laRegione
20.05.21 - 12:19

Per la Posta un inizio di 2021 convincente

Nel primo trimestre dell'anno il Gigante Giallo segnala un aumento di 7 milioni dell'utile rispetto allo stesso periodo de l2020, sale anche il fatturato

Ats, a cura de laRegione
per-la-posta-un-inizio-di-2021-convincente
(Keystone)

Utile in aumento, fatturato in leggero rialzo e risultato d'esercizio in calo. Questo in sintesi il primo trimestre della Posta, che parla di un 2021 iniziato col piede giusto. L'azienda è anche soddisfatta di come ha avviato la sua nuova strategia, grazie a una struttura modificata.

Nei primi tre mesi dell'anno la Posta, riferisce un comunicato odierno, ha conseguito un utile di 91 milioni di franchi, vale a dire 7 milioni in più rispetto allo stesso periodo del 2020. Il fatturato è salito di 84 milioni a quota 1829 milioni, mentre il risultato d'esercizio (Ebit) è stato pari a 89 milioni di franchi (-26 mio.).

"A livello operativo la Posta ha iniziato bene il nuovo anno", afferma, citato nella nota, il responsabile Finanze Alex Glanzmann. Nel settore delle lettere, i volumi hanno registrato una diminuzione del 5,1%. Al contrario, continua la crescita dei pacchi: i dipendenti del gigante giallo ne hanno trattato il 34,2% in più.

Nell'ambito della rinnovata organizzazione interna, partita il 1° gennaio, la lavorazione di pacchi e lettere è stata accorpata nella stessa unità. L'unione delle forze nel campo della logistica rafforza l'attività centrale dell'azienda, scrive la Posta, sottolineando che la transizione è avvenuta senza problemi.

"Nella nuova organizzazione, che ci consente maggiore flessibilità, siamo riusciti a trattare gli elevati volumi di pacchi in modo affidabile", commenta infatti ancora Glanzmann. Per quanto riguarda gli altri comparti, positivo anche lo sviluppo di RetePostale, dei Servizi di mobilità con AutoPostale e di Swiss Post Solutions, mentre l'unità Servizi di comunicazione (digitali) ha messo a segno un risultato inferiore.

Presso PostFinance, i depositi dei clienti sono aumentati in confronto al primo trimestre 2020. Queste misure si sono tuttavia tradotte in uno spostamento su investimenti in fondi e titoli. L'andamento del patrimonio ammontava a -1,8 miliardi di franchi nel periodo in rassegna.

PostFinance ha risentito inoltre delle ripercussioni della pandemia di coronavirus, che ha portato le persone a viaggiare di meno. Sono pertanto diminuiti i ricavi da conversioni legate a prelievi di contanti in valuta estera ai bancomat, nonché quelli legati all'impiego di carte di credito.

Da gennaio, il gigante giallo si è dotato di una nuova struttura, che rientra nel quadro della strategia "Posta di domani". Quest'ultima si basa su quattro pilastri (investimenti, crescita, incrementi dell'efficienza e misure tariffarie) e ha l'obiettivo di garantire la solidità del servizio pubblico, puntando allo stesso tempo a semplificare la vita quotidiana delle persone. È invece prematuro definire gli effetti della riorganizzazione sull'esercizio in corso, precisa la società.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
Economia
1 sett
Profondo rosso all’orizzonte per Credit Suisse
Potrebbe raggiungere il miliardo e mezzo di franchi la perdita, ante-imposte, dell’ultimo trimestre dell’istituto di credito
Economia
1 sett
Splendori e miserie della globalizzazione
Il processo d’integrazione internazionale non è forse così malconcio come si dice. Ma si stanno formando nuovi ‘gruppi’ (e l’Ue potrebbe rafforzarsi)
Economia
2 sett
Ftx in bancarotta, trema il mondo delle criptovalute
Dalle stelle alle stalle: per Sam Banked-Fried, il ‘mago di Oz’ delle valute digitali, è il tramonto
Economia
3 sett
La Banca nazionale pensa ulteriori aumenti del tasso guida
Andréa Maechler anticipa le possibili mosse della Bns contro l’inflazione. E ricorda: ‘Il nostro compito non è fare utili’
Economia
3 sett
Costi dei sinistri compensati dall’aumento delle tariffe
Risultati in linea con le attese per Zurich Insurance per i primi nove mesi del 2022. Premi lordi cresciuti dell’8% nel ramo danni e incidenti
Economia
4 sett
Bce e Bank of England, linea dura anche con recessione
Avanti tutta col rialzo dei tassi d’interesse. La Banca centrale inglese li porta al 3%, ai massimi dal 2008.
Economia
1 mese
Elon Musk è ancora l’uomo più ricco al mondo
La posizione nella classifica del fondatore di Tesla e nuovo boss di Twitter nel Billionaires Index è stata confermata. Scivola invece Zuckerberg
Economia
1 mese
Microchip, come l’Europa cerca di risalire sul treno perso
La produzione è nelle mani di un manipolo di Paesi asiatici. Con il Chip Act ora l’Ue getta le basi di una politica industriale dei semiconduttori.
Economia
1 mese
La tesi controcorrente di George Muzinich sull’Italia
Il fondatore di Muzinich & Co. sostiene che ‘il Belpaese ha più di un buon numero da giocare’ e che è ben posizionata rispetto a Germania e Regno Unito
Economia
1 mese
Credit Suisse cancellerà 540 posti in Svizzera entro fine 2022
Il piano di risanamento varato dall’istituto di credito dovrebbe portare alla raccolta di 4 miliardi di franchi tramite l’emissione di nuove azioni
© Regiopress, All rights reserved