laRegione
05.03.21 - 06:00
Aggiornamento: 13:42

Caslano e i soldi sporchi della famiglia Kirchner

Ventidue condanne in Argentina per riciclaggio legato alla famiglia dell'ex presidente. Ma l'indagine in Svizzera non riesce a fare passi avanti

caslano-e-i-soldi-sporchi-della-famiglia-kirchner

In Argentina la chiamano “La Ruta del Dinero K.”, un guaio intitolato come se fosse un film. Ovviamente gli accusati, gli amici del signor K., sostengono che la sceneggiatura sia stata scritta da una mano vendicativa e pesante con qualche conto in sospeso con lui. Lui, K., è – o meglio, era – Néstor Carlos Kirchner, morto nel 2010, ex presidente argentino e poi marito del presidente argentino, anzi della Presidenta, Cristina Fernández Kirchner, oggi vicepresidente. Complicato e facilissimo allo stesso tempo, soprattutto in Sudamerica.

La “ruta” porta dritta in Svizzera, in Ticino, per essere precisi a Caslano e a Lugano. E il “dinero” chissà dov’è. Di sicuro all’origine era tanto per i giudici che hanno preso in mano il caso: 55 milioni di dollari (quasi 51 milioni di franchi), tutti sfilati da appalti di opere pubbliche e poi gestiti, per conto del presidente Kirchner, dall’amico e prestanome Lázaro Báez.

Nel 2003, l’anno in cui Kirchner entra nella Casa Rosada, Báez fonda senza alcuna esperienza nel ramo, la Austral Construcciones, che dal 2005 inizia a ottenere commesse statali. Nel giro di cinque anni, la Austral firmerà contratti federali (vale a dire gestiti più o meno direttamente da Kirchner) per 4 miliardi di dollari, un altro miliardo arriva per gare d’appalto in Patagonia, dove Kirchner è nato e dove i due si sono conosciuti. Proprio nella città natale del presidente, Rio Gallegos, Báez compra e costruisce palazzi su palazzi, alcuni su terreni di proprietà dello stesso Kirchner. E fin qui sembra una normale storia di due buoni conoscenti che fanno fortuna insieme, uno in politica, l’altro in affari, incrociando le loro strade.

Nel 2007 arrivano i primi guai per Báez, riciclaggio in Liechtenstein. Ma l’onda che lo travolge ha un nome e una data: “Periodismo para todos”, programma d’approfondimento andato in onda il 14 aprile 2013 su Canal 13. Dalle testimonianze di due uomini d’affari, Federico Elaskar e Leonardo Fariña, viene fuori un giro di denaro dirottato in alcuni paradisi fiscali che coinvolge Báez e Kirchner: è la prima volta che si parla dei 55 milioni e della Svizzera.

Il caso Helvetic

Secondo l’accusa, per la cospicua fetta di torta arrivata nella Confederazione, il prestanome del prestanome è un altro argentino – di passaporto italiano – Néstor Marcelo Ramos, 57 anni, all’epoca titolare della fiduciaria Helvetic, con sede a Lugano.

Anche la Svizzera – stando all’accusa – avrebbe funzionato da lavatrice per i fondi neri poi tornati in mano ai Kirchner. Ma la parte ticinese del processo a Báez non è mai partita davvero: alla richiesta di estradizione da parte dei giudici sudamericani, arrivò un primo sì da parte dell’Ufficio Federale di Giustizia, ma Ramos si appellò tramite il suo avvocato John Dell’Oro, che racconta ciò che è accaduto dopo: “Abbiamo fatto ricorso al Tribunale penale Federale poggiando in particolare su due cose: lo stato di salute del mio assistito, che andava peggiorando e le condizioni delle carceri argentine, poco compatibili con il quadro clinico di Ramos”. Alla fine la Svizzera negò l’estradizione. “Non siamo scappati e non ci siamo nascosti. Ci siamo sempre dati disponibili, fin dall’inizio, a un interrogatorio in via rogatoriale, ma stiamo ancora aspettando una risposta”, continua Dell’Oro. Le strade sono tre: un interrogatorio in videoconferenza, l’arrivo dei giudici argentini in Svizzera o l’invio delle domande da Buenos Aires con un interrogatorio tenuto da un procuratore svizzero. “A noi vanno bene tutte le soluzioni, compatibilmente con la malattia di Ramos”. L’italo-argentino, che vive a Caslano, entra ed esce da una clinica di Zurigo per curarsi ed è “spesso provato. Un viaggio in Argentina non sarebbe sostenibile”, insiste l’avvocato, che ricorda anche come non ci sia mai stato alcun legame diretto tra Ramos e Báez. Il titolare della Helvetic avrebbe sempre trattato con emissari dell’amico di Kirchner, senza però essere a conoscenza dei vari passaggi e dei vari legami che portano all’ex inquilino della Casa Rosada.

