laRegione
gli-stipendi-dei-manager-sempre-piu-in-alto
Keystone
Il numero uno del gruppo automobilistico Stellantis ha guadagnato nel 2021 oltre 19 milioni di euro
25.04.22 - 07:22
Aggiornamento: 08:46
di Edoardo De Biasi, L’Economia

Gli stipendi dei manager sempre più in alto

La crisi economica scatenata dalla pandemia non ha frenato la corsa delle remunerazioni dei vertici delle grandi aziende

Neanche la pandemia e la relativa crisi economica sono riuscite a fermare l’inarrestabile corsa degli stipendi dei ceo. Tralasciando la facile demagogia, è evidente però che il sistema dovrebbe interrogarsi sui criteri che portano a simili retribuzioni. Nel 2021 Carlos Tavares, ceo di Stellantis, ha guadagnato 19,1 milioni di euro. Una cifra che la maggior parte della classe politica e dell’opinione pubblica francese ha definito «scioccante». Il presidente Emmanuel Macron si è spinto oltre sostenendo che l’Europa deve creare una nuova governance e imporre un tetto agli emolumenti dei manager, altrimenti la società civile «esploderà».

Una giusta riflessione visto che l’inflazione a due cifre si farà pesantemente sentire sugli stipendi dei dipendenti. Resta il fatto che l’assemblea Stellantis ha bocciato, pur non essendo il voto vincolante, la proposta di politica di remunerazione. I soci contrari sono stati il 52,1%. Lo Stato francese, azionista della casa automobilistica (con una quota del 6,15%), ha respinto il maxi stipendio. Il presidente John Elkann (nel 2021 ha ricevuto compensi per 7,8 milioni, in aumento dai 2,4 milioni incassati da Fca) ha difeso il suo ceo dicendo che «lo stipendio è giustificato dalle dimensioni del gruppo caratterizzato da una cultura meritocratica».

Uomini e stipendi

Mettendo da parte le riflessioni etiche, vediamo come si è arrivati a questa cifra. Accanto a un salario fisso di 2 milioni, Tavares ha la maggior parte della retribuzione variabile, pari all’89% del totale. Di questa quota 7,5 milioni sono dovuti alla performance annuale, 1,7 milioni di bonus alla creazione della stessa Stellantis e 5,6 milioni di premi. In sua difesa va detto che in un contesto difficile per l’industria automotive, l’azienda ha generato un utile netto di 13,4 miliardi, quasi triplicato rispetto al 2020. Quel che nemmeno Elkann può sottovalutare è che Tavares incassa oltre 19 milioni per un gruppo che fattura 152 miliardi mentre Herbert Diess, suo omologo alla Volkswagen, ha avuto un compenso di oltre 8 milioni con vendite pari a 250 miliardi. Alcuni azionisti si sono posti altre domande. La società di gestione PhiTrust ha chiesto se il compenso «è socialmente giustificato nel momento in cui il gruppo dovrà probabilmente affrontare una massiccia ristrutturazione con conseguenti tagli di posti di lavoro, data la capacità produttiva in eccesso».

Ma gli altri ceo di aziende automobilistiche quanto guadagnano? Luca de Meo, numero uno di Renault, dovrebbe prendere 4,7 milioni di euro, parte dei quali soggetta a obiettivi triennali. Il suo predecessore Carlos Ghosn aveva ridotto lo stipendio del 30% nel 2018, a 4,7 milioni all’anno, proprio per la pressione dello Stato francese, principale azionista.

L’America delle retribuzioni

Superiore lo stipendio dei ceo americani e in particolare di quelli che lavorano nelle società hi-tech. Mary Barra, ceo di General Motors, ha intascato 22 milioni di dollari. Il ceo di Apple, Tim Cook, ha guadagnato 98,7 milioni tra stipendio base, azioni e altri compensi. Secondo quanto riportato nella dichiarazione presentata alla Sec, lo stipendio base è tre milioni a cui vanno aggiunti oltre 82 milioni in azioni. Nessuno di questi titoli è stato però ancora conferito. Ci sono poi 12 milioni di incentivi dovuti al raggiungimento degli obiettivi di sostenibilità ambientale e finanziaria e quasi 1,4 milioni di altri compensi.

Ma Cook non è certo tra i più ricchi. Ai primi posti c’è David Zaslav di Discovery con uno stipendio annuo di 247 milioni. Poi Andy Jassy di Amazon che ha ricevuto 212,7 milioni mentre Pat Gelsinger, ceo Intel, ha incassato 178,6 milioni. Come si arriva a stabilire simili cifre? Le regole per definire la remunerazione dei top manager attengono ad alcuni principi generali. Per quanto riguarda i ceo è fondamentale la professionalità, la credibilità e la capacità di attrarre manager. La parte fissa è diretta principalmente a remunerare le competenze e le funzioni connesse al ruolo ricoperto. C’è poi la parte variabile, legata agli obiettivi raggiunti.

I bonus devono essere collegati alla effettiva performance d’impresa, e in modo simmetrico rispetto ai risultati positivi e negativi. In poche parole, si cerca di spezzare quel legame pericoloso che spinge a ricercare tagli troppo onerosi e investimenti rischiosi per garantire una elevata redditività. Questo vuol dire che i bonus, per esempio, dovrebbero essere dilazionati nel tempo adottando forme di azioni vincolate o stock options per tener conto del reale andamento dell’azienda.

