laRegione
07.06.22 - 07:42
Aggiornamento: 15:12

Prestiti a tassi d’interesse da usurai, cinque arresti

Due persone in carcere e tre agli arresti domiciliari nel Varesotto. Sequestrati beni per 2,7 milioni di euro

prestiti-a-tassi-d-interesse-da-usurai-cinque-arresti
Guardia di finanza
Il contante confiscato

Cinque persone sono finite in manette (due in carcere e tre agli arresti domiciliari) nella provincia di Varese poiché sospettate di essere coinvolte in attività di abusivismo finanziario.

Le indagini, svolte con l’ausilio di intercettazioni telefoniche e ambientali e con accertamenti su numerosi conti correnti bancari, hanno permesso di rafforzare la tesi secondo cui le cinque persone fungessero da filiale di Istituto di credito in grado di elargire prestiti nei confronti di chiunque versasse in stato di bisogno. In tale contesto gli inquirenti hanno potuto ricostruire anche delle operazioni di prestito nelle quali sono stati applicati tassi di interesse del 120% annuo a favore di imprenditori in difficoltà finanziaria.

Dalle indagini tecniche è pure emersa la volontà di due degli arrestati di convincere, con metodi violenti, una delle vittime a evitare di effettuare la denuncia per usura alla quale era sottoposto.

"Lo devi tenere uno o due giorni legato, non c’è niente da fare, sennò non lo puoi recuperare": così i due gestori del giro di usura con base in provincia di Varese, arrestati questa mattina dalla Guardia di finanza, parlavano dei creditori ai quali prestavano denaro per poi chiederlo indietro con tassi di interesse folli. "Io lo devo legare, non so se portare V., perché V. lo ammazza...", si legge in una seconda intercettazione. E ancora: "O si ammazza o ci denuncia, stai attento che fa così... se comincia a prendere le botte".

Gli indagati, residenti a Gallarate e Jerago con Orago (Varese) e Milano, secondo quanto si legge nelle carte giudiziarie, prestavano tranche di denaro da 15mila euro, per poi pretenderne il celere rientro con altissimi interessi, fino a minacciare e pianificare di rinchiudere in uno scantinato un ‘debitore’.

Inoltre, servendosi di ditte intestate fittiziamente a prestanome, i principali indagati hanno emesso fatture per operazioni inesistenti per oltre 6,2 milioni di euro a favore di società bisognose di abbattere utili ed evadere così le tasse.

Gli investigatori economico-finanziari hanno anche effettuato approfondimenti finalizzati alla ricostruzione del patrimonio accumulato dal quintetto che, proprio nel periodo di commissione dei reati di usura, è cresciuto in modo sproporzionato rispetto ai redditi lecitamente dichiarati e non giustificato da altre entrate regolari. In base a questa risultanza è dunque stato disposto il suo sequestro.

Tra i beni sottoposti a sequestro, per un valore complessivo superiore ai 2,7 milioni di euro, vi sono – oltre a disponibilità finanziarie e polizze assicurative – dieci immobili (ubicati in Lombardia, Sardegna e Calabria) e otto licenze per l’esercizio di mercato ambulante a posto fisso.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
IRAN
43 min
Teheran manda al patibolo e spara ai genitali
Un ragazzo che ha partecipato alle proteste antigovernative è stato mandato al patibolo. Intanto gli agenti colpiscono le donne mirando alle parti intime
Italia
1 gior
Evade dai domiciliari per ‘badare alle galline’, assolto
Vista la tenuità del fatto, il giudice ha chiuso un occhio, non senza ammonire l’83enne: ‘Mi raccomando, non esca più’
Perù
1 gior
Castillo scioglie il Parlamento, ‘è in atto un golpe’
L’annuncio è stato formulato alcune ore prima dell’inizio di una seduta del Parlamento in cui si sarebbe discussa la destituzione del presidente
Germania
1 gior
Volevano colpire il Bundestag, arrestati 25 terroristi
Tra gli attentatori, appartenenti tutti a un gruppo di estrema destra, anche un principe e un’ex deputata di AfD. Arresti anche in Italia e Austria
italia
1 gior
Giorgia Meloni è la settima donna più potente al mondo
Questo secondo la classifica di ‘Forbes’. Accanto a lei anche Ursula von der Leyen, Christine Lagarde, Kamala Harris e - simbolicamente - Mahsa Amini
Francia
1 gior
Obsolescenza programmata, dalla Francia una denuncia per Apple
Il colosso americano degli smartphone accusato di limitare le possibilità di riparazione delle sue apparecchiature
Francia
1 gior
La Francia risparmia Co2 e chiude tre tratte a corto raggio
Via libera da Bruxelle per la soppressione di collegamenti aerei Orly-Bordeaux, Orly-Nantes e Orly-Lione
Spagna
1 gior
Scontro tra due treni in Catalogna, 155 feriti
L’incidente è avvenuto presso la stazione di Montcada i Reixac-Manresa. Dove uno dei due convogli era fermo
Iran
1 gior
Ucciso mentre festeggia la sconfitta, arrestato capo polizia
Il 27enne, per strada ad acclamare il kappaò contro gli Stati Uniti, era stato freddato con un colpo alla testa
Argentina
1 gior
‘Meglio andare in prigione che essere una marionetta’
‘Non mi ricandiderò’. Così l’ex presidente argentina Cristina Fernandez de Kirchner dopo la lettura della sentenza di condanna a sei anni di prigione
© Regiopress, All rights reserved