laRegione
23.01.23 - 13:34
Aggiornamento: 14:17

Credit Suisse prevede un’inflazione più alta

La banca scommette su un rincaro 2023 che dovrebbe raggiungere l’1,7%, oltre a un aumento pari a 1,75% anche per i tassi della Banca nazionale svizzera

Ats, a cura di Red.Web
credit-suisse-prevede-un-inflazione-piu-alta
Keystone

Credit Suisse corregge al rialzo le sue previsioni sull’inflazione in Svizzera e vede aumentare anche i tassi della Banca nazionale svizzera a un livello più elevato di quanto finora supposto.

In un’analisi diffusa oggi, l’ufficio investimenti della banca scommette ora su un rincaro 2023 che dovrebbe raggiungere l’1,7%, a fronte dell’1,5% stimato finora. Peseranno in particolare gli aumenti delle pigioni. Il pronostico per il 2024 resta per contro ancorato all’1,0%.

Allo stesso tempo stando agli esperti di Credit Suisse per combattere l’inflazione la Banca nazionale svizzera dovrà intervenire con maggiore decisione. In questo senso il tasso guida – che in dicembre è stato aumentato di 0,5 punti, all’1,0% – verrà ritoccato verso l’alto di altri 0,5 punti in marzo, contrariamente alla previsione precedente, che limitava la progressione a 0,25 punti.

Un altro giro di vite, solo però di 0,25 punti, arriverà in giugno, con il tasso di riferimento che in tal modo raggiungerà l’1,75%. E a quel livello rimarrà per il resto del 2023 e per tutto l’anno prossimo, sempre secondo lo scenario tratteggiato dagli specialisti di Credit Suisse. "Riteniamo pertanto che la Banca nazionale svizzera non avrà la stessa flessibilità di altre banche centrali nel ridurre il tasso guida nel 2024", si legge nell’analisi.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
Economia
4 gior
Banca Migros supera il milione di clienti
La clientela nel 2022 registra un +27% rispetto all’anno precedente, sulla scia dell’introduzione della nuova carta di credito Cumulus
Economia
5 gior
Blocchi regionali e protezionismo contro le economie emergenti
I Paesi Non Allineati Nuovi (Nan) temono che la loro crescita venga ostacolata dai muri commerciali eretti da Stati Uniti, Europa e Cina
Economia
5 gior
E all’improvviso nulla più turba le Borse
Inflazione, tassi d’interessi più elevati, rallentamento cinese, timori di recessione: in Europa e negli Usa l’ottimismo si diffonde, nonostante tutto
Economia
1 sett
Lufthansa vuole comprare una quota di Ita Airways
È l’unica offerta arrivata al Governo italiano, tedeschi pronti a rilevare l’intera compagnia aerea
Economia
1 sett
Importante cessione nel settore chimico
Sika, gruppo attivo nelle specialità chimiche, ha deciso di vendere una parte dell’ex filiale del colosso tedesco Basf
Speciale Economia
1 sett
La deglobalizzazione non è la strada giusta
Economia
2 sett
Il franco si indebolisce sull’euro: moneta europea sopra 1,00
È la prima volta dall’inizio di luglio 2022 che l’euro torna sopra la parità
Economia
2 sett
Pry-Cam Home, la nuova frontiera di Prysmian
Il colosso mondiale della produzione di cavi ad alta tecnologia entra nelle case con una tecnologia che monitora la rete elettrica domestica
Economia
2 sett
Anno turbolento alle spalle, 2023 complicato per chi investe
Tensioni geopolitiche, crisi energetica, inflazione, incognite legate alla politica monetaria: quattro analisti valutano le prospettive degli investimenti
Speciale Economia
2 sett
Orientamento costruttivo
© Regiopress, All rights reserved