laRegione
12.06.20 - 18:57

L'appello per una migliore tutela da violenze sessuali

Cinquantacinque organizzazioni e 130 personalità hanno lanciato e firmato oggi un appello per una revisione del diritto penale in Svizzera

l-appello-per-una-migliore-tutela-da-violenze-sessuali
foto Ti-Press

Cinquantacinque organizzazioni e 130 personalità hanno lanciato e firmato oggi un appello per una revisione del diritto penale in Svizzera che garantisca una migliore protezione contro la violenza sessuale.

L'appello chiede una riforma rapida e globale del codice penale svizzero affinché tutti gli atti sessuali non consensuali "possano essere adeguatamente puniti". In concreto, "i reati previsti dagli articoli 189 (coazione sessuale) e 190 (violenza carnale) devono essere completati di conseguenza", precisano i firmatari in un comunicato odierno. Il diritto all'autodeterminazione sessuale è un diritto fondamentale che deve essere preso in considerazione, aggiungono. Qualsiasi rapporto sessuale richiede il consenso di tutte le persone coinvolte.

Il 22% delle donne ha subito atti sessuali non consensuali

Gli avvocati e i centri di assistenza alle vittime parlano regolarmente delle difficoltà che le vittime incontrano nell'accedere alla giustizia, si legge nel comunicato. E spesso devono spiegare alle vittime che una denuncia non ha possibilità di successo perché non c'è stata abbastanza pressione psicologica, violenza o minaccia, e che quindi il caso non corrisponde all'attuale definizione penale che riguarda stupri e coercizioni. Secondo uno studio dell'istituto gfs.bern pubblicato nel maggio 2019, il 22% delle donne in Svizzera ha già subito atti sessuali non consensuali e il 12% ha avuto rapporti sessuali contro la propria volontà. Quasi la metà delle donne colpite tiene per sé l'episodio di violenza.

Tra i firmatari figurano Amnesty International, l'alleanza delle società femminili svizzere (alliance f), Salute sessuale svizzera, Terre des femmes e numerosi politici, esperti di diritto penale, avvocati, medici, professionisti specializzati nella violenza contro le donne e coloro che lavorano in ambienti culturali.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
12 ore
Sarebbe riuscita l’iniziativa per la responsabilità ambientale
I Giovani Verdi annunciano di aver raccolto oltre 100mila firme. Il concetto di ‘limite naturale’ al centro della proposta di modifica costituzionale.
Svizzera
12 ore
Giornalista scopre monumento nazista nel cimitero di Coira
Ha fatto parte del culto dell’eroe con cui Hitler ha giustificato la guerra, scrive la Srf. Le autorità non ne erano a conoscenza.
Svizzera
15 ore
Nel programma Udc la lotta agli uffici per la parità di genere
Anticipate le linee guida per le Federali: ‘Preoccupazione’ per gli asterischi nei testi, niente soldi alle istituzioni che sostengono ‘ideologie’
Svizzera
16 ore
Prodotti bio troppo cari: bocciata la proposta di Mister prezzi
Stefan Meierhans ha proposto ai rivenditori una ‘soluzione amichevole’, subito però rispedita al mittente
Svizzera
18 ore
Si potrà abbattere un lupo capobranco con prove diverse dal Dna
Così il Taf sul caso del maschio alfa del branco del Beverin: la partecipazione determinante dell’esemplare al danno potrà essere dimostrata in altri modi
Svizzera
20 ore
Grigioni: furgone contro un’auto, una donna gravemente ferita
Il violento scontro è successo ieri, giovedì 26 gennaio, a Schiers in Val Prettigovia
Svizzera
1 gior
Edifici non residenziali, c’è l’obbligo di pannelli solari
La misura, che si applica da ora e fino al 2032, interessa tutti gli stabili (anche quelli esistenti) a partire da una superficie di 300 m²
Svizzera
1 gior
Su lemievaccinazioni.ch un controllo troppo superficiale
Le commissioni della gestione dei due rami del parlamento bacchettano l’Ufficio federale della sanità pubblica
Svizzera
1 gior
Per i media con il ‘non sapevo’ Berset gioca il tutto per tutto
La smentita circa la consapevolezza della fuga di notizie desta perplessità in buona parte della stampa svizzera
Svizzera
1 gior
In Svizzera si alleva sempre più pollame
Il fenomeno è in atto da decenni. Aumentano anche le colture di avena anche se restano marginali sul totale
© Regiopress, All rights reserved