laRegione
l-appello-per-una-migliore-tutela-da-violenze-sessuali
foto Ti-Press
12.06.20 - 18:57

L'appello per una migliore tutela da violenze sessuali

Cinquantacinque organizzazioni e 130 personalità hanno lanciato e firmato oggi un appello per una revisione del diritto penale in Svizzera

Cinquantacinque organizzazioni e 130 personalità hanno lanciato e firmato oggi un appello per una revisione del diritto penale in Svizzera che garantisca una migliore protezione contro la violenza sessuale.

L'appello chiede una riforma rapida e globale del codice penale svizzero affinché tutti gli atti sessuali non consensuali "possano essere adeguatamente puniti". In concreto, "i reati previsti dagli articoli 189 (coazione sessuale) e 190 (violenza carnale) devono essere completati di conseguenza", precisano i firmatari in un comunicato odierno. Il diritto all'autodeterminazione sessuale è un diritto fondamentale che deve essere preso in considerazione, aggiungono. Qualsiasi rapporto sessuale richiede il consenso di tutte le persone coinvolte.

Il 22% delle donne ha subito atti sessuali non consensuali

Gli avvocati e i centri di assistenza alle vittime parlano regolarmente delle difficoltà che le vittime incontrano nell'accedere alla giustizia, si legge nel comunicato. E spesso devono spiegare alle vittime che una denuncia non ha possibilità di successo perché non c'è stata abbastanza pressione psicologica, violenza o minaccia, e che quindi il caso non corrisponde all'attuale definizione penale che riguarda stupri e coercizioni. Secondo uno studio dell'istituto gfs.bern pubblicato nel maggio 2019, il 22% delle donne in Svizzera ha già subito atti sessuali non consensuali e il 12% ha avuto rapporti sessuali contro la propria volontà. Quasi la metà delle donne colpite tiene per sé l'episodio di violenza.

Tra i firmatari figurano Amnesty International, l'alleanza delle società femminili svizzere (alliance f), Salute sessuale svizzera, Terre des femmes e numerosi politici, esperti di diritto penale, avvocati, medici, professionisti specializzati nella violenza contro le donne e coloro che lavorano in ambienti culturali.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
3 ore
Zurigo, ripescato un cadavere dal lago: indagini in corso
La polizia ha ricevuto ieri mattina la segnalazione di un corpo che galleggiava nella zona del Bellevue e del Quaibrücke
Svizzera
3 ore
Ondata di fallimenti: bancarotte aumentate del 41%
Le aziende più colpite sono quelle attive nel ramo dei servizi. Creditreform ha confrontato il primo semestre di quest’anno con quello del 2021.
Svizzera
5 ore
Governo in vacanza, ma non mancheranno gli incontri ufficiali
Cassis sarà impegnato a New York a inizio agosto, Keller-Sutter si recherà questo mese a Praga. Parmelin sarà in Sudafrica questa settimana.
diplomazia
17 ore
Sette princìpi e una promessa: Ucraina in pace e democratica
La Dichiarazione di Lugano convince i partecipanti e Kiev, ma il premier ucraino esagera e chiede per il suo Paese i soldi congelati degli oligarchi
Svizzera
18 ore
‘L’addio ai Tiger è prematuro’
È il parere della Commissione della politica di sicurezza del Nazionale. Per esprimersi definitivamente, invece, sugli F-35A attende ancora due rapporti
Svizzera
19 ore
Abitazioni di proprietà, prezzi salgono nonostante aumento tassi
La causa è l’offerta estremamente limitata. Aumenti soprattutto nei comuni rurali e nei centri
Svizzera
21 ore
Un dipendente su tre non vuole più andare in ufficio
Il sondaggio del portale finews.ch riguarda gli impiegati del settore finanziario
gallery
Svizzera
22 ore
A Zurigo una nuvola artificiale contro la canicola
Un grande anello in alluminio diffonde goccioline talmente piccole da non bagnare i passanti, ma che permettono di far calare la temperatura di vari gradi
Svizzera
22 ore
Salgono i casi di coronavirus, 46’025 nell’ultima settimana
Nell’arco di sette giorni il numero di nuove infezioni è salito del 39%, quello delle ospedalizzazioni del 51,7%
Svizzera
23 ore
Nuovamente percorribile la strada del Susten
Riaperto il valico tra i cantoni Uri e Berna, dopo che ieri una frana ne aveva provocato la momentanea chiusura
© Regiopress, All rights reserved