laRegione
la-banca-nazionale-svizzera-lascia-il-tasso-guida-al-0-75
Keystone
Il conflitto in Ucraina comincia a farsi sentire
24.03.22 - 15:19
Aggiornamento: 17:52
Ats, a cura de laRegione

La Banca nazionale svizzera lascia il tasso guida al -0,75%

La Bns lascia invariata la sua politica monetaria ultraespansiva, pur vedendo all’orizzonte un aumento dell’inflazione

Nessuna sorpresa. La Banca nazionale svizzera (Bns) lascia invariata la sua politica monetaria ultraespansiva, pur vedendo all’orizzonte un aumento dell’inflazione. Sulla scia degli scombussolamenti provocati dalla guerra in Ucraina la stima di crescita viene rivista al ribasso, ma solo leggermente. L’incertezza e i rischi sono però elevati.

Nell’ambito del tradizionale esame trimestrale della situazione economica e monetaria, infatti, la Bns ha deciso di mantenere fermo al -0,75% il suo tasso guida, il più basso del mondo. Sono confermati anche gli interessi negativi, pure loro del -0,75%, sui conti giro presso la Bns. Vale a dire quelli a carico delle banche che depositano il loro denaro presso l’istituto. La banca centrale ha anche ribadito la disponibilità a procedere a interventi sul mercato dei cambi per stabilizzare il franco. Moneta che, secondo la Bns, continua ad avere una valutazione definita "elevata".

"L’invasione russa dell’Ucraina ha accresciuto significativamente incertezza in tutto il mondo: in questa situazione la Banca nazionale, con la sua politica monetaria garantisce, la stabilità dei prezzi e sostiene l’economia svizzera", dice l’istituto guidato da Thomas Jordan. La Bns prosegue perciò nel cammino degli interessi negativi introdotti nel gennaio 2015, allora considerati una sorta di bizzarria temporanea, ma che nel frattempo sono in vigore da oltre sette anni, con ripercussioni in parecchi ambiti: non da ultimi quelli dell’immobiliare o delle pensioni. Non sono peraltro mancate le critiche: c’è chi ha parlato di un gigantesco modello ridistribuivo, un balzello deciso autonomamente dalla Bns, senza legittimità democratica.

Il franco rimane forte

E intanto il franco rimane forte, molto vicino alla parità con l’euro: la moneta europea stamani costava poco più di 1,02 franchi. Come noto la valuta elvetica è considerata dagli investitori un rifugio più sicuro di altri e guadagna sempre valore in tempi incerti, cosa che rende l’export elvetico più caro e ha effetti negativi sul turismo. Le indicazioni diffuse stamane alle 9.30 dalla banca non rappresentano peraltro una sorpresa: gli esperti erano unanimi nel ritenere che la Bns non avrebbe cambiato rotta. È infatti opinione largamente condivisa che prima di poter operare una stretta monetaria l’istituto debba aspettare che si muova la Banca centrale europea (Bce), i cui intendimenti non sono del tutto chiari. Intanto, invece, la statunitense Federal Reserve (Fed) ha proceduto la settimana scorsa a un rialzo dei tassi (il primo dal 2018), cui ne seguiranno altri nell’anno in corso.

La Bns può attendere. Anche perché l’inflazione è relativamente contenuta rispetto a quella di altri paesi: in febbraio era al 2,2%, contro il 5,9% dell’Eurozona e il 7,9% negli Stati Uniti. Molto attese erano di conseguenza le previsioni degli economisti dell’istituto riguardo all’evoluzione dei prezzi: l’inflazione è ora vista al 2,1% quest’anno e allo 0,9% nel 2023, in chiaro aumento rispetto ai pronostici di 1,0% e 0,6% di dicembre. Viene fornita anche una prima valutazione sul rincaro del 2024, che dovrebbe attestarsi allo 0,9%.

L’inflazione ha continuato a salire negli ultimi mesi, ricorda la Bns. Il motivo principale di tale incremento è stato il sensibile aumento del costo dei prodotti petroliferi e dei beni colpiti da difficoltà di approvvigionamento. Ma le tensioni su queste merci potrebbero protrarsi nei prossimi mesi a causa del conflitto in Ucraina.

Nel suo scenario di base per l’economia mondiale la Bns parte dal presupposto che i prezzi dell’energia rimarranno per il momento elevati, ma che le grandi aree economiche non andranno incontro a una penuria energetica acuta. Ci si attende inoltre che, nonostante la guerra scatenata da Mosca, nel complesso la ripresa della congiuntura globale proseguirà, sia pure a ritmi leggermente attenuati.