Le condanne

La questione è arrivata anche sui banchi del Consiglio nazionale con un’interpellanza depositata da Carlo Sommaruga del Partito Socialista. In quell’occasione il politico chiese conto delle lungaggini giudiziarie e del perché quei soldi di dubbia provenienza non fossero rimasti bloccati, ma avessero fatto ritorno in Argentina. La discussione in aula si è poi arenata nel dicembre scorso, ma il processo - ramo svizzero a parte - è andato avanti fino alla condanna, a fine febbraio, di Báez e dei suoi collaboratori, figli compresi: 12 anni di prigione per lui, da due a nove (per il figlio Martin) per altri 21 dei 27 imputati. Insomma, un sistema allargato che aveva bisogno di trasferimenti temporanei di denaro all’estero. A questo proposito, il portale argentino Infobae ricorda come la Helvetic di Ramos, fosse diventata, nel 2011, socio di maggioranza della Sgi, la finanziaria di Elaskar (uno dei due incastrati nel programma tv del 2013). Sgi veniva chiamata la Rosadita, perché lì andavano e venivano funzionari della Casa Rosada. Una triangolazione di denaro datata 2012, include Helvetic, la Austral Construcciones di Báez e la sede del Banco Nación di Plaza de Mayo, letteralmente a due passi dal palazzo presidenziale, all’epoca occupato da Cristina Kirchner. Mandatario della Helvetic era Jorge Chueco, avvocato di Báez e considerato cervello delle operazioni del suo gruppo. Fu lui – secondo Infobae – ad approvare il rientro in Argentina di denaro “lavato”: circa due milioni di franchi. Chueco è uno dei 21 condannati insieme a Báez: dovrà scontare otto anni. Ma le strade del dinero K. erano più d’una. E non tutte portano in un carcere argentino.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
il reportage
6 ore
Lo slalom tra i confini che chiudono di chi fugge dalla guerra
Non vogliono combattere e scappano all’estero con ogni mezzo. Ma i prezzi dei biglietti e il blocco delle frontiere in Europa rendono tutto complicato
Estero
16 ore
Spagna, notificato un caso di contagio da aviaria
Secondo la testata digitale eldiario.es, sarebbe la seconda persona in Europa essere stata testata positiva al virus
la guerra in ucraina
17 ore
Al via domani le esercitazioni di soldati tedeschi in Lituania
L’azione fa parte della strategia di maggiore presenza della Nato sul fianco orientale dell’Alleanza dopo l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia
la guerra in ucraina
19 ore
Kadyrov manda i tre figli minorenni al fronte
Il presidente ceceno: ‘Sono addestrati, è arrivato per loro il momento di andare in battaglia’. Hanno 16,15 e 14 anni
la guerra in ucraina
19 ore
Putin frena sul nucleare, i russi arretrano ancora
Il Cremlino ora parla di confini mobili a Kherson e Zaporizhzhia: ‘Penetrate le nostre linee di difesa’
balcani
19 ore
Voto in Bosnia: Dodik tiene, ma avanzano i moderati
Alla presidenza per l’entità serba andrà Zeljka Cvijanovic, l’ex presidente eletto nella Republika Srpska. Sconfitto anche il figlio di Izetbegovic
Regno Unito
21 ore
Un taglio di capelli? ‘La prossima volta’
Finito il periodo di lutto, primo impegno ufficiale per re Carlo III, oggi in visita alla cittadina scozzese di Dunfermline
Russia
22 ore
Elude i domiciliari la giornalista russa ‘no war’
Prima la multa per il cartello mostrato durante un telegiornale, poi la condanna per quello esposto vicino al Cremlino. E ora la fuga
Confine
22 ore
Lavori nella galleria di San Fermo Nord, code verso il Ticino
Il cantiere per la ricostruzione della calotta della galleria durerà fino al 18 novembre. Traffico verso nord deviato sotto San Fermo Sud
Iran
1 gior
Italiana arrestata a Teheran nel giorno del suo compleanno
Alessia Piperno era entrata in Iran con altri turisti. La Farnesina sta verificando le informazioni del padre rilasciate su Facebook
© Regiopress, All rights reserved