laRegione
Stati Uniti
31.08.20 - 21:02
Aggiornamento: 21:33

Trump dà fuoco alla campagna

Il capo della Casa Bianca conferma la visita, sgradita, nella città di Blake

trump-da-fuoco-alla-campagna

Washington - Andrà a Kenosha, piaccia o non piaccia al governatore del Winsconsin. E se il sindaco di Portland ne è incapace, si incaricherà lui stesso di di 'fare pulizia' in città. Un Donald Trump incontenibile ha imboccato la strada dello scontro a oltranza: la sola, ritiene, che lo porterà alla rielezione il 3 novembre. Una foga che rischia di mettere in difficoltà l'avversario democratico Joe Biden, costretto a cercare di mantenere un difficile equilibrio tra le ragioni del movimento antirazzista, le sue intemperanze, e quelle di un elettorato moderato di cui non può fare a meno.

Nel pieno dell'allarme per la crescente violenza degli scontri tra gli estremisti di destra, suoi sostenitori, e le frange più radicali del movimento cresciuto attorno alle proteste contro la violenza della polizia, il presidente statunitense ha confermato l'indirizzo che prenderà la sua propaganda: un ’law and order’ declinato nel senso di adesione agli slogan, e alla prassi, della destra radicale. Un po' per opportunismo - consapevole dell'inquietudine generata nei ceti medi dall'episodica violenza della protesta antirazzista - un po' per genuina consonanza ideologica.

Ancora ieri, dopo aver salutato l’estremista di destra ucciso a Portland con il tweet “Riposa in pace”, Trump ha ribadito la determinazione a porre fine alle proteste nelle città americane dove i sindaci democratici non sarebbero in grado di garantire la sicurezza: “A Portland c’è il caos, ed è così da molti anni. Se questo zimbello di sindaco non farà pulizia - ha twittato il presidente - andremo lì e lo faremo noi per loro. I sindaci e i governatori della sinistra radicale - ha rincarato - guidano città in balia di una folle violenza e hanno perso il controllo del loro ’Movimento’. Gli anarchici e i sobillatori hanno preso in mano la situazione”.

Biden: presidente del caos

Trump ha quindi confermato la controversa visita nelle prossime ore a Kenosha, la città del Wisconsin dove il 29enne afroamericano Jacob Blake è stato ferito con sette colpi di pistola alla schiena esplosi da parte di un agente, rimanendo paralizzato. Il presidente sarà lì nonostante il governatore dello stato, Mandela Barnes, lo abbia invitato a non andare: “Non è quello di cui abbiamo bisogno in questo momento. La presenza del presidente rischia di alimentare le tensioni”. Tanto più che Trump a Kenosha ha in programma di incontrare solo le forze dell’ordine, e al momento in agenda non ha alcun tipo di contatto con la famiglia di Blake o con i rappresentanti della comunità afroamericana. “Non abbiamo ricevuto alcuna telefonata dalla Casa Bianca”, ha detto il legale dei familiari dell’afroamericano ferito e divenuto nuovo simbolo delle proteste contro il razzismo.

Joe Biden, che pensava di rimettersi in viaggio dopo il 7 settembre, per riprendere la campagna elettorale interrotta a causa della pandemia, ha così dovuto anticipare i tempi con una visita a sorpresa in Pennsylvania. “Trump è il presidente del caos, si sente debole e alimenta le tensioni e i disordini, per questo è impensabile che sia lui a poterli fermare”, ha denunciato. 

Fatto sta che la situazione ha richiamato in molti quella degli anni Sessanta, segnati dalle divisioni e dalle violenze con cui si cercò di soffocare la lotta per la conquista dei diritti civili da parte della popolazione afroamericana. E Trump se la ricorda bene.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Stati Uniti
3 ore
La Florida si prepara all’uragano Ian
Sono 300mila le persone che sono state evacuate dalle aree più esposte
Giappone
4 ore
Al via i funerali di Stato per Abe (con protesta)
Migliaia le persone che partecipano alla cerimonia funebre, anche se non manca chi si dice contrario ai funerali di Stato per l’ex presidente
Estero
17 ore
Meloni sulla testa di Letta e Salvini
Un riassunto di quel che è successo alle elezioni in Italia, ‘per chi l’ha visto e per chi non c’era’
Ecuador
17 ore
Naufragio alle Galapagos: l’unica svizzera a bordo sta bene
La donna era fra i passeggeri dell’imbarcazione protagonista di un grave incidente che ha visto la morte di quattro persone
Stati Uniti d'America
18 ore
Dodicenne spara al padre: aveva fatto un patto con un’amica
L’adolescente di una cittadina del Texas, a est di Dallas, avrebbe stretto un accordo con una coetanea per uccidere le due famiglie
Stati Uniti d'America
18 ore
New York non è una città per donne: casi di stupro in aumento
Critiche alla gestione della sicurezza sono rivolte alla polizia e all’Unità vittime speciali dopo l’incremento dell’11% dei casi
Italia
19 ore
Il leader dei Dem Enrico Letta non si ricandida alla segreteria
Dopo la sconfitta elettorale la sinistra fa il mea culpa e afferma di voler portare avanti “un’opposizione dura e intransigente”
italia
21 ore
I politici italiani? ‘Non hanno un amico’
Il comico Luca Bizzarri stila un breve bilancio sulle bizzarrie comunicative della campagna elettorale appena conclusa
Estero
23 ore
Spari in una scuola in Russia: 11 bimbi morti, suicida il killer
Uccisi anche due insegnanti e due guardie di sicurezza. La sparatoria a Izhevskn nella Russia centrale
Estero
1 gior
Per i media stranieri in Italia ‘al governo l’estrema destra’
Ampio spazio per le elezioni italiane e per Giorgia Meloni, di cui più di una testata sottolinea il ruolo di erede della tradizione politica neofascista
© Regiopress, All rights reserved