laRegione
27.11.20 - 21:07

Trump a un passo dall’addio, ma torna a fare campagna

Il presidente: me ne andrò, se i grandi elettori confermano la vittoria di Biden.

trump-a-un-passo-dall-addio-ma-torna-a-fare-campagna
Keystone

Washington – L'addio di Donald Trump alla Casa Bianca si avvicina, e stavolta è proprio lui ad ammetterlo: se il 14 dicembre il collegio dei grandi elettori certificherà la vittoria di Joe Biden lui - ha assicurato rispondendo ai reporter - farà le valige e lascerà 1600 Pennsylvania Avenue.

La reggia di Mar-a-Lago, in Florida, è già pronta ad attenderlo, mentre ancora fervono i preparativi nei suoi appartamenti privati. E non è detto che The Donald partecipi all'Inauguration Day del 20 gennaio: "Conosco la risposta ma non voglio ancora dirlo", ha spiegato, evocando quello che potrebbe essere lo strappo finale rispetto alle regole e alle tradizioni.

Ammissione di sconfitta. Anzi, no

Le parole di Trump nel giorno della Festa del Ringraziamento, comunque, sono finora quelle che più si avvicinano ad una ammissione di sconfitta. Ma la concessione della vittoria nei confronti di Biden resta una chimera. Il presidente uscente chiarisce in tutti i modi che la battaglia è tutt'altro che finita. Anzi, ha intenzione di tornare in campagna elettorale già da sabato prossimo, rinnovando le sue accuse di brogli elettorali e di elezioni truccate.

L'occasione gliela dà la doppia sfida in Georgia, dove il 5 gennaio si svolgeranno i ballottaggi per il Senato, quelli che potrebbero consegnare l'intero Congresso nelle mani dei democratici. Se questi ultimi otterranno entrambe i seggi in palio arriverebbero a quota 50 senatori, come i repubblicani. E a quel punto determinante diverrebbe il voto del futuro presidente del Senato, poltrona che spetta al nuovo vicepresidente degli Stati Uniti Kamala Harris. Uno scenario da incubo per i repubblicani, per i quali le elezioni del 2020 potrebbero trasformarsi in una delle più gravi disfatte della loro storia.

"Biden può entrare alla Casa Bianca come presidente solo se dimostra che i suoi ridicoli '80 milioni di voti' non sono stati ottenuti in modo fraudolento o illegale", ha però insistito Trump con un cinguettio. "Quando vedi quello che è accaduto a Detroit, Atlanta, Philadelphia e Milwaukee, una massiccia frode elettorale, è chiaro che Biden ha un grande problema irrisolvibile", ha aggiunto nell'ennesimo post 'censurato' da Twitter.

Se la prende con Twitter

E proprio contro Twitter si è ancora una volta scagliata l'ira di The Donald, e non solo con l'accusa di "silenziare la verità" e di "discriminare o bandire" le voci dei conservatori. Trump, che torna a chiedere a gran voce l'abolizione dell'immunità di cui godono i social per i post di terze persone, se la prende anche con i "falsi trend".

Come l'hastag #DiaperDon divenuto virale nelle ultime ore, quello in cui si fa riferimento a un Trump col 'pannolone'. Tutta colpa della sciagurata apparizione per il Thanksgiving seduto dietro a una insolita scrivania di dimensioni decisamente ridotte. Un tavolino che, anche rispetto alla imponente corporatura del presidente, somigliava davvero a un banchetto scolastico. Da qui l'ironia scatenatasi sui social, che hanno paragonato Trump a un ragazzino in castigo ed escluso dal "tavolo dei grandi". Oppure hanno descritto il minibanco come una scrivania giocattolo, regalo di Natale per il tycoon dopo il suo addio allo Studio Ovale.

Intanto, prima di tornare ad affilare le armi, Trump vola a Campo David per raggiungere i figli e le loro famiglie lì riuniti per il lungo weekend della Festa del Ringraziamento. Una foto li ritrae tutti insieme attorno a un falò. Per The Donald si tratta della prima volta che lascia Washington dopo le elezioni.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
4 ore
Sempre più vittime del terremoto in Turchia e Siria: oltre 5’000
È stato intanto estratto vivo dalle macerie il calciatore ghanese Christian Atsu. Oltre 8’000 persone sono state salvate finora
Estero
8 ore
Sale a 4’890 il bilancio dei morti del sisma fra Turchia e Siria
Da parte di Ankara le vittime del terremoto di magnitudo 7,9 di ieri sono al momento 3’381, da parte siriana sono 1’509
la guerra in ucraina
17 ore
Zelensky: ‘Nuova offensiva russa entro 10 giorni’
Il leader atteso giovedì a Bruxelles al vertice e al Parlamento
italia
18 ore
Il tiramisù non è vegano, muore ragazza allergica al latte
Quattro indagati a Milano. Prodotto ritirato dal ministero della Salute
diplomazie
19 ore
La Cina insiste: ‘Palloni civili’. Un video la smaschera
Immagini del 2018 su un social network mostrano un test militare con un aerostato identico. Pechino se la prende con gli Usa
Estero
21 ore
‘Pray for Syria and Turkey’. L’inizio di un incubo
Il terremoto visto dal Ticino e con gli occhi della bellinzonese Sara Demir, con parenti sia in Turchia sia in Siria
Estero
22 ore
Turchia, del castello di Gaziantep non restano che macerie
Il terremoto miete vittime anche fra i monumenti storici: completamente distrutta la fortezza patrimonio dell’Unesco
Estero
1 gior
La visita dei parlamentari svizzeri a Taiwan preoccupa la Cina
Pechino critica i contatti ufficiali fra le autorità dell’isola che considera una provincia ribelle e i Paesi che hanno relazioni diplomatiche con la Cina
Confine
1 gior
Confine, arrestato un 21enne per spaccio di droga
Nell’abitazione del giovane militari e cane antidroga hanno rinvenuto 500 grammi di hashish, diversi contanti e una bici elettrica rubata in Ticino
Estero
1 gior
Sono oltre 3600 le vittime del sisma, ma si scava ancora
Superati i 2300 morti in Turchia e 1200 in Siria. Erdogan: ‘Il più grande disastro nel Paese dal 1939’
© Regiopress, All rights reserved