laRegione
locarno-green-project-un-film-festival-ancora-piu-verde
28.06.22 - 12:21

Locarno Green Project, un Film Festival ancora più verde

Da quest’anno nel Palmarès il Pardo Verde WWF per il film che meglio riflette la tematica ambientale, e un fondo tematico, il Green Film Fund

Un nuovo colore si aggiunge alla palette giallonera del Locarno Film Festival: il verde. Verde come l’impegno verso l’ambiente, che la manifestazione ha intrapreso convertendosi a Climate Neutral Event nel 2010 e impegnandosi a raggiungere una selezione di obiettivi sostenibili definiti dalle Nazioni Unite. Verde anche come tutte le azioni introdotte per sensibilizzare il pubblico, dalla promozione della mobilità intelligente, a quella del riciclaggio, fino alla redazione, dal 2021, di un rapporto di sostenibilità annuale.

Il 2022, oltre a coincidere con il 75esimo anniversario della manifestazione, segna un importante passo in questa direzione, grazie allo sviluppo del Locarno Green Project, un piano articolato di iniziative volte a promuovere i film che nella loro narrazione affrontano questioni ambientali proponendo pratiche produttive lungimiranti: le prime a prendere il via saranno il Pardo Verde WWF e il Green Film Fund.

Raphaël Brunschwig, Managing Director del Locarno Film Festival: "Con il Locarno Green Project si apre un nuovo capitolo nella storia del Locarno Film Festival, da sempre attento alle istanze del suo tempo. La sostenibilità è una riflessione centrale per la società contemporanea, che proprio in questo momento ha bisogno di un ribaltamento di pensiero e di nuovi strumenti per affrontare al meglio il futuro. Un evento culturale come Locarno può quindi offrirsi come generatore, promotore e diffusore di una nuova prospettiva, incentivando opere e autori che lavorano nel rispetto dell’ecosistema e che creano nuove narrazioni capaci di sensibilizzare il pubblico."

Un nuovo Pardo e un nuovo colore nel Palmarès

Un riconoscimento speciale, in collaborazione con WWF, andrà poi a nutrire il Palmarès del Festival già da quest’anno: i Locarno Green Project tra tutte le sezioni competitive del Festival, offrendo al pubblico interpretazioni nuove e stimolanti. L’inedita statuetta verde, che verrà consegnata durante la cerimonia di premiazione dal direttore generale di WWF Svizzera Thomas Vellacott, sarà protagonista a Locarno75 e nel futuro della manifestazione, e permetterà di veicolare in modi nuovi il messaggio sostenibile del Festival, nella convinzione che anche gli eventi culturali possano incidere in maniera tangibile nel cambiare la società e i comportamenti quotidiani.


Thomas Vellacott, direttore generale di WWF Svizzera: "Da anni il mondo dello spettacolo si sta avvicinando alle tematiche ambientali. Tanti sono le attrici e gli attori che sostengono il WWF. Registi, documentaristi, volti noti del grande e del piccolo schermo: il loro lavoro è essenziale e significativo per sensibilizzare ed ispirare l’opinione pubblica. Quindi per noi è un onore essere madrine e padrini del premio Pardo Verde WWF. Essere coiniziatori del Locarno Green Project ci permette di sostenere tutti quei professionisti e quelle professioniste del mondo del cinema, che hanno scelto produzioni e tematiche che tutelano l’ambiente."

I fondi tematici: la nuova strada per il cambiamento

L’esperienza positiva di The Films After Tomorrow, sezione competitiva creata per l’edizione 2020 del Festival e che ha fatto di Locarno un vero e proprio finanziatore di progetti cinematografici, ha aperto una nuova fase per la manifestazione, diventata sempre più attiva nella produzione e creazione di contenuti. Uno degli strumenti dimostratosi più efficace e in linea con la sua missione, quello dei fondi tematici, verrà così incrementato nei prossimi anni, nell’ottica di rafforzare la posizione del Festival come catalizzatore di cambiamento e di riflessioni sul futuro del cinema.

Su questa scia, il Locarno Green Project includerà già un innovativo fondo tematico per la creatività e la sensibilizzazione ambientale, il Green Film Fund, attualmente in fase di sviluppo in vista del suo lancio previsto per il 2023: ogni anno verranno selezionati dei progetti cinematografici che propongano una profonda riflessione critica su un’ampia gamma di temi verdi; opere che, tramite la loro qualità artistica e l’unicità della visione registica, favoriscano la consapevolezza ambientale, con un impatto concreto sulla società.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
Estate giallo-nera
22 ore
‘Quer pasticciaccio’ di Carlo Emilio Gadda
‘Quer pasticciaccio brutto de via Merulana’, 1957: scrittura che corre da ferma, personaggi promossi protagonisti appena nominati, spregiudicatezza
Spettacoli
1 gior
Addio a Wolfgang Petersen, diresse ‘La storia infinita’ e ‘Troy’
Il regista tedesco aveva 81anni. Fra gli attori da lui diretti, Clint Eastwood, Dustin Hoffman, George Clooney, Harrison Ford e Brad Pitt
Culture
2 gior
Che basta un colpo di vento e il festival di Arzo prende il volo
Da giovedì 18 a domenica 21 agosto, ad Arzo e nella ‘flilale’ Meride, torna il Festival internazionale della narrazione, edizione 22 (come l’anno...)
L'intervista
2 gior
Julia Murat: ‘Per Bolsonaro saremo un vanto o l’immoralità noir’
La regista di ‘Regra 34’, Pardo d’oro al Miglior film, felice con moderazione: ‘Temiamo che il presidente o i suoi approfittino di questo premio’
L'intervista
2 gior
Gigi la legge che non multa a Locarno e si prende un premio
Un ritorno, quello di Alessandro Comodin, quest’anno Premio speciale della Giuria, già premiato nel 2011 a Locarno per ‘L’estate di Giacomo’.
L'intervista
2 gior
Locarno75 e il futuro, also sprach Rapahël Brunschwig
La governance futura non è di competenza del managing director’, che sul nuovo presidente rimanda al Cda. E sui numeri del 75esimo...
Sostiene Morace
2 gior
Lunga vita al Festival (quanto ai premi, ‘de gustibus’)
‘Regra 34’, confuso e ripetitivo. Meglio ‘Gigi la legge’. Solari lascia o fa come al 70esimo? L’augurio è quello di trovare una figura all’altezza.
Arte
2 gior
Morto Dmitri Vrubel: dipinse il bacio fra Breznev e Honecker
L’artista russo è morto a 62 anni per complicazioni da Covid-19. Suo il celebre graffito sul Muro di Berlino
Locarno 75
2 gior
Pardi per tre, una condanna alla selezione
Sokurov e Fahdel non erano nelle corde: la Giuria, evidentemente figlia del suo tempo, ha premiato la libertà espressiva più che regole e grammatica
Il ricordo
3 gior
Piero Angela e la gentilezza della scienza
Raccontare la scienza con garbo, chiarezza e senso della meraviglia: nel giorno dei funerali, le lezioni del grande divulgatore morto sabato a 93 anni
© Regiopress, All rights reserved