laRegione
06.08.21 - 21:51
Aggiornamento: 22:09

Le fiamme non danno tregua in Grecia e in Turchia

Abitazioni distrutte, boschi in cenere, evacuazioni e dieci vittime nei due Paesi. Rapporto Onu: Mediterraneo hotspot del cambiamento climatico.

le-fiamme-non-danno-tregua-in-grecia-e-in-turchia
Keystone
Pompieri al fronte a nord di Atene

Atene – Diverse regioni della Grecia stavano ancora bruciando venerdì, dopo un'ondata di calore che in una settimana ha trasformato il paese in una ‘polveriera’. La situazione in Turchia è altrettanto critica.

Fiamme si sprigionavano ancora venerdì sera da un importante focolaio che si è formato martedì a nord di Atene e ha ripreso vigore giovedì ai piedi del monte Parnaso. "Stiamo soffocando di nuovo perché c'è una violenta ripresa del fuoco", ha detto venerdì sera Spyros Vrettos, il sindaco di Acharnes, comune a 30 km dalla capitale. "Siamo molto preoccupati", ha detto a Skai TV, mentre il fuoco si diffondeva a nord-est.

Il villaggio di Afidnes è stato avvolto dalle fiamme tutta la notte, lasciando uno spettacolo di desolazione, con auto bruciate, case distrutte e alberi anneriti. Non lontano, a Krioneri, case, imprese e fabbriche sono bruciate.

Una parte dell'autostrada che collega il nord e il sud della Grecia è stata interrotta per precauzione, mentre 2mila migranti sono stati evacuati dal vicino campo di Ritsona. Venerdì sera, anche il centro di detenzione di Amygdaleza è stato svuotato.

Almeno 450 vigili del fuoco greci stavano cercando di affrontare l'incendio, assistiti da risorse aeree e terrestri, e da colleghi provenienti da Francia, Svezia, Romania, Svizzera, Israele e Cipro.

‘Situazione estremamente critica’

Il primo ministro Kyriakos Mitsotakis ha descritto la situazione come "estremamente critica" di fronte alle decine di incendi che hanno devastato la Grecia dal 27 luglio a causa delle temperature torride. "Siamo di fronte a condizioni senza precedenti, diversi giorni di canicola hanno trasformato l'intero paese in una polveriera", ha aggiunto in un discorso televisivo giovedì sera.

Un rapporto preliminare delle Nazioni Unite a cui ha avuto accesso l'AFP chiama il Mediterraneo un "hotspot del cambiamento climatico" che sperimenterà gravi ondate di calore e siccità, nonché incendi alimentati dall'aumento delle temperature. Con temperature che oscillano tra i 40 e i 45 gradi, la Grecia e la Turchia stanno vivendo un'eccezionale ondata di calore, la "peggiore" per i greci in tre decenni, secondo il signor Mitsotakis. I boschi nei due paesi sono in fiamme da 10 giorni, con incendi che hanno devastato case e attività commerciali e costretto all'evacuazione centinaia di residenti locali e turisti.

Dieci morti

Sul lato turco del Mar Egeo, sono stati contati 208 incendi dalla fine di luglio, 12 dei quali erano ancora attivi venerdì, e 196 sono stati messi sotto controllo, secondo la presidenza turca. Da parte greca, il vice ministro della protezione civile Nikos Hardalias ha stimato venerdì sera che 64 dei 154 incendi contati durante il giorno erano ancora in corso.

Otto persone sono morte e decine sono state ricoverate nel sud della Turchia. In Grecia, un abitante del nord di Atene è stato ucciso dalla caduta di un palo elettrico e un industriale è morto di arresto cardiaco nella sua fabbrica a Krioneri mentre tutto intorno a lui bruciava. Diciotto persone sono state ferite, compresi due pompieri volontari in condizioni critiche.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Italia
12 ore
Evade dai domiciliari per ‘badare alle galline’, assolto
Vista la tenuità del fatto, il giudice ha chiuso un occhio, non senza ammonire l’83enne: ‘Mi raccomando, non esca più’
Perù
12 ore
Castillo scioglie il Parlamento, ‘è in atto un golpe’
L’annuncio è stato formulato alcune ore prima dell’inizio di una seduta del Parlamento in cui si sarebbe discussa la destituzione del presidente
Germania
14 ore
Volevano colpire il Bundestag, arrestati 25 terroristi
Tra gli attentatori, appartenenti tutti a un gruppo di estrema destra, anche un principe e un’ex deputata di AfD. Arresti anche in Italia e Austria
italia
18 ore
Giorgia Meloni è la settima donna più potente al mondo
Questo secondo la classifica di ‘Forbes’. Accanto a lei anche Ursula von der Leyen, Christine Lagarde, Kamala Harris e - simbolicamente - Mahsa Amini
Francia
18 ore
Obsolescenza programmata, dalla Francia una denuncia per Apple
Il colosso americano degli smartphone accusato di limitare le possibilità di riparazione delle sue apparecchiature
Francia
20 ore
La Francia risparmia Co2 e chiude tre tratte a corto raggio
Via libera da Bruxelle per la soppressione di collegamenti aerei Orly-Bordeaux, Orly-Nantes e Orly-Lione
Spagna
21 ore
Scontro tra due treni in Catalogna, 155 feriti
L’incidente è avvenuto presso la stazione di Montcada i Reixac-Manresa. Dove uno dei due convogli era fermo
Iran
22 ore
Ucciso mentre festeggia la sconfitta, arrestato capo polizia
Il 27enne, per strada ad acclamare il kappaò contro gli Stati Uniti, era stato freddato con un colpo alla testa
Argentina
23 ore
‘Meglio andare in prigione che essere una marionetta’
‘Non mi ricandiderò’. Così l’ex presidente argentina Cristina Fernandez de Kirchner dopo la lettura della sentenza di condanna a sei anni di prigione
Stati Uniti
23 ore
Luce verde alla vendita di elicotteri alla Corea del Sud
Gli Stati Uniti forniranno a Seul apparecchi Ch-47 Chinook per un valore stimato in 1,5 miliardi di dollari
© Regiopress, All rights reserved