La finanza in cima

E la situazione in Italia? La retribuzione degli amministratori delegati delle grandi banche e delle principali compagnie di assicurazione quotate a Piazza Affari è più alta rispetto a quella dei ceo di aziende che operano in altri settori.

Anche quest’anno lo stipendio di Andrea Orcel, ceo UniCredit, è stato nuovamente al centro dell’attenzione. Dopo il via libera relativamente di misura dello scorso anno, la politica di remunerazione ha diviso i proxy. Glass Lewis è rimasto contrario, mentre Iss ha approvato parzialmente la nuova retribuzione. Orcel ha chiesto di lasciare invariata la componente fissa (2,5 milioni) e di ancorare la maggior parte della retribuzione al raggiungimento dei risultati. La decisione è stata di mantenere il piano approvato nel 2021, quando però il bonus azionario di 5 milioni era scollegato dai risultati finanziari. Adesso la quota variabile sarà erogata «al raggiungimento degli obiettivi assegnati», che riguardano per il 70% target finanziari e per il 30% «cultura e priorità strategiche», a partire dalla sostenibilità. La retribuzione di Orcel, visto che è stato nominato ad aprile, è stata di 6,7 milioni: vale a dire più di 120 volte la media dei dipendenti del gruppo. Il salario degli amministratori italiani è finito anche nel mirino di Norges Bank. Il fondo sovrano norvegese ha dichiarato: «Il cda è responsabile di attrarre il ceo giusto e stabilire una remunerazione adeguata». Il gestore Nicolai Tangen ha spiegato che «il consiglio dovrebbe fornire trasparenza sulla retribuzione totale per evitare esiti inaccettabili» e «dovrebbe garantire che tutti i vantaggi abbiano una chiara logica aziendale. Una parte sostanziale dello stipendio dovrebbe essere fornita sotto forma di azioni vincolate da cinque a dieci anni, indipendentemente dalle dimissioni o dal pensionamento».

Le critiche di Norges non riguardano soltanto le aziende della galassia Exor. Nelle settimane scorse, per esempio, il fondo sovrano norvegese ha espresso voto contrario alla remunerazione presentata da Tim che ha corrisposto fra l’altro all’ex ad, Luigi Gubitosi, una buonuscita di 6,9 milioni. Più o meno sulla stessa linea Allianz Global investors. L’accusa è sempre la stessa: gli stipendi dei top manager sono spesso troppo alti e non legati alla performance Esg. L’asset manager ha annunciato che nelle assemblee voterà contro gli stipendi che non includono indicatori di performance legati ai criteri sostenibili. Le proposte in materia di retribuzioni, sottolinea il gestore tedesco, rappresentano l’area di governance più controversa a livello globale. Lo evidenzia il fatto che Allianz Gi ha votato contro il 47% delle proposte. Le astensioni sono rimaste sostanzialmente invariate al 6%, un dato che riflette il numero crescente di engagement intrapresi con le società partecipate per cercare di migliorare i piani retributivi. Per non predicare bene ma razzolare male, il gruppo Allianz ha comunque annunciato il taglio dei bonus per il ceo e i membri del cda dopo le perdite subite dalla divisione dei fondi.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
ceo crisi economica pandemia retribuzione
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
Economia
1 ora
Fallimenti aziendali in forte aumento in Svizzera
Il Ticino è fra i cantoni con meno casi di insolvenza. Lo rileva la Dun & Bradstreet.
Economia
1 gior
Gli esperti dell’Ubs escludono un rapido calo dell’inflazione
Il rialzo dei prezzi proseguirà anche nel secondo semestre: il tasso annuale dovrebbe attestarsi al 3,1%. Raiffeisen rivede al ribasso le previsioni 2022
Economia
4 gior
Smartphone: crollano le spedizioni in Europa
‘Molti Paesi si stano avvicinando alla recessione, con maggiori tensioni politiche’, scrive Counterpoint Research che si attende una ripresa lunga e lenta
Economia
6 gior
Migliaia di impieghi a rischio a Credit Suisse
L’agenzia Bloomberg riferisce di un piano per attuare una drastica cura dimagrante nei prossimi anni. La banca non commenta
Economia
1 sett
Swiss torna in attivo nel primo semestre
Il fatturato è più che raddoppiato e il numero di passeggeri è quintuplicato. Nel 2020 e 2021 aveva registrato grandi perdite a causa della pandemia
Economia
1 sett
Boom di Airbnb: oltre 100 milioni di notti prenotate in 3 mesi
La piattaforma segna il record di prenotazioni per l’estate, che sarà la più redditizia di sempre. Ricavi in crescita del 58%
Economia
1 sett
Catastrofi naturali, danni per 75 miliardi nel primo semestre
Secondo la stima di Swiss Re, la cifra è inferiore sia a quella del 2021, sia alla media degli ultimi dieci anni
Economia
1 sett
Commercio al dettaglio, aumentato il fatturato a giugno
L’incremento è del 3,2% rispetto all’anno precedente. Lo ha rilevato l’Ufficio federale di statistica.
Economia
1 sett
Fatturato stagnante nel secondo trimestre per Sunrise
Buone notizie dal settore della telefonia mobile, con un aumento netto di 47mila abbonamenti
Economia
1 sett
Profondo rosso per Renault nel primo semestre dell’anno
L’uscita dal mercato russo dopo l’invasione dell’Ucraina pesa sulle casse della casa automobilistica: perdite per 1,6 miliardi di euro
© Regiopress, All rights reserved