Il conflitto in Ucarina incide

Sull’economia elvetica il conflitto in Ucraina ha finora inciso soprattutto attraverso il sostanziale aumento dei prezzi delle materie prime, che potrebbe penalizzare i consumi e far lievitare i costi di produzione delle imprese. Anche il commercio estero potrebbe risentire del conflitto, ma non in misura rilevante, in quanto i legami economici diretti della Svizzera con l’Ucraina e la Russia sono deboli. Le difficoltà nell’approvvigionamento di prodotti intermedi importati potrebbero comunque accentuarsi ulteriormente e l’incertezza potrebbe avere effetti avversi sull’attività di investimento.

La crescita elvetica subirà un temporaneo rallentamento, per poi tornare ad accelerare: il Prodotto interno lordo (Pil) dovrebbe salire di circa il 2,5% per quest’anno, a fronte del valore di "circa il 3%" stimato tre mesi or sono. La disoccupazione dovrebbe ancora diminuire leggermente.

Questo è lo scenario base, si diceva. Ma la Bns mette in guardia: l’incertezza è molto elevata. Vi sono rischi di escalation della guerra e di un ulteriore aumento dell’inflazione a livello globale a causa di un acuirsi della penuria di materie prime. Non è inoltre da escludere un nuovo aggravamento della situazione pandemica.

Per l’ennesima volta preoccupazioni giungono anche dal mercato ipotecario e immobiliare: le "vulnerabilità sono ancora aumentate", constata la banca. Su proposta della stessa, il 26 gennaio il Consiglio federale ha riattivato il cosiddetto cuscinetto anticiclico di capitale, cioè lo strumento che obbliga le banche a detenere fondi propri supplementari a copertura dei crediti ipotecari per gli immobili d’abitazione. Un fattore di sicurezza soppresso nel marzo 2020, sulla scia della crisi del Covid, proprio per dare maggiore margine di manovra alle banche nella concessione dei crediti e arginare quindi le conseguenze economiche della pandemia.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
banca nazionale svizzera inflazione
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
Economia
1 gior
Fallimenti aziendali in forte aumento in Svizzera
Il Ticino è fra i cantoni con meno casi di insolvenza. Lo rileva la Dun & Bradstreet
Economia
3 gior
Gli esperti dell’Ubs escludono un rapido calo dell’inflazione
Il rialzo dei prezzi proseguirà anche nel secondo semestre: il tasso annuale dovrebbe attestarsi al 3,1%. Raiffeisen rivede al ribasso le previsioni 2022
Economia
6 gior
Smartphone: crollano le spedizioni in Europa
‘Molti Paesi si stano avvicinando alla recessione, con maggiori tensioni politiche’, scrive Counterpoint Research che si attende una ripresa lunga e lenta
Economia
1 sett
Migliaia di impieghi a rischio a Credit Suisse
L’agenzia Bloomberg riferisce di un piano per attuare una drastica cura dimagrante nei prossimi anni. La banca non commenta
Economia
1 sett
Swiss torna in attivo nel primo semestre
Il fatturato è più che raddoppiato e il numero di passeggeri è quintuplicato. Nel 2020 e 2021 aveva registrato grandi perdite a causa della pandemia
Economia
1 sett
Boom di Airbnb: oltre 100 milioni di notti prenotate in 3 mesi
La piattaforma segna il record di prenotazioni per l’estate, che sarà la più redditizia di sempre. Ricavi in crescita del 58%
Economia
1 sett
Catastrofi naturali, danni per 75 miliardi nel primo semestre
Secondo la stima di Swiss Re, la cifra è inferiore sia a quella del 2021, sia alla media degli ultimi dieci anni
Economia
1 sett
Commercio al dettaglio, aumentato il fatturato a giugno
L’incremento è del 3,2% rispetto all’anno precedente. Lo ha rilevato l’Ufficio federale di statistica.
Economia
2 sett
Fatturato stagnante nel secondo trimestre per Sunrise
Buone notizie dal settore della telefonia mobile, con un aumento netto di 47mila abbonamenti
Economia
2 sett
Profondo rosso per Renault nel primo semestre dell’anno
L’uscita dal mercato russo dopo l’invasione dell’Ucraina pesa sulle casse della casa automobilistica: perdite per 1,6 miliardi di euro
© Regiopress, All rights reserved