laRegione
08.04.20 - 20:17
Aggiornamento: 20:58

Duemila morti in un giorno negli Stati Uniti

Si confermano le peggiori previsioni sulla diffusione del contagio. Trump, per distrarre, accusa l'Oms di essere filocinese

di Ansa/e.f.
duemila-morti-in-un-giorno-negli-stati-uniti

New York - Duemila morti in un giorno, quasi la metà a New York: bastano i numeri a confermare le dimensioni raggiunte dalla pandemia di coronavirus negli Stati Uniti. Numeri che andrebbero precisati come segue: la vasta maggioranza delle vittime appartiene alle minoranze afroamericana e latina, e qualche ragione, nemmeno troppo nascosta, ci sarà. Da quando è esplosa la pandemia mai nel mondo si era registrato un bilancio così pesante, nemmeno in Cina, nemmeno in Italia e in Spagna. Del resto, che negli States questa sarebbe stata una settimana orribile era stato ampiamente annunciato. Così i decessi dovuti al coronavirus negli Stati Uniti sono ora saliti a 13.000, mentre i contagi che hanno superato i 400 mila casi, anche questo un primato assoluto.

Donald Trump ha da obiettare: «Altri Paesi hanno di fatto più casi di coronavirus di quelli dichiarati, solo che riportano numeri ingannevoli o sbagliati», ha affermato incontrando come ogni giorno la stampa in uno dei briefing più contraddittori degli ultimi tempi, spia di una confusione, se non di un vero e proprio caos, che pervadono la Casa Bianca, con gli stessi consiglieri ed esperti del presidente spiazzati dalle sue continue fughe in avanti o retromarce. Come quella sul contributo fondamentale che gli Stati Uniti danno all'Organizzazione mondiale della sanità, finita nel mirino di Trump. Per i detrattori l'ennesimo capro espiatorio per distogliere l'attenzione dell'opinione pubblica dalle reali responsabilità dietro la crisi. Così prima Trump afferma che sta per sospendere il flusso di risorse verso un'Oms troppo filocinese e che ha dato l'allarme pandemia in ritardo, poi si corregge e spiega che "potrebbe" ritirare i fondi.

Ma il presidente appare nervoso e forse sente che la situazione potrebbe davvero sfuggirgli di mano, perché i numeri si fanno sempre più pesanti e terribili ma anche perché ogni giorno fioriscono le ricostruzioni su come la Casa Bianca era stata avvertita e sapeva dei rischi legati al coronavirus già dall'inizio dell'anno, se non addirittura da novembre. Intanto gli ultimi sondaggi confermano come la ruota è girata, e come la maggioranza degli americani che fino a poco tempo fa lodava la strategia del presidente oggi boccia la sua risposta alla pandemia: per il 55% degli elettori, emerge da un sondaggio della Cnn, sta facendo un "pessimo lavoro". Un cattivo segnale a pochi mesi dalle elezioni presidenziali.

Ma quello che più brucia a Trump, forse, è un altro sondaggio: quello condotto da Morning Consult per Politico secondo cui per la maggioranza degli americani Barack Obama sarebbe in grado di gestire la situazione molto meglio, meglio anche di Joe Biden. Proprio Obama ha pungolato il presidente su Twitter, chiedendo un cambio di passo sulla lotta alla pandemia. "Il distanziamento sociale - ha scritto - piega la curva dei contagi e allenta la pressione sul nostro eroico personale medico e ospedaliero". Ma per imprimere una svolta, aggiunge l'ex presidente americano, quello che serve è "un robusto sistema di test e di monitoraggio" del virus, "un qualcosa che dobbiamo ancora mettere in atto a livello nazionale". 

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
la guerra in ucraina
8 ore
Zelensky: ‘Nuova offensiva russa entro 10 giorni’
Il leader atteso giovedì a Bruxelles al vertice e al Parlamento
italia
9 ore
Il tiramisù non è vegano, muore ragazza allergica al latte
Quattro indagati a Milano. Prodotto ritirato dal ministero della Salute
diplomazie
9 ore
La Cina insiste: ‘Palloni civili’. Un video la smaschera
Immagini del 2018 su un social network mostrano un test militare con un aerostato identico. Pechino se la prende con gli Usa
Estero
12 ore
‘Pray for Syria and Turkey’. L’inizio di un incubo
Il terremoto visto dal Ticino e con gli occhi della bellinzonese Sara Demir, con parenti sia in Turchia sia in Siria
Estero
13 ore
Turchia, del castello di Gaziantep non restano che macerie
Il terremoto miete vittime anche fra i monumenti storici: completamente distrutta la fortezza patrimonio dell’Unesco
Estero
15 ore
La visita dei parlamentari svizzeri a Taiwan preoccupa la Cina
Pechino critica i contatti ufficiali fra le autorità dell’isola che considera una provincia ribelle e i Paesi che hanno relazioni diplomatiche con la Cina
Confine
15 ore
Confine, arrestato un 21enne per spaccio di droga
Nell’abitazione del giovane militari e cane antidroga hanno rinvenuto 500 grammi di hashish, diversi contanti e una bici elettrica rubata in Ticino
Estero
15 ore
Sono oltre 3600 le vittime del sisma, ma si scava ancora
Superati i 2300 morti in Turchia e 1200 in Siria. Erdogan: ‘Il più grande disastro nel Paese dal 1939’
Confine
16 ore
Violenta lite in famiglia a Verbania
L’alterco ha avuto per protagonisti un 32enne di origini albanesi e con cittadinanza italiana e suo padre, con quest’ultimo lievemente ferito
Estero
17 ore
Il terremoto più violento nella regione addirittura dal 1202
È quanto afferma il centro libanese di geofisica in merito al sisma che ha interessato Turchia e Siria
© Regiopress, All rights reserved