laRegione
16.05.22 - 19:33

Una locomotiva pardata per legare Festival e Ffs

Inaugurata alle Officine di Bellinzona la locomotrice che per un anno porterà Locarno in giro per la Svizzera

di Ivo Silvestro
una-locomotiva-pardata-per-legare-festival-e-ffs
Ti-Press

Il Locarno film festival viaggerà per tutta la Svizzera nell’anno della sua 75ª edizione: oggi alle Officine di Bellinzona è stata inaugurata la "locomotiva pardata" che per il prossimo anno attraverserà il territorio nazionale – e con un po’ di malizia già la si immagina arrivare nella stazione centrale di Zurigo nei giorni dello Zurich film festival.

Questa locomotiva, con la sua appariscente colorazione nera e gialla, rappresenta un po’ il complemento di un’altra iniziativa del Locarno film festival, le nuove sedie di Piazza Grande acquistate con il contributo dei Comuni di tutta la Confederazione: da una parte la Svizzera che viene nel cuore del Festival, dall’altra il Festival che viaggia attraverso il Paese. Ma sarebbe ingiusto pensare alla locomotiva pardata solo come a un’iniziativa di marketing: dietro questa collaborazione tra Ffs e Locarno film festival c’è molto altro, anche a livello simbolico. La verniciatura della locomotiva è infatti avvenuta alle Officine di Bellinzona e vicino alla monumentale "Cattedrale" sia il direttore delle Officine Ffs Francesco Giampà, sia il presidente del festival Marco Solari – che svolse un importante ruolo nella mediazione tra maestranze e dirigenza delle ferrovie – hanno ricordato lo sciopero del 2008, quando il destino dello stabilimento pareva inevitabile. A livelli differenti, ha sottolineato Solari, sia le Ferrovie sia il Festival hanno contribuito alla modernizzazione e all’apertura del Ticino. Ad accomunare le due realtà, aveva detto la direttrice Regione Sud delle Ffs Roberta Cattaneo, è la capacità di mettere in contatto, di creare connessioni.

A rappresentare tutto questo, non solo la locomotiva pardata: come specificato sempre da Roberta Cattaneo, a luglio si aggiungerà un treno Tilo battezzato "Locarno film festival" e, gradita novità per i festivalieri utenti delle ferrovie, il treno delle 0.25 che nei giorni del Locarno film festival partirà alle 0.50, permettendo agevolmente di vedere il film in Piazza Grande.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Culture
L’intervista
1 ora
Si alza forte ‘Il suono della guerra’
Un imponente resoconto di come la musica possa scendere in trincea e il conflitto possa ‘comporre’ musica: con Carlo Piccardi tra le pagine del suo libro
SALUTE
15 ore
L’Irb e gli anticorpi che ‘placcano’ il coronavirus
Agiscono sulle parti che non mutano, aprendo nuove prospettive non solo contro il Covid
Otium
17 ore
John Basset Trumper, l’intervista; Rosetta Loy, il ricordo
Incontro con il linguista gallese, che ha applicato fonetica e linguistica alle inchieste giudiziarie. E un ritratto della scrittrice, morta nel 2022
Scienze
19 ore
L’uomo ha danneggiato l’Amazzonia più di quanto temuto sinora
La foresta amazzonica, costantemente minacciata dall’attività umana, ha già perso il 20% della sua superficie dall’inizio della colonizzazione europea
Culture
19 ore
Il furto della memoria
A colloquio con Renato Sarti, attore, drammaturgo e regista, che tanto ha indagato sugli orrori della Seconda guerra mondiale
Progetto Babel
21 ore
Raccontarsi con una lingua adottiva
Il rapporto fertile fra lingua madre e lingua adottiva nei corsi del progetto di Babel Festival ‘L’altralingua’. Venerdì un incontro pubblico a Bellinzona
storia
23 ore
Il volontario Guido e Margherita
Un volume storico raccoglie le lettere fra il 1937 e il 1947 dei coniugi Tedaldi: dalla guerra civile spagnola alla fine del secondo conflitto mondiale.
Culture
1 gior
Gabriele Nissim, il ‘Giorno della Memoria’ non sia una trappola
Nella Giornata che ricorda la Shoah, l’ideatore dei ‘Giardini dei Giusti’: ‘Ricordare non basta se non ci si impegna contro tutti i genocidi’
Scienze
1 gior
Anche le formiche nel loro piccolo s’inca**ano: colpa del clima
Uno studio austriaco su colonie di formiche da Svizzera, Austria, Francia e Italia dimostra che quelle in arrivo dalle zone più calde sono più aggressive
Figli delle stelle
1 gior
Maestro, che ne pensa dei Måneskin?
Måneskin, ‘Rush!’ - ★★★★✩ - Per Uto Ughi sono ‘un’offesa alla cultura e all’arte’, ma il mondo della musica classica (almeno una parte di esso) è cambiato
© Regiopress, All rights reserved