laRegione
12.04.21 - 11:04
Aggiornamento: 12:24

Unione svizzera arti e mestieri: stop subito alle restrizioni

Per l'Usam il Consiglio federale tiene conto solo di considerazioni sanitarie e non di fattori come la politica economica e le questioni sociali

unione-svizzera-arti-e-mestieri-stop-subito-alle-restrizioni
Ti-Press

Fine immediata del lockdow: la chiede l'Unione svizzera delle arti e mestieri (Usam), che ha presentato oggi la sua "valutazione critica della situazione".

Per l'organizzazione mantello delle PMI svizzere, l'approccio del Consiglio federale alla crisi si basa quasi esclusivamente su considerazioni sanitarie e non tiene conto di fattori importanti come la politica economia e le questioni sociali.

La crisi del coronavirus è uno "stress test" per la Svizzera, la sua economia e il suo sistema socio-politico, ha dichiarato in una conferenza stampa a Berna il direttore dell'Usam, Hans-Ulrich Bigler. La vera sfida nell'affrontare la pandemia "è soppesare obiettivi contrastanti e trovare un equilibrio tra gli interessi in gioco".

Il piano per una "ripartenza intelligente"

"Test a tappeto, vaccinazioni, tracciamento dei contatti e piani di protezione sono gli elementi che rendono possibile una fine immediata del lockdown e delle misure nefaste che l'accompagnano", secondo la consigliera nazionale e vicepresidente dell'Usam Daniela Schneeberger (PLR/BL).

Queste misure - ha ricordato Schneeberger - fanno parte del piano per una "ripartenza intelligente" ("smart restart") che l'Usam aveva già elaborato durante il primo lockdown e che sono state approvate del Parlamento e inserite nella legge Covid.

Per Schneeberger, il meccanismo applicato ai casi di rigore cela un importante conflitto fra i vari obiettivi. Creando l'illusione di una normalità economica, incoraggia il Consiglio federale a prolungare le chiusure. "I costi di questa politica vengono però rimandati nel futuro", afferma la vicepresidente.

"Coinvolgere le parti sociali"

Per il ticinese Fabio Regazzi, presidente dell'Usam e consigliere nazionale del PPD, il Consiglio federale è prigioniero di scenari ansiogeni e paralizzanti. Sembra intrappolato in una spirale di microgestione che porta a misure assurde e contraddittorie.

"Riteniamo che la task force scientifica faccia parte del problema e non della soluzione", ha inoltre detto Regazzi. Task force che, per il presidente dell'Usam, non ha più alcuna legittimità democratica e i cui membri cercano troppa attenzione da parte dei media.

Regazzi ha quindi ribadito la richiesta di coinvolgere le parti sociali nella ricerca di soluzioni per far fronte alla pandemia. A suo avviso, è necessario istituire uno stato maggiore, con i rappresentanti dei vari dipartimenti, degli uffici federali, dei cantoni, come pure della società civile, e in particolare i partner sociali.

Rivedere la legge sulle epidemie

"La Svizzera si trova per la prima volta confrontata con una situazione d'emergenza ai sensi della legge sulle epidemie", ha dichiarato la consigliera nazionale e membro del consiglio direttivo dell'Usam Diana Gutjahr (UDC/TG).

La deputata ha detto che intende presentare proposte mirate di emendamenti in occasione dei prossimi dibattiti parlamentari. Nel frattempo, occorre "mettere fine immediatamente alla politica fallimentare delle chiusure".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
Speciale Economia
1 gior
Partenza in tromba nell’Eurozona
Economia
6 gior
Per Ubs il 2022 si chiude con il segno positivo
Nel quarto trimestre la banca ha registrato un utile di 1,65 miliardi, per un totale complessivo di 7,63 sull’arco dell’intero anno
Economia
1 sett
Banca Migros supera il milione di clienti
La clientela nel 2022 registra un +27% rispetto all’anno precedente, sulla scia dell’introduzione della nuova carta di credito Cumulus
Economia
2 sett
Credit Suisse prevede un’inflazione più alta
La banca scommette su un rincaro 2023 che dovrebbe raggiungere l’1,7%, oltre a un aumento pari a 1,75% anche per i tassi della Banca nazionale svizzera
Economia
2 sett
Blocchi regionali e protezionismo contro le economie emergenti
I Paesi Non Allineati Nuovi (Nan) temono che la loro crescita venga ostacolata dai muri commerciali eretti da Stati Uniti, Europa e Cina
Economia
2 sett
E all’improvviso nulla più turba le Borse
Inflazione, tassi d’interessi più elevati, rallentamento cinese, timori di recessione: in Europa e negli Usa l’ottimismo si diffonde, nonostante tutto
Economia
2 sett
Lufthansa vuole comprare una quota di Ita Airways
È l’unica offerta arrivata al Governo italiano, tedeschi pronti a rilevare l’intera compagnia aerea
Economia
3 sett
Importante cessione nel settore chimico
Sika, gruppo attivo nelle specialità chimiche, ha deciso di vendere una parte dell’ex filiale del colosso tedesco Basf
Speciale Economia
3 sett
La deglobalizzazione non è la strada giusta
Economia
3 sett
Il franco si indebolisce sull’euro: moneta europea sopra 1,00
È la prima volta dall’inizio di luglio 2022 che l’euro torna sopra la parità
© Regiopress, All rights reserved