laRegione
10.04.22 - 20:23
Aggiornamento: 22:30

Francia, Emmanuel Macron e Marine Le Pen al ballottaggio

Il presidente uscente in testa dopo il primo turno delle presidenziali, tallonato dalla candidata di estrema destra. Alla deriva Eric Zemmour

Ats, a cura de laRegione
francia-emmanuel-macron-e-marine-le-pen-al-ballottaggio
Keystone
Stesso risultato di 5 anni fa

Non sembra cambiato niente rispetto al 2017, per ora. Ma che il ballottaggio del 24 aprile abbia lo stesso esito non è assolutamente detto. Esattamente come cinque anni fa le due foto proiettate dai canali televisivi francesi alle 20 spaccate hanno sancito che la corsa per la presidenza della Repubblica francese è storia tra Emmanuel Macron e Marine Le Pen. E mai come stavolta la partita è tutta da giocare. Perché sì, Macron ha fatto il pieno di voti ottenendo, con circa il 28%, quattro punti percentuali in più rispetto al vittorioso 2017. E ha pure tenuto a distanza lo spauracchio Le Pen, ferma al 23%. Ma se il presidente uscente può contare sul sostegno di buona parte della destra e della sinistra, i calcoli degli analisti dicono che su Marine Le Pen convergerà almeno il 7% dei voti in più rispetto a quelli che prese nella sfida di cinque anni fa: quelli di un Eric Zemmour andato alla deriva, che stasera ha esortato i suoi sostenitori a votare per lei.

Spicca invece il trionfo popolare di Jean-Luc Mélenchon, il tribuno della ‘gauche radicale’, salito per la prima volta oltre il 20% piazzandosi al terzo posto. E, soprattutto, spazzando via i fantasmi di chi considerava possibile che non pochi suoi seguaci votassero Le Pen in funzione anti-Macron: "Neppure un voto deve andare a Marine Le Pen!", ha gridato dal palco per quattro volte, entusiasmando i suoi sostenitori.

Atmosfera opposta in casa del polemista di estrema destra, Eric Zemmour, crollato al 7% dopo sondaggi lusinghieri. Ha pagato le sue affermazioni filorusse, ma soprattutto ha perso la scommessa di soppiantare la presidente del Rassemblement National come guida dell’estrema destra. Una Le Pen che questa sera è apparsa fiduciosa quando ha lanciato un appello ai francesi "di ogni sensibilità, a tutti coloro che non hanno votato per Macron" ad "unirsi a questo grande Rassemblement National e popolare".

Gli altri risultati, si diceva, attestano soprattutto clamorose sconfitte: come quella di Valérie Pécresse, prima donna a candidarsi all’Eliseo per i Républicains neogollisti, che sprofonda dal 16-17% iniziale al 5% di questa sera. Il suo predecessore nella corsa all’Eliseo, François Fillon, nonostante fosse azzoppato dallo scandalo dei collaboratori parlamentari, aveva conquistato il 20% cinque anni fa. Altra storia.

Più atteso, perché era stato annunciato dai sondaggi ormai da settimane, il 2% con cui naufraga Anne Hidalgo, sindaca socialista di Parigi che già nei giorni scorsi ha anticipato la sua sconfitta proclamando la necessità di una rifondazione del Ps, o di quel che ne resta.

Con le urne chiuse da un paio d’ore sono già arrivati i primi sondaggi in vista del ballottaggio. Entrambi danno vincitore Macron: quello dell’istituto Ifop, lo dà al 51% contro il 49% di Le Pen; quello di Ipsos Sopra-Steria gli dà più agio, accreditandogli il 54% dei consensi. Ma non sarà facile per il presidente uscente. Sia per il contesto nazionale e internazionale, sia perché quanto doveva attingere dal serbatoio gollista dei Républicains è già stato attinto in questi cinque anni: quel che avanza, guarda ancora più a destra rispetto che al centro.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
9 ore
Kamikaze in moschea in Pakistan, almeno 63 morti
Centinaia i feriti a Peshawar, i talebani rivendicano la strage
la guerra in ucraina
9 ore
Boris Johnson: Putin minacciò di uccidermi con un missile
Il Cremlino nega, ma Londra ricorda le tante ingerenze di Mosca sul suolo britannico
Estero
9 ore
Bolsonaro chiede un visto di 6 mesi per restare negli Usa
L’ex presidente brasiliano, ora in Florida, ha domandato alle autorità statunitensi un permesso turistico per rimanere nel Paese per altri sei mesi.
Italia
10 ore
Alfredo Cospito trasferito al carcere di Opera (da Sassari)
L‘anarchico rischiava la vita dopo lo sciopero della fame e gli oltre 40 kg persi. Il ministro: ’La tutela della salute di ogni detenuto è una priorità’
Estero
14 ore
Sciopero in Francia, disagi sui binari in Svizzera
Le braccia incrociate contro la riforma delle pensioni nell’Esagono fanno saltare diversi collegamenti Tgv con Ginevra, Losanna e Zurigo
Estero
15 ore
Hitler nominato cancelliere: 90 anni fa i nazisti al potere
Il 30 gennaio del 1933 il Führer riceveva l’incarico di formare il governo dal presidente tedesco Paul von Hindenburg
Estero
18 ore
Euro, ogni milione di banconote 13 sono false
Lieve aumento nel 2022 per i casi di contraffazione: 376’000 quelle tolte dalla circolazione. I tagli da 20 e 50 restano i più gettonati
Italia
19 ore
Settantadue città fuorilegge per smog. Fra queste c’è anche Como
Lo indica il rapporto ‘Mal d’aria di città 2023’ di Legambiente, che ha analizzato l’inquinamento atmosferico in 95 centri della Penisola
Giappone
21 ore
Toyota si conferma prima casa automobilistica mondiale
Per il costruttore nipponico si tratta del terzo riconoscimento consecutivo. Nel 2022 venduti a livello globale circa 10,48 milioni di veicoli
Irlanda
22 ore
Ryanair riprende quota: passeggeri e bilancio in crescita
La compagnia aerea ritrova le cifre nere: nel terzo trimestre dell’esercizio 2022/23 l’utile è di 211 milioni di euro
© Regiopress, All rights reserved