laRegione
27.08.21 - 17:14
Aggiornamento: 17:55

Dalla Svizzera un appello per proteggere i giudici afgani

L’associazione dei magistrati si rivolge al Consiglio federale. ‘Non abbandoniamoli nelle mani dei talebani’. Preoccupa in particolare la situazione delle donne.

dalla-svizzera-un-appello-per-proteggere-i-giudici-afgani
Keystone
Fuga dall’Afghanistan

“Valori condivisi”: è in nome di questi che l'Associazione svizzera dei magistrati (SVR-ASM) lancia un appello al Consiglio federale. Obiettivo: fare in modo che “i giudici afgani non vengano abbandonati senza alcuna protezione nelle mani dei talebani”.

L’associazione segue con grande inquietudine gli attuali sviluppi in Afghanistan. Numerosi giudici afgani –hanno contribuito negli ultimi due decenni alla costituzione di uno Stato di diritto democratico, difendendo, in condizioni estremamente difficili, valori condivisi dai giudici svizzeri, scrive la SVR-ASM in una nota diramata oggi.

‘Particolarmente difficile’ per le giudici donne

Molti giudici afgani sono ora in pericolo di morte, afferma l’associazione. “In particolare, corrono il rischio di essere l’oggetto di azioni vendicative i membri della magistratura che in passato hanno condannato dei talebani per delle infrazioni penali”. Le 250 donne che ricoprono la carica di giudice, ovvero circa l’11% della magistratura afgana, si trovano in una situazione “particolarmente difficile”.

L’appello urgente lanciato dalla Svizzera non è l’unico. Anche l'Associazione internazionale dei giudici, l'Associazione internazionale delle donne giudici, il Relatore speciale dell’ONU sull’indipendenza dei giudici e degli avvocati e molteplici altre organizzazioni hanno preso posizione e chiesto alla comunità internazionale di non restare con le mani in mano.

La SVR-ASM si appella al Consiglio federale, affinché ”prenda immediatamente e in collaborazione con gli altri Paesi tutte le misure necessarie per proteggere i giudici afgani e le loro famiglie”.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
italia
18 min
Quando il parchimetro... porta fortuna
È successo nel Cuneese dove una signora ha acquistato un Gratta e vinci per cambiare i soldi per il parcheggio e vince 500mila euro
Canada
2 ore
L’uragano Fiona lascia 500mila case senza corrente
Lo riferisce l’azienda elettrica locale, Nova Scotia Power, secondo quanto riportato da Cbc
Stati Uniti
5 ore
Problemi ai finestrini: le auto di Tesla tornano in garage
Richiamate 1,1 milioni di vetture per un aggiornamento del software che permetterà di ovviare a un malfunzionamento
Turchia
8 ore
‘Il referendum russo? Non lo riconosciamo’
Lo ha affermato il portavoce della presidenza turca Ibrahim Kal. La stessa cosa accadde anche per il referendum in Crimea nel 2014
Estero
9 ore
L’ultimo addio ad Abe
I funerali dell’ex premier giapponese, ucciso in un attentato, si terranno il prossimo 27 settembre
Estero
14 ore
La politica è un Hobbit (o un pelaverdure)
Cronaca semiseria dei comizi che hanno chiuso la campagna elettorale italiana, nell’attesa che arrivi domenica.
Estero
23 ore
Guardie armate porta a porta, al via i referendum in Ucraina
Milioni chiamati alle ‘urne’. Intanto il patriarca Kirill invita a combattere. E decine di migliaia di russi scappano all’estero
Estero
23 ore
Per l’ambasciatore svizzero l’occupazione di Izyum è ‘barbaria’
Dura presa di posizione della sede diplomatica elvetica in Ucraina. Visitati da Claude Wild i centri distrutti dagli occupanti russi
Stati Uniti d’America
23 ore
Aborto: ‘Datemi due senatori e ne farò una legge’
Duro attacco del presidente Biden alla fronda repubblicana: ‘Non sanno assolutamente nulla delle donne americane’
Italia
1 gior
Il piccolo Mattia risucchiato dall’acqua e dal fango per 13 km
Ritrovato l’ultimo disperso dell’alluvione che si è scagliata sulle Marche lo scorso 15 settembre. Il grande dolore dei genitori
© Regiopress, All rights reserved