laRegione
30.09.21 - 20:41
Aggiornamento: 21:49

Ecuador, 116 morti in una battaglia fra bande in carcere

Ottanta i feriti del più grave episodio di violenze in prigione nella storia del Paese. Il presidente Guillermo Lasso è stato costretto a decretare lo stato di emergenza per 60 giorni

ecuador-116-morti-in-una-battaglia-fra-bande-in-carcere
Le bare per i corpi dei detenuti uccisi nella rivolta al penitenziario Litoral siedono su un camion fuori dall'obitorio a Guayaquil. (foto Keystone)

Violenti scontri fra bande hanno trasformato per molte ore in un campo di battaglia il carcere El Litoral di Guayaquil, nel sud dell’Ecuador, lasciando sul terreno 116 morti e 80 feriti. È il più grave episodio della storia ecuadoriana e il quinto di tutti i tempi in America latina.

Ammutinamenti e rivolte sono comuni nel sistema penitenziario ecuadoriano, ma la violenza e la crudeltà degli scontri di martedì hanno messo le autorità con le spalle al muro, costringendo il presidente Guillermo Lasso a decretare lo stato di emergenza carceri per 60 giorni in tutto il Paese e ad autorizzare l’intervento nei centri di reclusione delle forze armate.

Lasso ha annullato gli appuntamenti nella sua agenda e si è precipitato a Guayaquil per assumere il coordinamento delle operazioni di ripristino della normalità nel Litoral e disporre misure di emergenza per sostenere le famiglie dei deceduti.

Secondo una ricostruzione dell‘accaduto di Procura e polizia giudiziaria, la scintilla è stata provocata dalla decisione di una banda di reclusi, Los Choneros, di festeggiare il compleanno di uno dei capi chiamato ’Victor’, rivendicando nel contempo il controllo del centro di reclusione.

Questo avrebbe "suscitato l’ira dei membri di altre due bande - Los Lobos e Tiguerones - che hanno contestato l’ambizione del gruppo avversario, aprendo il fuoco in vari padiglioni della prigione.

Secondo i media, comunque, sotto le ceneri covava un fuoco alimentato dalle voci dell’imminenza di una deportazione di massa dei capi dei diversi gruppi verso altri centri di reclusione.

Di fronte alla violenza degli scontri, le guardie carcerarie, in numero esiguo, non hanno neppure tentato di intervenire, lasciando quindi per molto tempo i padiglioni del carcere in mano ai detenuti che hanno usato negli scontri numerose armi da fuoco e da taglio, e perfino bombe a mano.

L’intervento di corpi speciali della polizia e dell’esercito ha consentito in serata, dopo varie ore, di riprendere il controllo della situazione. L’entità del massacro è emersa lentamente, a mano a mano che agenti e soldati entravano nelle celle e negli spazi comuni.

Almeno otto detenuti sono stati decapitati nella battaglia, mentre cadaveri, anche con mani e piedi mozzati, sono stati trovati oltre che nelle celle, nei bagni, nei corridoi e perfino nei condotti dell’aria condizionata. In un cortile sono stati rinvenuti i resti carbonizzati di numerosi reclusi, evento che ha rallentato la definizione del bilancio e dell’identità delle vittime, tanto che pochissimi corpi sono stati riconsegnati alle famiglie

I 116 morti del Litoral rappresentano non solo il più grave evento di questo tipo per l’Ecuador, ma anche il quinto di sempre in America latina dopo quelli avvenuti in Honduras (361 nel 2012), Perù (250 nel 1986), Repubblica dominicana (135 nel 2005), e Brasile (133 nel 2006).

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
9 ore
Kamikaze in moschea in Pakistan, almeno 63 morti
Centinaia i feriti a Peshawar, i talebani rivendicano la strage
la guerra in ucraina
9 ore
Boris Johnson: Putin minacciò di uccidermi con un missile
Il Cremlino nega, ma Londra ricorda le tante ingerenze di Mosca sul suolo britannico
Estero
10 ore
Bolsonaro chiede un visto di 6 mesi per restare negli Usa
L’ex presidente brasiliano, ora in Florida, ha domandato alle autorità statunitensi un permesso turistico per rimanere nel Paese per altri sei mesi.
Italia
10 ore
Alfredo Cospito trasferito al carcere di Opera (da Sassari)
L‘anarchico rischiava la vita dopo lo sciopero della fame e gli oltre 40 kg persi. Il ministro: ’La tutela della salute di ogni detenuto è una priorità’
Estero
14 ore
Sciopero in Francia, disagi sui binari in Svizzera
Le braccia incrociate contro la riforma delle pensioni nell’Esagono fanno saltare diversi collegamenti Tgv con Ginevra, Losanna e Zurigo
Estero
15 ore
Hitler nominato cancelliere: 90 anni fa i nazisti al potere
Il 30 gennaio del 1933 il Führer riceveva l’incarico di formare il governo dal presidente tedesco Paul von Hindenburg
Estero
18 ore
Euro, ogni milione di banconote 13 sono false
Lieve aumento nel 2022 per i casi di contraffazione: 376’000 quelle tolte dalla circolazione. I tagli da 20 e 50 restano i più gettonati
Italia
19 ore
Settantadue città fuorilegge per smog. Fra queste c’è anche Como
Lo indica il rapporto ‘Mal d’aria di città 2023’ di Legambiente, che ha analizzato l’inquinamento atmosferico in 95 centri della Penisola
Giappone
21 ore
Toyota si conferma prima casa automobilistica mondiale
Per il costruttore nipponico si tratta del terzo riconoscimento consecutivo. Nel 2022 venduti a livello globale circa 10,48 milioni di veicoli
Irlanda
22 ore
Ryanair riprende quota: passeggeri e bilancio in crescita
La compagnia aerea ritrova le cifre nere: nel terzo trimestre dell’esercizio 2022/23 l’utile è di 211 milioni di euro
© Regiopress, All rights reserved