommessa di soppiantare la presidente del Rassemblement National come guida dell’estrema destra. Una Le Pen che questa sera è apparsa fiduciosa quando ha lanciato un appello ai francesi "di ogni sensibilità, a tutti coloro che non hanno votato per Macron" ad "unirsi a questo grande Rassemblement National e popolare".

Gli altri risultati, si diceva, attestano soprattutto clamorose sconfitte: come quella di Valérie Pécresse, prima donna a candidarsi all’Eliseo per i Républicains neogollisti, che sprofonda dal 16-17% iniziale al 5% di questa sera. Il suo predecessore nella corsa all’Eliseo, François Fillon, nonostante fosse azzoppato dallo scandalo dei collaboratori parlamentari, aveva conquistato il 20% cinque anni fa. Altra storia.

Più atteso, perché era stato annunciato dai sondaggi ormai da settimane, il 2% con cui naufraga Anne Hidalgo, sindaca socialista di Parigi che già nei giorni scorsi ha anticipato la sua sconfitta proclamando la necessità di una rifondazione del Ps, o di quel che ne resta.

Con le urne chiuse da un paio d’ore sono già arrivati i primi sondaggi in vista del ballottaggio. Entrambi danno vincitore Macron: quello dell’istituto Ifop, lo dà al 51% contro il 49% di Le Pen; quello di Ipsos Sopra-Steria gli dà più agio, accreditandogli il 54% dei consensi. Ma non sarà facile per il presidente uscente. Sia per il contesto nazionale e internazionale, sia perché quanto doveva attingere dal serbatoio gollista dei Républicains è già stato attinto in questi cinque anni: quel che avanza, guarda ancora più a destra rispetto che al centro.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
emmanuel macron francia marine le pen
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
32 min
Marmolada, è ancora corsa contro il tempo
Riprendono le ricerche dei dispersi dopo il crollo del seracco. Impiegati anche quattro droni
Stati Uniti
1 ora
Fermato il presunto killer della parata di Chicago
Individuato nella zona a nord della città dell’Illinois, l’uomo è stato arrestato dopo un breve inseguimento
Estero
11 ore
Ucraina, nel Regno Unito la prossima conferenza dei donatori
Lo ha confermato a Lugano la ministra degli Esteri britannica Liz Truss. L’appuntamento è per il 2023.
Estero
11 ore
Putin: ‘Avanti con l’offensiva’
La seconda fase dell’invasione russa nel Donbass è iniziata: Mosca punta a conquistare il Donetsk
Estero
13 ore
Sparatoria in Illinois alla parata del 4 luglio, sei le vittime
Stando ai media statunitensi diverse persone sono rimaste ferite. È caccia allo sparatore, non ancora localizzato
Estero
14 ore
L’Eliseo annuncia ufficialmente il rimpasto di governo
La notizia era stata anticipata dai media francesi questa mattina. Il ministro della salute Olivier Véran è stato nominato portavoce
Danimarca
17 ore
Copenaghen, due 17enni e un 47enne le vittime
Il bilancio finale comprende anche trenta persone ferite, di cui almeno quattro gravi. Autore accusato di omicidio e tentato omicidio
Stati Uniti
17 ore
Indipendenza... dipendente dai voli: 1’400 quelli cancellati
Notevoli disagi negli Usa per la festa del 4 luglio a causa del caos negli aeroporti. Oltre ai collegamenti saltati, altri 14’000 con ritardi
Italia
17 ore
Marmolada, la montagna restituisce un settimo corpo
Operazioni di ricerca rallentate dal maltempo. Ma c’è anche una buona notizia: rintracciati, sani e salvi, quattro dei dispersi
Svezia
17 ore
Sciopero dei piloti Sas, cancellato un volo su due
Il mancato accordo nei negoziati salariali sfocia nell’astensione dal lavoro. Toccati 30’000 passeggeri al giorno
© Regiopress, All rights reserved