laRegione
30.12.19 - 12:08

Lugano: sottrasse 4,5 milioni fingendosi avvocato, condannato

Un 40enne è stato condannato alle Assise criminali per truffa e riciclaggio a quattro anni e tre mesi e all'espulsione dalla Svizzera per dieci anni

lugano-sottrasse-4-5-milioni-fingendosi-avvocato-condannato
Dei 4,5 milioni, circa 2,9 sono stari riciclati. Forse al Casinò di Campione d'Italia (Foto Ti-Press)

In meno di quattro anni è riuscito a sottrarre oltre 4,5 milioni di franchi alle proprie clienti, fingendosi avvocato. Contesto, sceneggiatura e importi impressionanti sono quelli di un film hollywoodiano, ma è tutto successo invece fra Lugano, Milano e Campione d'Italia. E rigorosamente reale.

A Lugano per recuperare un'eredità non dichiarata al Fisco italiano

Un 40enne cittadino italiano residente a Lugano ha infatti ingannato, fra il 2013 e il 2017, due facoltose donne italiane: madre e figlia. Le due erano arrivate in riva al Ceresio per recuperare un'ingente somma di denaro – l'eredità del defunto marito e padre – depositata in Svizzera, non correttamente dichiarata alle autorità fiscali della Penisola. In quell'occasione l'imputato – che lavorava nella società finanziaria, oggi in liquidazione, alla quale le donne si erano rivolte – si presentò loro come avvocato, pur non avendo nemmeno effettuato studi in giurisprudenza. Dichiarò di essersi messo in proprio e di potersi occupare delle loro pratiche amministrative e legali. Grazie alla fiducia aumentata man mano fra le parti, il 40enne prese poi a gestire diversi aspetti della vita quotidiana e famigliare, fino ad arrivare a gestirne il patrimonio e le relazioni bancarie.

Due società aperte 'per avere il permesso di dimora'

La truffa, che la Corte delle Assise criminali presieduta da Mauro Ermani ha riconosciuto nella forma dell'aggravante per mestieri così come proposta dal procuratore pubblico Andrea Minesso, era ben ingegnata. Consigliando le proprie clienti di aprire diversi conti in vari istituti, l'uomo è riuscito a impossessarsi delle credenziali necessarie per l'e-banking e per l'utilizzo delle carte Maestro. È riuscito pure a suggerire l'apertura di due società – facendosi nominare amministratore unico –, ingannando le vittime. In particolare, facendo loro credere che fosse necessario aprirle per esercitare un'attività professionale in Svizzera e ottenere il permesso di dimora. In realtà, le due società fittizie servivano unicamente a fare da ricettacolo al patrimonio delle clienti, per impossessarsi di ulteriori soldi. Un meccanismo rottosi quando le vittime si sono accorte che mancavano (molti) soldi nei propri conti.

Il gioco al Casinò di Campione e l'interrogativo del riciclaggio

Una consistente parte di questo denaro (2,9 milioni) è stato poi riciclato, anche se non è stato possibile risalire in inchiesta alla destinazione precisa di questi soldi. «Una larga parte li ha spesi per mantenere il proprio elevato tenore di vita – ha spiegato il pp – e poi un'ipotesi è che li abbia spesi giocando». Pare infatti che l'imputato fosse un assiduo frequentatore del Casinò di Campione d'Italia e, sebbene non siano emersi elementi ufficiali per avvalore questa tesi, una delle piste più credibili è che molti soldi siano stati riciclati, giocandoli e perdendoli, proprio lì. Modus operandi che per altro non sarebbe nuovo alle aule penali ticinesi.

Coinvolta (e indagata) anche la moglie

L'imputato – difeso dall'avvocato Flavio Amadò – ha ammesso i fatti e si è arrivati pertanto a sostenere un processo nella formula del rito abbreviato, che l'ha portato a essere condannato a quattro anni e tre mesi di carcere (dove si trova già da un anno e mezzo). A breve dovrebbe arrivare in aula anche la moglie dell'uomo, pure coinvolta nei fatti in quanto più volte si sarebbe spacciata per una delle vittime e alcuni conti sarebbero stati intestati a suo nome. «La sua colpa – ha detto infine il giudice – è stata aggravata sia dagli importi che dal numero di prelevamenti (migliaia, ndr) effettuati. Ha dimostrato una capacità delinquenziale non trascurabile».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
2 ore
Caccia alta, sei persone denunciate per gravi infrazioni
Il Dipartimento del Territorio rende noti i dati sulla stagione appena conclusa. Abbattuti più cervi rispetto al 2021, meno cinghiali e camosci
Luganese
2 ore
Direttore arrestato: ‘Si crei uno sportello per genitori’
Per la Conferenza cantonale dei genitori è importante che si riduca il rischio di situazioni simili. Contrastanti, intanto, le reazioni dei genitori.
Ticino
5 ore
Crisi energetica e telelavoro, Ocst: ‘Vigili sì, preoccupati no’
Dal sindacato cristiano sociale un webinar informativo. Isabella: ‘Non c’è giurisprudenza, partenariato importante’. Alari: ’Le spese preoccupano’
Ticino
5 ore
Sicurezza e prevenzione: gli occhi e le orecchie del Gpn
Gestione della minaccia: ruolo e missione del gruppo di specialisti della Polizia cantonale. Al quale il governo vuole ora dare una chiara base legale
Luganese
12 ore
Lugano: in arrivo Expo Ticinotour, grande fiera vintage
L’evento è in programma sabato 1° ottobre al Padiglione Conza: oltre 120 espositori, food-truck, bar, sala giochi, veicoli d’epoca e molto altro
Ticino
14 ore
‘Non si aggiungano ulteriori materie di studio al Liceo’
Tra ‘grandi scetticismi’ e ‘totale concordanza’, il Cantone risponde alla consultazione federale in merito alla Revisione dell’Ordinanza sulla maturità
Luganese
15 ore
Lugano, da Radio Rsi a Città della Musica con 21 milioni
Licenziato il messaggio municipale per l’acquisto dello storico stabile di Besso. Un’operazione che, spiega Badaracco, genererà 55 milioni di investimenti
Gallery
Grigioni
16 ore
A lezione d’integrazione sui banchi di Roveredo
Da lunedì tredici adolescenti fuggiti dall’Ucraina hanno iniziato a districarsi fra matematica e italiano nel padiglione 1 della Casa di cura Immacolata
Bellinzonese
16 ore
Osogna, ‘con macchinisti istruiti si riducono gli infortuni’
È stato inaugurato ufficialmente il Centro di formazione professionale Macchine della Ssic Ticino che, inoltre, valorizza una regione periferica
Mendrisiotto
17 ore
‘Il palazzo reale delle menzogne’, 6 anni al principe Selassié
La Corte delle Assise criminali di Mendrisio lo ha riconosciuto colpevole e condannato per truffa per mestiere e falsità in documenti
© Regiopress, All rights reserved